Za­fón rac­con­ta la ma­gia di scri­ve­re «Co­sì vi­vo mil­le vi­te»

Il più let­to fra gli scrit­to­ri spa­gno­li vi­ven­ti, ospi­te a Cor­ti­na, rac­con­ta la fi­ne del­la te­tra­lo­gia di Bar­cel­lo­na, con «Il la­bi­rin­to de­gli spi­ri­ti» «Ar­ri­ve­der­ci de­fi­ni­ti­vo al pro­ta­go­ni­sta: ha ca­pi­to il va­lo­re del­la me­mo­ria»

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA -

«Ve­de­te quel rag­gio di so­le die­tro il Fa­lo­ria? Sto eser­ci­tan­do il mio ma­gi­co po­te­re. Do­ve­va pio­ver­ci in te­sta, e in­ve­ce...». Cor­ti­na un po’ go­ti­ca, co­me le sto­rie rac­col­te nei suoi li­bri: la gior­na­ta ug­gio­sa, le nu­vo­le, la neb­bio­li­na che sa­le dal Ca­do­re, il so­le che si fa ve­de­re so­lo a mo­men­ti. Ma den­tro, nel­la sa­la dell’Ale­xan­der Hall, ad aspet­ta­re Car­los Ruiz Za­fón ci so­no sei­cen­to let­to­ri, tra alun­ni del­le scuo­le e sem­pli­ci ap­pas­sio­na­ti. E que­sto, for­se, è il ve­ro ma­gi­co po­te­re di Za­fón: por­tar­si die­tro, ovun­que rac­con­ti le sue sto­rie, un pub­bli­co im­po­nen­te, uni­to da se­gre­ti, in­vi­si­bi­li le­ga­mi.

Do­po l’in­con­tro a Por­de­no­ne­leg­ge (e pri­ma di Ve­ne­zia, do­ve sa­rà og­gi, al Fon­da­co dei Te­de­schi) è a Una Mon­ta­gna di Li­bri che il più let­to tra gli au­to­ri vi­ven­ti in lin­gua spa­gno­la sce­glie di par­la­re. Lo fa al cul­mi­ne di una sta­gio­ne da re­cord, che ha vi­sto cir­ca 20mi­la pre­sen­ze com­ples­si­ve in sa­la per il fe­sti­val di in­con­tri con l’au­to­re di Cor­ti­na d’Am­pez­zo (che og­gi si chiu­de con l’in­ter­ven­to di Mar­cel­lo Co­ro­ni­ni, or­ga­niz­za­to con Cor­ti­na For Us). L’au­to­re del­la te­tra­lo­gia di Bar­cel­lo­na, co­min­cia­ta con L’om­bra del ven­to e che ades­so si con­clu­de con Il la­bi­rin­to de­gli spi­ri­ti (Mon­da­do­ri), rac­con­ta al Cor­rie­re del Ve­ne­to il suo per­so­na­le rap­por­to con la scrit­tu­ra.

Dal 2001 al 2016, un quin­di­cen­nio di scrit­tu­ra per quat­tro li­bri che han­no ven­du­to mi­lio­ni di co­pie in tut­to il mon­do. Co­me si è sen­ti­to quan­do ha chiu­so l’ul­ti­ma ri­ga di una sto­ria du­ra­ta tre­mi­la pa­gi­ne?

«Po­trei ri­spon­de­re par­ten­do dal fat­to che i ti­to­li dei va­ri ca­pi­to­lo di que­st’ul­ti­mo li­bro, Il la­bi­rin­to de­gli spi­ri­ti, so­no pre­si dal­la mes­sa da re­quiem: Ki­rie Elei­son, Dies Irae, e co­sì via. Non è una scel­ta ca­sua­le, ov­via­men­te. La ra­gio­ne è pro­prio che sia­mo or­mai ar­ri­va­ti al­la fi­ne. I miei let­to­ri si sen­to­no a ca­sa con le sto­rie del­la fa­mi­glia Sem­pe­re, con Da­niel, con Isa­be­la, e tut­ti gli al­tri: ma que­sta vol­ta, fi­nal­men­te, tut­ti i fi­li ti­ra­ti in que­sto e ne­gli al­tri li­bri con­du­co­no a una con­clu­sio­ne, all’in­ca­stro del­le sto­rie. Ar­ri­via­mo al cuo­re del­la ve­ri­tà, ogni pez­zo tro­va il suo in­ca­stro. Que­sto va­le per il let­to­re ma an­che per lo scrit­to­re, cioè per il sot­to­scrit­to. A vol­te mi è ca­pi­ta­to, do­po mol­ti gior­ni di la­vo­ro in­ten­so, di ren­der­mi con­to che dav­ve­ro mi ero ad­den­tra­to nel mio

