Il le­ghi­sta To­nel­li: «Sul ca­so Cucchi non chie­do scu­sa»

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Di Bep­pe Per­si­chel­la

«Chie­de­re scu­sa a Ila­ria Cucchi? No, è an­drò avan­ti con il ri­cor­so». Le pa­ro­le del ca­ra­bi­nie­ri Te­de­sco e la suc­ces­si­va ri­chie­sta di scu­se da par­te di Ila­ria Cucchi non scal­fi­sco­no Gian­ni To­nel­li, ex se­gre­ta­rio Sap og­gi de­pu­ta­to le­ghi­sta, con­dan­na­to ad apri­le in pri­mo gra­do per aver dif­fa­ma­to la so­rel­la di Stefano.

Do­po la te­sti­mo­nian­za del ca­ra­bi­nie­re Fran­ce­sco Te­de­sco sul pe­stag­gio di Stefano Cucchi, la so­rel­la Ila­ria si aspet­ta le scu­se di mol­ti. E tra que­sti c’è Gian­ni To­nel­li. Per an­ni se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le del Sap (Sin­da­ca­to au­to­no­mo di po­li­zia), To­nel­li il 4 mar­zo è sta­to elet­to de­pu­ta­to del­la Le­ga in Emi­lia-Romagna. Un me­se do­po il tri­bu­na­le di Bo­lo­gna lo ha con­dan­na­to a 500 eu­ro di mul­ta per dif­fa­ma­zio­ne nei con­fron­ti del­la so­rel­la e dei ge­ni­to­ri di Stefano Cucchi per que­sta fra­se: «Se uno ha di­sprez­zo per la pro­pria con­di­zio­ne di sa­lu­te, se uno con­du­ce una vi­ta dis­so­lu­ta, ne pa­ga le con­se­guen­ze».

To­nel­li, si scu­sa con Ila­ria Cucchi?

«Cre­do di non aver nul­la di cui scu­sar­mi. Quel­la mia di­chia­ra­zio­ne non era ri­fe­ri­ta so­lo al sin­go­lo ca­so ma a tut­ta una se­rie di ca­si e di­ce­vo chia­ra­men­te che l’uni­ca stra­da per com­bat­te­re il pro­ces­so me­dia­ti­co (che è una bar­ba­rie) so­no le te­le­ca­me­re, di cui de­vo­no es­se­re do­ta­te ca­ser­me e agen­ti. So­lo co­sì ci si at­tie­ne ai fat­ti. Ve­dia­mo co­me va a fi­ni­re il pro­ces­so. Quel che ha det­to Te­de­sco è mol­to gra­ve e do­vrà ri­spon­de­re del per­ché non lo ab­bia det­to pri­ma, no­no­stan­te sia sta­to già sen­ti­to du­ran­te il pri­mo pro­ces­so, de­vian­do co­sì l’opi­nio­ne pub­bli­ca e l’in­for­ma­zio­ne».

Tra pres­sio­ni e in­ti­mi­da­zio­ni, non è sta­to fa­ci­le per Te­de­sco rac­con­ta­re la sua ver­sio­ne in que­sti an­ni.

«E per qua­le mo­ti­vo non era fa­ci­le? Du­ran­te il di­bat­ti­men­to ha avu­to i pm da­van­ti, si tro­va­va in un’au­la ter­za non in una ca­ser­ma».

Te­de­sco ha an­che de­nun­cia­to la scom­par­sa di un’annotazione di ser­vi­zio, in cui già de­scri­ve­va il pe­stag­gio.

«Vo­glio ve­de­re se è scom­par­sa o no, que­sto non lo so. Au­gu­ro so­lo al­la fa­mi­glia di ot­te­ne­re giu­sti­zia, per­ché io ho la­vo­ra­to in que­sti an­ni so­lo per la ve­ri­tà. Al­tri­men­ti che in­te­res­se avrei avu­to a pren­de­re un pez­zo di ghi­sa ro­ven­te nel­le ma­ni e strin­ger­lo se non per il de­si­de­rio di ve­ri­tà, quan­do sa­pe­vo che tut­to que­sto mi avreb­be dan­neg­gia­to? Ora ci so­no so­lo due pos­si­bi­li­tà: Te­de­sco di­ce il ve­ro o no.

” Le pa­ro­le di Te­de­sco Gra­vi se ve­re, il pro­ces­so si de­ve an­co­ra fa­re Ma og­gi ce l’ho con lui: do­ve­va par­la­re pri­ma

Se ha det­to il ve­ro, ho mo­ti­vo di es­se­re ri­sen­ti­to nei suoi con­fron­ti per­ché ho pre­so de­ter­mi­na­te po­si­zio­ni in fun­zio­ne de­gli at­ti giu­di­zia­ri e di quel­lo che lui non ha det­to. Ma ol­tre a me si de­vo­no ri­sen­ti­re an­che la fa­mi­glia e il si­ste­ma me­dia­ti­co».

Ma di Ales­sio Di Ber­nar­do e Raf­fae­le D’Ales­san­dro, gli al­tri due ca­ra­bi­nie­ri chia­ma­ti in cau­sa da Te­de­sco per il pe­stag­gio, co­sa si sen­te di di­re?

«Se Te­de­sco ha det­to la ve­ri­tà quei due so­no col­pe­vo­li e han­no del­le re­spon­sa­bi­li­tà an­cor più gra­vi. Se fos­se ve­ro, io sa­rei ar­rab­bia­to con tut­ti: con chi l’ha fat­to e con chi ave­va l’ob­bli­go di im­pe­dir­lo e de­nun­ciar­lo im­me­dia­ta­men­te».

Do­po il de­cre­to pe­na­le di con­dan­na per dif­fa­ma­zio­ne lei ha an­nun­cia­to ri­cor­so. Re­sta in pie­di al­la lu­ce di quan­to ac­ca­du­to?

«Io non ho com­mes­so nes­su­na dif­fa­ma­zio­ne e mi di­fen­de­rò in giudizio».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.