Crac Cre­di­ve­ne­to, gli ex so­ci fan­no causa «Ri­da­te­ci i no­stri sol­di»

A Legnago l’ini­zia­ti­va de­gli ex azio­ni­sti di Cre­di­ve­ne­to, che han­no per­so tut­to do­po il crac del 2016

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - Di Ales­sio Co­raz­za

Quan­do fal­li­sce una gran­de ban­ca, co­me la Po­po­la­re Vi­cen­za o Ve­ne­to Ban­ca, l’at­ten­zio­ne è mas­si­ma a tut­ti i li­vel­li, dal go­ver­no in giù. Quan­do ca­pi­ta a un pic­co­lo isti­tu­to co­me Cre­di­ve­ne­to, la ri­bal­ta du­ra giu­sto il gior­no del crac e quel­li im­me­dia­ta­men­te se­guen­ti. Ep­pu­re, an­che qui ci so­no pic­co­li so­ci che ave­va­no in­ve­sti­ti nel­la ban­ca del ter­ri­to­rio i lo­ro ri­spar­mi. An­che qui, quei ri­spar­mi so­no an­da­ti in fu­mo.

Cre­di­ve­ne­to, che ave­va se­de a Mon­ta­gna­na, nel Pa­do­va­no, era na­ta dal­la fu­sio­ne di tre isti­tu­ti di cre­di­to coo­pe­ra­ti­vo, tra cui quel­lo di San Pie­tro di Legnago. È sta­ta po­sta in li­qui­da­zio­ne nel mag­gio del 2016 dal­la Ban­ca d’Ita­lia e ce­du­ta al va­lo­re sim­bo­li­co di un eu­ro a Ban­ca Svi­lup­po. Una so­lu­zio­ne che ha sal­va­to i cor­ren­ti­sti e i ti­to­la­ri di ob­bli­ga­zio­ni, ma non i cir­ca 8mi­la so­ci azio­ni­sti, che han­no per­so tut­to.

Mer­co­le­dì se­ra, al Tea­tro Salus del­la cit­tà del­la Bas­sa Ve­ro­ne­se, si è riu­ni­to il co­mi­ta­to spon­ta­neo de­gli ex so­ci di Cre­di­ve­ne­to che, al­la pre­sen­za di cir­ca 250 dei 500 ade­ren­ti to­ta­li, ha de­ci­so di dar vi­ta ad un’azio­ne ri­sar­ci­to­ria per riot­te­ne­re i lo­ro sol­di.

Tra i re­fe­ren­ti del co­mi­ta­to, c’è l’av­vo­ca­to le­gna­ghe­se Fran­ce­sco Sal­va­to­re, ul­ti­mo pre­si­den­te del­la Cas­sa Ru­ra­le di San Pie­tro pri­ma del­la fu­sio­ne con quel­la di Mon­ta­gna­na e, suc­ces­si­va­men­te, di Ro­ve­re­do di Guà che ha da­to vi­ta a Cre­di­ve­ne­to. «So­no sem­pre ri­ma­sto clien­te e so­cio del­la ban­ca e mi è di­spia­ciu­to mol­tis­si­mo che sia an­da­ta co­sì - spie­ga - È una co­sa, ol­tre­tut­to, che fa ma­le a tut­to il mo­vi­men­to del­le ban­che coo­pe­ra­ti­ve, crean­do pa­ni­co tra i so­ci».

