In­va­li­do, va a mo­ri­re in Sviz­ze­ra

Pa­ra­liz­za­to da qua­rant’an­ni do­po un in­ci­den­te e cie­co. Du­ro me­mo­ria­le d’ac­cu­sa

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - Zic­chie­ro

Lo­ris Ber­toc­co, 59 an­ni, pa­ra­liz­za­to dall’età di 19 an­ni do­po un in­ci­den­te in mo­to­ri­no, cie­co, no­to per le sue bat­ta­glie eco­lo­gi­ste (è sta­to tra i fon­da­to­ri dei Ver­di), ha scel­to di mo­ri­re in Sviz­ze­ra. Pri­ma dell’ad­dio, ie­ri ha chia­ma­to gli ami­ci per con­ge­dar­si e ha po­sta­to su Fb Don’t Ju­st Di­sap­pear, can­zo­ne dei Brea­thless del 1993. Ha la­scia­to un du­ro me­mo­ria­le d’ac­cu­sa al­le isti­tu­zio­ni.

«Ora è ar­ri­va­to il mo­men­to. Por­to con me l’amo­re che ho ri­ce­vu­to e la­scio que­sto scrit­to au­gu­ran­do­mi che pos­sa scuo­te­re un po’ di co­scien­ze ed es­se­re di aiu­to al­le tan­te per­so­ne che stan­no af­fron­tan­do ogni gior­no un ve­ro e pro­prio cal­va­rio». Il mo­men­to per Lo­ris Ber­toc­co, 59 an­ni com­piu­ti a giu­gno, è ar­ri­va­to ie­ri mat­ti­na in una cli­ni­ca di Zu­ri­go che pra­ti­ca il sui­ci­dio as­si­sti­to. Era par­ti­to lu­ne­dì mat­ti­na dal­la ca­sa di Fies­so d’Ar­ti­co e ci era­no vo­lu­ti ven­ti mi­nu­ti so­lo per­ché riu­scis­se a si­ste­mar­si in mac­chi­na, tan­to la pa­ra­li­si e le con­trat­tu­re gli ave­va­no se­que­stra­to il cor­po. Pri­ma dell’ad­dio, ie­ri mat­ti­na ha chia­ma­to gli ami­ci per con­ge­dar­si e ha po­sta­to su Fa­ce­book Don’t Ju­st Di­sap­pear, can­zo­ne dei Brea­thless del 1993. Tor­ne­ran­no a ca­sa le sue ce­ne­ri, che ha vo­lu­to sia­no sparse ai pie­di dell’al­be­ro di no­ce che cre­sce di fron­te al­la sua bi­fa­mi­lia­re.

Al­le ma­ni de­gli ami­ci Gian­fran­co Bet­tin e Lua­na Za­nel­la ha af­fi­da­to un me­mo­ria­le che è il te­sta­men­to di una vi­ta di im­pe­gno so­cia­le e po­li­ti­co e con un la­sci­to pe­san­te al­le isti­tu­zio­ni. L’ac­cu­sa al­la Re­gio­ne di non aver con­ces­so a lui e a chi, co­me lui, cie­co e pa­ra­liz­za­to non riu­sci­va nean­che a man­gia­re da so­lo, sol­di per pa­ga­re due as­si­sten­ti che lo aiu­tas­se­ro 24 ore al gior­no a vi­ve­re una vi­ta che ha la­scia­to per­ché ama­va, spie­ga. E al Parlamento per non aver ap­pro­va­to la leg­ge sul fi­ne vi­ta: «Avrei vo­lu­to che fos­se il mio Pae­se,l’Ita­lia, a ga­ran­tir­mi la pos­si­bi­li­tà di mo­ri­re di­gni­to­sa­men­te, sen­za do­lo­re, ac­com­pa­gna­to con se­re­ni­tà per quan­to pos­si­bi­le». E in­ve­ce: il viag­gio in au­to, atro­ce per un cor­po che non può sta­re se­du­to. La se­gre­tez­za per non met­te­re nei guai nes­su­no.

Ma­la­ti di Sla, di tu­mo­re, ogni an­no dal Ve­ne­to par­to­no cin­que per­so­ne per un viag­gio di so­la an­da­ta in Sviz­ze­ra. Il ca­so di Lo­ris era di­ver­so. A 19 an­ni sta­va an­dan­do in mo­to­ri­no a te­ne­re un cor­so di mu­si­ca e un’au­to lo ha in­ve­sti­to, frat­tu­ran­do­gli le ver­te­bre. Ri­ma­sto pa­ra­liz­za­to, do­po un lun­go cal­va­rio di cu­re nel 1980 era riu­sci­to a ri­pren­de­re a cam­mi­na­re gra­zie al­le stam­pel­le ma una se­rie di con­trat­tu­re, frat­tu­re e in­ci­den­ti suc­ces­si­vi cau­sa­ti dal­la mo­bi­li­tà fa­ti­co­sa lo han­no ri­por­ta­to in­die­tro. E dal 1996 era di­ven­ta­to cie­co a cau­sa di una re­ti­no­pa­tia. Non si era ar­re­so: nell’an­no in cui per­de la vi­sta co­no­sce Ana­ma­ria, ita­lo-bra­si­lia­na che la­vo­ra nel ci­ne­ma e nel 1999 si spo­sa­no. Cie­co ma in gra­do di muo­ver­si con le stam­pel­le, fi­no al 1999 con­du­ce su Ra­dio Coo­pe­ra­ti­va la tra­smis­sio­ne «Di­scor­so Mu­si­ca», fa in­ter­vi­ste, la ras­se­gna stam­pa del mat­ti­no, va ai con­cer­ti. Era sta­to tra i fon­da­to­ri dei Ver­di, nel 1990 era sta­to con­si­glie­re a Mi­ra e non ha mai ab­ban­do­na­to l’im­pe­gno eco­lo­gi­sta. E con­tem­po­ra­nea­men­te era im­pe-

