Mar­ti­no ri­por­ta tut­ti a ter­ra: «Com­pli­men­ti a fi­ne sta­gio­ne»

Sul par­quet ami­co del Pa­laDoz­za la For­ti­tu­do aspet­ta Imo­la. Il coa­ch: «Evi­ta­re di ab­bas­sa­re la guar­dia per­ché ogni par­ti­ta sa­rà una bat­ta­glia»

Corriere di Bologna - - SPORT - En­ri­co Schia­vi­na © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Sen­tir­si la più bel­la del rea­me e da­re già il suc­ces­so per scon­ta­to: è for­se l’uni­co ri­schio che cor­re la For­ti­tu­do, che aspet­ta Imo­la sta­se­ra al Pa­laDoz­za do­po una set­ti­ma­na di lo­di sper­ti­ca­te per l’esor­dio di Ve­ro­na. «Gli uni­ci com­pli­men­ti che mi in­te­res­sa­no so­no quel­li di fi­ne sta­gio­ne», di­ce An­ti­mo Mar­ti­no guar­dan­do al­la se­con­da di cam­pio­na­to, già co­stret­to a smor­za­re la trop­pa ec­ci­ta­zio­ne do­po la pri­ma. «Ab­bia­mo vin­to una so­la par­ti­ta, ma­ga­ri im­por­tan­te, ma se per­dia­mo in ca­sa con Imo­la non si­gni­fi­che­reb­be più nul­la. E i ra­gaz­zi lo san­no be­nis­si­mo». Si di­reb­be trop­po esper­ta, que­sta La­vo­ro­più, per ca­sca­re nel­la trap­po­la. «Evi­ta­re di ab­bas­sa­re la guar­dia, an­che in­con­scia­men­te: ogni par­ti­ta sa­rà una bat­ta­glia, com­ple­ta­men­te di­ver­sa dal­la pre­ce­den­te», è il pen­sie­ro del coa­ch del mo­men­to. Che ma­ga­ri un po’ esagera, de­fi­nen­do quel­la di sta­se­ra «la par­ti­ta più in­si­dio­sa di que­sto ci­clo ini­zia­le, per­ché con Ve­ro­na, Tre­vi­so e Udi­ne la ten­sio­ne sa­rà al­ta per for­za, men­tre io in­si­sto a non sot­to­va­lu­ta­re Imo­la», ma cer­to fa be­ne a te­ne­re sul chi vi­ve tut­to l’am­bien­te, sto­ri­ca­men­te in­cli­ne a en­tu­sia­smi trop­po facili. Del du­ris­si­mo ca­len­da­rio del­le pri­me quat­tro gior­na­te que­sta è l’uni­ca par­ti­ta da vin­ce­re per for­za, per poi pre­pa­rar­si al me­glio per due in­cro­ci im­por­tan­tis­si­mi, al Pa­la­ver­de do­me­ni­ca 21 e in ca­sa con Udi­ne mer­co­le­dì 24. Nel frat­tem­po que­sta An­drea Co­sta va pe­rò ri­spet­ta­ta, an­che per­ché «ha già di­mo­stra­to di ave­re for­za, bat­ten­do su­bi­to Udi­ne, ha espe­rien­za e ta­len­to, e se la­scia­ta gio­ca­re al suo rit­mo di­ven­ta mol­to pe­ri­co­lo­sa», va­lu­ta il coa­ch mo­li­sa­no. Avan­ti tut­ta ma an­co­ra sen­za Man­ci­nel­li, il ca­pi­ta­no se ne sta­rà an­co­ra a ri­po­so, il suo gi­noc­chio an­co­ra non è a po­sto.

«Non è un pro­ble­ma gra­ve, ma pre­fe­ria­mo aspet­ta­re che sia gua­ri­to com­ple­ta­men­te, aven­do già di­mo­stra­to di po­ter far be­ne sen­za di lui». Cioè con den­tro Pi­ni, gran­de pro­ta­go­ni­sta in Su­per­cop­pa e a Ve­ro­na, al pun­to da far na­sce­re il so­spet­to che al ri­tor­no del Mancio non vi sa­rà più spa­zio per tut­ti. Teo­ria che na­tu­ral­men­te il tec­ni­co in­te­res­sa­to re­spin­ge: «Man­ci­nel­li re­sta im­por­tan­te, Pi­ni lo sta di­ven­tan­do, e la co­sa per me ha so­lo aspet­ti po­si­ti­vi. Ri­sor­se in più per la squa­dra, che più lun­ga di­ven­ta, me­glio è. Va­le lo stes­so per Cin­cia­ri­ni, al­tra ar­ma in più da sfrut­ta­re quan­do sa­rà tor­na­to a po­sto». C’è già sta­ta la Su­per­cop­pa ma è di fat­to l’esor­dio ca­sa­lin­go, a pa­laz­zo pie­no, cur­ve ge­mel­la­te ma am­bien­te ca­ri­co, de­ci­so a far pe­sa­re il fat­to­re cam­po, per­ché non è det­to che l’attacco gi­ri sem­pre co­me un oro­lo­gio.

«A Ve­ro­na è suc­ces­so e va be­ne, ma è con la di­fe­sa che ci ga­ran­ti­sce il fu­tu­ro. A mag­gior ra­gio­ne in ca­sa, do­ve bi­so­gne­rà man­da­re su­bi­to un mes­sag­gio for­te, di im­pat­to» av­ver­te Mar­ti­no. An­che per­ché si pro­spet­ta un mat­ch dai te­mi tec­ni­ci di­ver­sis­si­mi, con­tro un’av­ver­sa­ria che non spa­re­rà cer­to più da tre che da due co­me l’ir­re­quie­ta Ve­ro­na, ma al con­tra­rio ha for­za in­ter­na, me­no fre­schez­za atle­ti­ca ma più pa­zien­za. Ora si chia­ma La Na­tu­rel­le, non ha più il di­no­sau­ro Mag­gio­li ma il suo tas­so di espe­rien­za è ri­ma­sto al­tis­si­mo.

C’è sem­pre l’or­mai 39en­ne Pra­to, che pe­rò da un me­set­to ha no­ie mu­sco­la­ri e sta­se­ra fa­rà pro­ba­bil­men­te il ca­pi­ta­no non gio­ca­to­re co­me l’ami­co Mancio, e c’è il ri­tor­no di Ro­bert Ful­tz do­po le de­lu­sio­ni del­la sta­gio­ne scor­sa, da cui pro­vie­ne pu­re il suo cam­bio, l’im­ber­be Mar­co Mon­ta­na­ri da Ca­stel­mag­gio­re. Sta­gio­na­ti pu­re gli ame­ri­ca­ni, Bo­wers e Ray­mond, 37 e 31 an­ni, ruo­lo 2 e 4, il se­con­do mol­to be­ne in cop­pia con Le­le Ros­si, cen­tro­ne 36en­ne di di­men­sio­ne stret­ta­men­te in­ter­na, bel­la sfi­da per il cal­dis­si­mo duo Pi­ni-Leu­nen di que­sti tem­pi. E poi Imo­la con­tro la Ef­fe è am­pia­men­te in cre­di­to con la for­tu­na: l’an­no scor­so ci ha per­so due vol­te su due all’ul­ti­mo se­con­do, e al Pa­laDoz­za se l’è gio­ca­ta al pe­lo pu­re nei due an­ni pre­ce­den­ti.

Al ti­mo­ne

An­ti­mo Mar­ti­no ha pre­so il te­sti­mo­ne da Mat­teo Bo­ni­ciol­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.