La pre­fet­tu­ra: «Nel cen­tro non più di 40 per­so­ne»

Erbezzo, la fu­ga de­gli eri­trei «Ma non è per la strut­tu­ra»

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - An­gio­la Pe­tro­nio

Ot­to eri­trei, ar­ri­va­ti in un grup­po di no­ve. Qual­che ora nell’ex ba­se Na­to di Vac­ca­moz­zi e poi la de­ci­sio­ne di an­dar­se­ne. L’ul­ti­mo at­to dell’ar­ri­vo dei ri­chie­den­ti asi­lo nel­la con­tra­da di Erbezzo si è ri­sol­to con una par­ten­za. Nes­sun ab­ban­do­no po­le­mi­co del­la strut­tu­ra da par­te de­gli ot­to, ma la vo­lon­tà di non far­si fo­to­se­gna­la­re per po­ter rag­giun­ge­re più li­be­ra­men­te il Nord Eu­ro­pa. Og­gi il sin­da­co di Erbezzo in­con­tre­rà la coo­pe­ra­ti­va e il pre­fet­to vi­ca­rio che ras­si­cu­ra:«Lì non ci sa­ran­no mai più di 40 per­so­ne».

Quel­li che per tut­ti gli al­tri so­no sta­ti «di­sa­gi», per lo­ro 26 so­no sta­ti l’in­can­to del­la ne­ve. Per­ché ie­ri, in Les­si­nia, c’era­no ven­ti­sei uo­mi­ni che per la pri­ma vol­ta han­no toc­ca­to i fioc­chi, ci han­no cam­mi­na­to den­tro, li han­no guar­da­ti scen­de­re. E il fat­to di es­se­re re­sta­ti per al­cu­ne ore sen­za ener­gia elet­tri­ca, giu­sto il tem­po per fa­re ar­ri­va­re un ge­ne­ra­to­re, non li ha pre­oc­cu­pa­ti più di tan­to, do­po aver at­tra­ver­sa­to il ma­re sui bar­co­ni. Lo­ro so­no i 26 ri­chie­den­ti asi­lo ospi­ta­ti nel­la ex ba­se Na­to di Vac­ca­moz­zi, a Erbezzo. E an­che per lo­ro ie­ri è sta­ta una gior­na­ta dif­fi­ci­le. Vuoi per il mal­tem­po. Vuoi, mol­to di più, per que­gli ot­to com­pa­gni che la not­te tra sa­ba­to e do­me­ni­ca han­no de­ci­so di an­dar­se­ne. Ot­to eri­trei, ar­ri­va­ti po­che ore pri­ma in un grup­po di no­ve. So­lo uno di lo­ro ha de­ci­so di non la­scia­re la strut­tu­ra ge­sti­ta dal­la coo­pe­ra­ti­va Ver­so­pro­bo di Ver­cel­li.

Gli al­tri se ne so­no an­da­ti, a pie­di. Non ne han­no vo­lu­to sa­pe­re di re­sta­re. Non ne han­no vo­lu­to sa­pe­re di fa­re do­man­da d’asi­lo. La stes­sa not­te si so­no in­cam­mi­na­ti ver­so Ve­ro­na e a chi li in­cro­cia­va, com­pre­so il sin­da­co di Erbezzo Lu­cio Cam­pe­del­li, l’uni­ca co­sa che di­ce­va­no è che vo­le­va­no an­da­re a Ro­ma o a Mi­la­no. E da lì par­ti­re per l’Eu­ro­pa del Nord. So­no sta­ti fer­ma­ti e por­ta­ti in que­stu­ra, do­ve so­no sta­ti fo­to­se­gna­la­ti e iden­ti­fi­ca­ti. E da lì so­no en­tra­ti in un lim­bo le­gi­sla­ti­vo. Già, per­ché es­sen­do eri­trei quin­di di un’et­nia in guer­ra per cui scat­ta in au­to­ma­ti­co la pro­te­zio­ne - pos­so­no chie­de­re il «ri­col­lo­ca­men­to», va­le a di­re lo spo­sta­men­to in al­tri pae­si dell’Ue. Una pro­ce­du­ra che, pe­rò, du­ra al­cu­ni me­si. E che non sem­pre va a buon fi­ne.