gna­to nel Mo­vi­men­to Vi­ta In­di­pen­den­te per i di­sa­bi­li. Ma pian pia­no so­no ve­nu­ti me­no tut­ti i sup­por­ti: nel 2005 gli obiet­to­ri di co­scien­za; nel 2011, esau­sta da un im­pe­gno di as­si­sten­za co­sì to­ta­liz­zan­te, la mo­glie chie­de la se­pa­ra­zio­ne; la bra­va as­si­sten­te fa­mi­lia­re Mi­re­la re­si­ste tre an­ni e mez­zo. La so­rel­la Lo­rel­la è am­ma­la­ta di scle­ro­si mul­ti­pla e, in­va­li­da, non può es­ser­gli di so­ste­gno. La ma­dre ha 80 an­ni. E og­gi, en­tram­be, han­no un do­lo­re che non si può di­re.

La Re­gio­ne gli ha da­to per an­ni mil­le eu­ro al me­se. Non ci pa­ga­va nean­che uno sti­pen­dio in­te­ro di una so­la as­si­sten­te. Avreb­be avu­to bi­so­gno di due per­so­ne, Lo­ris, per la fun­zio­na­li­tà or­di­na­ria del cor­po e per an­da­re ad ini­zia­ti­ve, scri­ve­re al com­pu­ter, in­for­mar­si dai gior­na­li e far­si leg­ge­re li­bri. Per vi­ve­re in ma­nie­ra pro­pria­men­te det­ta, sen­za ve­ge­ta­re da­van­ti al­la tv. Il pro­get­to a so­ste­gno di Ber­toc­co pre­sen­ta­to dal Co­mu­ne di Fies­so per ac­ce­de­re a fon­di straor­di­na­ri è sta­to boc­cia­to due vol­te dal­la com­mis­sio­ne di va­lu­ta­zio­ne del­la Re­gio­ne. L’ex as­ses­so­re Re­mo Ser­na­giot­to era an­da­to a tro­var­lo a ca­sa: «Ma non ha ca­pi­to la mia si­tua­zio­ne». Gli ami­ci gli dan­no una ma­no, or­ga­niz­za­no una fe­sta per rac­co­glie­re fon­di per pa­ga­re due as­si­sten­ti ma tut­to fi­ni­sce. «Cre­do in que­sto mo­men­to che la qua­li­tà del­la mia vi­ta sia sce­sa sot­to la so­glia dell’ac­cet­ta­bi­li­tà e pen­so che non val­ga più la pe­na di es­se­re vis­su­ta», scri­ve nel me­mo­ria­le.

«Bi­so­gna es­se­re sta­ti den­tro quel cor­po per ca­pi­re que­sta scel­ta», ri­flet­te Lua­na Za­nel­la. La vo­ce rot­ta, l’ha sen­ti­to l’ul­ti­ma vol­ta mar­te­dì se­ra. Tut­ti gli ami­ci han­no cer­ca­to di dis­sua­der­lo, gli han­no chie­sto di ri­man­da­re. «Era un com­bat­ten­te, for­te e de­ter­mi­na­to. Era sol­le­va­to. La sua è sta­ta una scel­ta di vi­ta, non di mor­te», spie­ga Za­nel­la. Per non la­sciar­si trop­po ma­le e con odio, spes­so ci si di­ce ad­dio pri­ma che tut­to peg­gio­ri. E co­sì ha fat­to Lo­ris. «L’ul­ti­ma co­sa che gli ho det­to, ie­ri mat­ti­na, è: ri­pen­sa­ci - rac­con­ta Gian­fran­co Bet­tin - Ma era se­re­no. Di­ce­va sem­pre che se aves­se avu­to due as­si­sten­ti, avreb­be vis­su­to me­glio. Ha lot­ta­to per­ché fos­se in­cre­men­ta­to il fon­do re­gio­na­le e per il te­sta­men­to bio­lo­gi­co: lui vo­le­va mo­ri­re in Ita­lia».

«Il fon­do le­ga­to al­le im­pe­gna­ti­ve per le cu­re do­mi­ci­lia­ri è di 106 mi­lio­ni di eu­ro, l’an­no pros­si­mo sa­rà in­cre­men­ta­to con al­tri 1,5 per i ma­la­ti di Sla - spie­ga l’as­ses­so­re re­gio­na­le ai ser­vi­zi So­cio-sa­ni­ta­ri - L’obiet­ti­vo è po­ten­zia­re ma il mo­men­to è quel­lo che è. E ca­pi­sco il gri­do di al­lar­me di Ber­toc­co».

«Que­sta non è più vi­ta»

Lo­ris Ber­toc­co, gior­na­li­sta e at­ti­vi­sta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.