stes­so uni­ver­so di im­ma­gi­na­zio­ne, che ave­vo un po’ per­so il con­tat­to con il re­sto del mon­do. Uscir­ne bru­sca­men­te è bel­lo ma è an­che stra­nian­te: ero nel li­bro, tor­no al­la vi­ta nor­ma­le, ma la mia men­te, in qual­che mo­do, è an­co­ra là. Nel rac­con­to».

La sto­ria del Ci­mi­te­ro dei li­bri di­men­ti­ca­ti si con­clu­de. Per lei, per i let­to­ri. Ma for­se, so­prat­tut­to, per il pro­ta­go­ni­sta Da­niel.

«Per lui è un ar­ri­ve­der­ci de­fi­ni­ti­vo, e in un cer­to sen­so un mo­do per esor­ciz­za­re le ul­ti­me co­se che an­da­va­no ri­sol­te, nel­la sua lun­ga av­ven­tu­ra. Lo ave­va­mo in­con­tra­to all’ini­zio dell’Om­bra del ven­to: era un ra­gaz­zi­no os­ses­sio­na­to dall’as­sen­za del­la sua ma­dre mor­ta, qua­si un fan­ta­sma che aleg­gia­va in tut­ta la sto­ria. Al­la fi­ne di que­sto ro­man­zo vie­ne a sa­pe­re che co­sa le è suc­ces­so, e in­sie­me tro­va una con­clu­sio­ne, nel­la sua vi­ta di per­so­nag­gio. Ca­pi­sce il si­gni­fi­ca­to e il va­lo­re del­la me­mo­ria, e mol­te al­tre co­se».

C’è un li­bro che ha let­to e che l’ha in­fluen­za­ta in mo­do par­ti­co­la­re?

«Per me l’at­to di leg­ge­re e di scri­ve­re so­no en­tram­bi una sor­ta di ma­gia, in un cer­to sen­so spe­cu­la­re. At­tra­ver­so l’in­chio­stro e la car­ta è pos­si­bi­le vi­ve­re mil­le vi­te, e per fa­re que­sto non c’è bi­so­gno di de­na­ro né di al­tro. È per que­sto che, vo­len­do ca­pi­re esat­ta­men­te co­me fa­ces­se­ro gli au­to­ri a pro­dur­re le lo­ro ope­re, vo­len­do car­pi­re il mec­ca­ni­smo se­gre­to che ne era al­la ba­se, ho let­to qual­sia­si ge­ne­re di li­bro: dai gial­li al fan­ta­sy, dall’av­ven­tu­ra ai fu­met­ti. Dun­que non c’è un li­bro in par­ti­co­la­re che mi ab­bia in­fluen­za­to più de­gli al­tri. Ai gio­va­ni di­co di ri­cor­da­re l’im­por­tan­za che ha il mon­do del­la lo­ro stes­sa im­ma­gi­na­zio­ne E ov­via­men­te di leg­ge­re più li­bri pos­si­bi­le».

Um­ber­to Eco ha det­to: chi non leg­ge, a set­tant’an­ni avrà vis­su­to una so­la vi­ta, la pro­pria. Chi leg­ge avrà vis­su­to cin­que­mi­la an­ni.

«La vi­ta è bre­ve, mol­to bre­ve, pas­sa in un lam­po. Sem­pre ai ra­gaz­zi di­co: mol­to pre­sto voi che ades­so ave­te se­di­ci, di­cias­set­te an­ni vi ri­tro­ve­re­te ad ave­re l’età che ho io ora. Vi sem­bre­rà che sia­no pas­sa­ti so­lo die­ci mi­nu­ti, e in­ve­ce... Dun­que go­de­te­vi i li­bri, se vo­le­te ave­re una vi­ta più lun­ga e mi­glio­re».

Ospi­te a Cor­ti­na Car­los Ruiz Za­fón, il più let­to de­gli au­to­ri spa­gno­li vi­ven­ti, è sta­to pro­ta­go­ni­sta di Una Mon­ta­gna di Li­bri

Il li­bro «Il la­bi­rin­to de­gli spi­ri­ti» (Mon­da­do­ri), è ul­ti­ma fa­ti­ca di Za­fón

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.