«Non se ne so­no an­da­ti per­ché non sta­va­no be­ne a Erbezzo - spie­ga Clau­dio Ber­li­ni, di­ret­to­re del­la Ver­so­pro­bo -. Se ne sa­reb­be­ro an­da­ti co­mun­que. Per lo­ro, che spes­so ar­ri­va­no in Ita­lia già con dei pun­ti di ri­fe­ri­men­to pa­ren­ta­li all’este­ro, il gio­co non va­le la can­de­la. Pre­fe­ri­sco­no non far­si iden­ti­fi­ca­re e pro­va­re a rag­giun­ge­re Ger­ma­nia o Sve­zia da clan­de­sti­ni». Per­ché il fo­to­se­gna­la­men­to di­ven­ta per lo­ro un’ar­ma a dop­pio ta­glio. «Ar­ri­van­do da una na­zio­ne per cui è ri­co­no­sciu­to il di­rit­to d’asi­lo spie­ga il pre­fet­to vi­ca­rio An­ge­lo Si­do­ti - non pos­so­no es­se­re espul­si. E qui c’è una sor­ta di vuo­to nor­ma­ti­vo. Ma quan­do se ne van­no clan­de­sti­na­men­te e nel Pae­se in cui ar­ri­va­no ven­go­no fer­ma­ti e ri­sul­ta­no iden­ti­fi­ca­ti in Ita­lia, è qui che li ri­man­da­no. Quel­lo che lo­ro cer­ca­no di evi­ta­re. Per que­sto que­gli ot­to non vo­le­va­no sta­re nel­la strut­tu­ra. Sa­pe­va­no che sa­reb­be­ro sta­ti fo­to­se­gna­la­ti. Era que­sto che cer­ca­va­no di evi­ta­re, non il fat­to di re­sta­re a Erbezzo».

E an­che quell’«an­di­ri­vie­ni» dal­la ex ba­se Na­to, do­ve il vi­ci­na­to è di set­te per­so­ne, in pae­se fa stor­ce­re il na­so. «Vor­rei co­mun­que sa­pe­re chi c’è, quan­to so­no, quan­ti ne ar­ri­va­no, quan­do ar­ri­va­no, da do­ve ven­go­no e quan­do se ne van­no», sbot­ta il sin­da­co Lu­cio Cam­pe­del­li. Che og­gi in­con­tre­rà pri­ma il pre­fet­to vi­ca­rio e poi i di­ri­gen­ti del­la coo­pe­ra­ti­va. Si­do­ti al pri­mo cit­ta­di­no qual­che ras­si­cu­ra­zio­ne l’ha già da­ta, te­le­fo­ni­ca­men­te. «Quel­la ex ba­se po­treb­be ospi­ta­re 80 per­so­ne e a pri­ma­ve­ra, vi­sto il flus­so con­ti­nui di ar­ri­vi, era sta­ta pen­sa­ta co­sì. Poi con il ca­lo di in­vii e vi­sta la si­tua­zio­ne de­mo­gra­fi­ca del­la zo­na, ab­bia­mo pen­sa­to di usar­la co­me “val­vo­la di si­cu­rez­za”, va­le a di­re co­me sfo­go per non an­da­re ad ap­pe­san­ti­re al­tre strut­tu­re già pie­ne co­me Co­sta­gran­de. Dia­mo la no­stra ras­si­cu­ra­zio­ne che a Vac­ca­moz­zi non ci sa­ran­no mai più di una qua­ran­ti­na di ri­chie­den­ti asi­lo». Quel­li che, nel­le stan­ze che fi­no a due an­ni fa era­no usa­te dai ca­ra­bi­nie­ri, han­no in­tan­to già ini­zia­to i cor­si d’ita­lia­no e di edu­ca­zio­ne ci­vi­ca. Chi di lo­ro vuo­le se­gui­re al­tri «la­bo­ra­to­ri» lo può fa­re gra­zie a un pull­mi­no del­la coo­pe­ra­ti­va che ogni gior­no li por­ta in va­rie strut­tu­re di Ve­ro­na. Il tut­to aspet­tan­do di svol­ge­re la­vo­ri so­cial­men­te uti­li per il Co­mu­ne. Ma­ga­ri, vi­sto il tem­po, quel­lo di spa­la­to­ri. Ma tut­to di­pen­de­rà da­gli in­con­tri di og­gi.

L’in­con­tro

Og­gi il sin­da­co Cam­pe­del­li in­con­tra pre­fet­to vi­ca­rio e ge­sto­ri. «Vo­glio cer­tez­ze»

Co­me fan­ta­smi

Il grup­po di eri­trei in­ter­cet­ta­ti dal sin­da­co di Erbezzo sa­ba­to se­ra: co­per­ti co­me fan­ta­smi, in mar­cia (im­pos­si­bi­le) ver­so Ve­ro­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.