Tra i cit­ta­di­ni: «L’im­por­tan­te è fa­re pre­sto»

A Bor­go Tren­to tra cit­ta­di­ni e ope­ra­to­ri

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - Or­sa­to

Un in­ter­ven­to ve­lo­ce, umi­le e one­sto. La prio­ri­tà è che i tet­ti, già pe­ri­co­lo­sa­men­te on­du­lan­ti non ce­da­no del tut­to, che si ria­pra­no al più pre­sto le aree ver­di, che pos­sa es­se­re vis­su­to dal­la cit­tà. Que­sto chie­do­no i fre­quen­ta­to­ri dell’Ar­se­na­le.

Un in­ter­ven­to ve­lo­ce, umi­le e one­sto. La prio­ri­tà è che i tet­ti, già pe­ri­co­lo­sa­men­te on­du­lan­ti non ce­da­no del tut­to, che si ria­pra­no al più pre­sto le aree ver­di, che pos­sa es­se­re vis­su­to dal­la cit­tà per quel­lo che è un ma­gni­fi­co mo­nu­men­to, un po­sto in cui pas­seg­gia­re e ri­las­sar­si. Il po­po­lo dell’Ar­se­na­le, i cit­ta­di­ni di Bor­go Tren­to, quan­ti vi­si­ta­no qua­si quo­ti­dia­na­men­te que­sta strut­tu­ra, du­bi­ta­no dei pro­get­ti me­ga­ga­lat­ti­ci.

Nes­su­no tra le tan­te mam­me che spin­go­no il fi­glio sul pas­seg­gi­no, ra­gaz­zi che tor­na­no da una gior­na­ta di stu­dio, pen­sio­na­ti che si sie­do­no su una pan­chi­na a leg­ge­re, ri­cor­da il no­me di Da­vid Chip­per­field, l’ar­chi­star in­gle­se che ave­va mes­so sul ta­vo­lo di pa­laz­zo Bar­bie­ri un pro­get­to da cen­to mi­lio­ni di eu­ro (for­se ora an­che più co­sto­so) e che è sem­bra­to tor­na­re in au­ge nel­le con­ci­ta­te set­ti­ma­ne che so­no se­gui­te all’an­nul­la­men­to del pro­ject fir­ma­to da Ita­lia­na co­stru­zio­ni. «Cre­do sia ur­gen­te in­ter­ve­ni­re quan­to pri­ma, sen­za tan­ti gril­li per la te­sta, e sal­va­re que­sto po­sto» è l’opi­nio­ne che si sen­te più di fre­quen­te, espres­sa in que­sto ca­so da Mar­cel­la Pa­do­vi­ni, re­si­den­te po­co lon­ta­no dall’Ar­se­na­le, ie­ri po­me­rig­gio, di pas­sag­gio men­tre por­ta­va a spas­so il ca­ne. «Una vol­ta me la pren­de­vo con cal­ma, ades­so mi fi­do me­no a fer­mar­mi. Par­te dei giar­di­ni so­no sta­ti chiu­si do­po che si è re­so con­to del ri­schio di in­qui­na­men­to da piom­bo e non mi so­no più fi­da­ta Co­me vor­rei di­ven­tas­se que­sto po­sto? Sem­pli­ce­men­te un luo­go aper­to a tut­ti, un gran­de spa­zio ver­de, le strut­tu­re usa­te per at­ti­vi­tà pub­bli­ca, co­me il tea­tro, che c’è già (la com­pa­gnia Tea­tro/La­bo­ra­to­rio di Ja­na Bal­kan, ma ne­gli an­ni scor­si d’esta­te si esi­bi­va an­che la Bar­cac­cia di Ro­ber­to Pu­lie­ro, ndr)». Tra le mam­me in mol­te si ac­con­ten­te­reb­be­ro di po­co: «Più gio­stri­ne per i bam­bi­ni» è la ri­chie­sta che arriva da El­sa Ca­no. «Un po­sto do­ve fer­mar­si all’aper­to» quel­la di Na­ta­lia Shou­mo­v­ska­ja. Il gio­ve­dì mat­ti­na, all’Ar­se­na­le, c’è l’ap­pun­ta­men­to fis­so del mer­ca­ti­no «a km 0» di Ve­ro­na­tu­ra. Per i ven­di­to­ri, che ar­ri­va­no per­lo­più dal­la pro­vin­cia, è uno dei po­sti mi­glio­ri tra la de­ci­na di piaz­ze del ca­po­luo­go. «È co­mo­dis­si­mo, ma­ga­ri ri­ma­nes­se - è l’opi­nio­ne di due clien­ti, An­na La­vi e Ro­ber­ta Ugo­li­ni - l’Ar­se­na­le va de­sti­na­to a co­se di que­sto ge­ne­re». I ne­go­zi? Per al­cu­ni, co­me La­vi, non sa­reb­be­ro un ta­bù, sem­pre che si trat­ti di «bot­te­ghe ar­ti­gia­ne: quel­le che stan­no scap­pan­do dal cen­tro sto­ri­co per tas­se e af­fit­ti trop­po alti». Ma la for­mu­la di un am­pio cen­tro com­mer­cia­le è boc­cia­ta all’una­ni­mi­tà.