Cre­di­ve­ne­to, sul­la car­ta, era una ban­ca sa­na. Con­ta­va 27 spor­tel­li (di cui 19 nel Ve­ro­ne­se) ed è ar­ri­va­ta a in­ter­me­dia­re fi­no a 2,4 mi­liar­di. La cri­si fi­nan­zia­ria ha co­min­cia­to a far­si sen­ti­re ne­gli an­ni Die­ci, quan­do si è co­min­cia­to ad ap­pro­va­re bi­lan­ci in ne­ga­ti­vo, ma il pa­tri­mo­nio re­sta­va so­li­do. Nel 2013, il pri­mo in­ter­ven­to di Ban­ki­ta­lia, che por­ta al­le di­mis­sio­ni dell’in­te­ro con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne e al­la no­mi­na di un nuo­vo di­ret­to­re, gra­di­to a Pa­laz­zo Ko­ch. La cu­ra sem­bra fun­zio­na­re, per­ché nel 2014 il bi­lan­cio tor­na in uti­le, an­che se di so­li 800 mi­la eu­ro. Poi un nuo­vo choc e, nel 2016, si chiu­de con una pas­si­vi­tà «mon­stre» di 76 mi­lio­ni di eu­ro. Vie­ne con­ge­da­to il di­ret­to­re e a quel pun­to, su pres­sio­ne an­co­ra di Ban­ki­ta­lia, è ar­ri­va­ta la mes­sa in li­qui­da­zio­ne coat­ta, con il de­cre­to fir­ma­to dal mi­ni­stro dell’Eco­no­mia Pier Car­lo Pa­doan.

Per i re­go­la­to­ri, si è trat­ta­ta di un’ope­ra­zio­ne ne­ces­sa­ria che ha evi­ta­to guai peg­gio­ri. Non co­sì, pe­rò, la ri­ten­go­no gli ex so­ci. «Non la si chia­mi ope­ra­zio­ne di sal­va­tag­gio - pro­te­sta ades­so l’av­vo­ca­to Sal­va­to­re - È in­cre­di­bi­le che suc­ce­da­no co­se del ge­ne­re in Ita­lia, ma­ga­ri non pa­ra­go­na­bi­li a Ve­ne­to Ban­ca o Bp­vi, ma qua sia­mo pas­sa­ti nel gi­ro di bre­vis­si­mo tem­po da at­ti­vo a pas­si­vo e da pas­si­vo a li­qui­da­zio­ne sen­za mai di­scu­te­re e in­ter­pel­la­re una so­la vol­ta i so­ci».

I ti­pi­ci azio­ni­sti di Cre­di­ve­ne­to a Legnago e din­tor­ni era­no gli sto­ri­ci clien­ti del­la Ban­ca, che com­pra­va­no quo­te ma­ga­ri per ot­te­ne­re un trat­ta­men­to di fa­vo­re, ma an­che per­ché con­si­de­ra­va­no la ban­ca ben ge­sti­ta. L’espo­si­zio­ne me­dia è di cir­ca 5 mi­la eu­ro, ma c’è chi, in­ve­sten­do­vi il tfr o al­tri ri­spar­mi, ha per­so an­che 30, 40, per­fi­no 50 mi­la eu­ro.

Di qui la na­sci­ta del co­mi­ta­to che si op­po­ne al de­cre­to di Pa­doan e ora in­ten­de av­via­re un’azio­ne ri­sar­ci­to­ria. Tre, in par­ti­co­la­re, le ra­gio­ni avan­za­te dall’av­vo­ca­to Sal­va­to­re: i so­ci azio­ni­sti era­no tutt’al­tro che spe­cu­la­to­ri fi­nan­zia­ri; la mes­sa in li­qui­da­zio­ne è av­ve­nu­ta con un bli­tz sen­za vo­ti as­sem­blea­ri; la sti­ma del pa­tri­mo­nio del­la ban­ca non è sta­ta fat­ta in con­trad­di­to­rio con i so­ci.

Tut­to ciò pre­mes­so l’av­vo­ca­to Sal­va­to­re non vor­reb­be ar­ri­va­re al muro con­tro muro. In set­ti­ma­na ha in­con­tra­to a Ro­ma il di­ret­to­re ge­ne­ra­le di Ban­ca Svi­lup­po e par­la più vol­te del­la ne­ces­si­tà di tro­va­re «so­lu­zio­ni di buon sen­so», per ri­sol­ve­re il pro­ble­ma in for­ma stra­giu­di­zia­le. Ov­ve­ro con un rim­bor­so, evi­den­te­men­te par­zia­le, ai so­ci.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.