Quan­to ha in­ci­so la que­stio­ne Ar­se­na­le sul re­cen­te vo­to al­le am­mi­ni­stra­ti­ve? La que­stio­ne è sta­ta al cen­tro dei di­bat­ti­ti elet­to­ra­li, ma po­chi sem­bra aver scel­to in ba­se a que­sta: tra di lo­ro, Ka­tha­ri­na Lo­renz, di ori­gi­ne te­de­sca: «Sì, quan­do ho scel­to il sin­da­co l’ho fat­to so­prat­tut­to per la sua vi­sio­ne dell’Ar­se­na­le: vo­glio che que­sto po­sto sia sal­va­to e ri­man­ga pub­bli­co». Non han­no vo­ta­to, in­ve­ce, Ja­co­po Ce­le­bra­no e Co­stan­za Gia­co­mel­li, di 19 an­ni: «Ma ci è ben chia­ro il pro­ble­ma - di­co­no - que­sto po­sto ca­de a pez­zi. Ab­bia­mo avu­to l’oc­ca­sio­ne di ve­de­re l’“al­tro” Ar­se­na­le au­stria­co, quel­lo di Vien­na, al con­fron­to que­sto sem­bra mal­trat­ta­to». An­to­nio Cen­tra, già pre­si­de del­le scuo­le ele­men­ta­ri e me­die del cen­tro sto­ri­co, «ta­glia» per le cor­ti in bi­ci­clet­ta, in di­re­zio­ne Ca­stel­vec­chio. «Io cre­do che a que­sto pun­to va­da be­ne qual­sia­si co­sa -di­ce - an­che il pro­get­to del­la scor­sa am­mi­ni­stra­zio­ne non era mal­va­gio. Il mio ti­mo­re è che si per­da del tem­po pre­zio­so, ma­ga­ri cer­can­do inu­til­men­te qual­co­sa che pos­sa pia­ce­re a tut­ti: sem­pli­ce­men­te non è pos­si­bi­le». C’è an­che la vo­ce - in que­sto ca­so ano­ni­ma - di chi all’Ar­se­na­le la­vo­ra. Si trat­ta di un di­pen­den­te di una coo­pe­ra­ti­va, di guar­dia al­la toi­let­te (una del­le po­che pub­bli­che di Ve­ro­na) ac­ces­si­bi­le per cin­quan­ta cen­te­si­mi. «La­vo­ro qui da un sac­co di tem­po, pa­ga­to co­sì co­sì. Que­sto po­sto è di­ven­ta­to sem­pre peg­gio, e non mi fi­do più di quel­li che di­co­no che lo si­ste­me­ran­no. Che fac­cia­no ve­de­re pri­ma i fat­ti, e poi ven­ga­no a chie­de­re i vo­ti».

Ja­co­po e Co­stan­za Ab­bia­mo vi­sto il ge­mel­lo di Vien­na, al con­fron­to que­sto po­sto ci pa­re mal­trat­ta­to Ka­tha­ri­na Ho scel­to di vo­ta­re il sin­da­co pro­prio in ba­se al­la sua vi­sio­ne sul com­ples­so asbur­gi­co L’ex pre­si­de

A que­sto pun­to qual­sia­si ini­zia­ti­va va be­ne: non c’è più tem­po da per­de­re vi­sta la si­tua­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.