«One Girl Show», So­fia ta­len­to del­la stand-up co­me­dy

Cre­sciu­ta ar­ti­sti­ca­men­te a Ve­ro­na, la ven­tu­nen­ne Got­tar­di è la più gio­va­ne del­le ita­lia­ne nel­la stand-up co­me­dy. Al For­te Chie­vo il suo nuo­vo mo­no­lo­go

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA -

Imae­stri so­no quel­li lì. «Bill Hicks, Louis C.K., Sa­rah Sil­ver­man, Ed­die Iz­zard, Doug Sta­n­ho­pe e, in Ita­lia, Fi­lip­po Giar­di­na e Sa­ve­rio Rai­mon­do». Don­ne, po­che. An­che se, in real­tà, la pre­sen­za fem­mi­ni­le nel mondo del­la stand-up co­me­dy, e dei suoi mo­no­lo­ghi sen­za pa­let­ti nè cen­su­re, va au­men­tan­do. Qui da noi, in Ita­lia, la più gio­va­ne mo­no­lo­ghi­sta è So­fia Got­tar­di, 21 an­ni. Cre­sciu­ta ar­ti­sti­ca­men­te a Ve­ro­na in quel grup­po «Co­mi­cus» di cui è an­co­ra par­te. Ori­gi­na­ria di Mon­tec­chio nel Vi­cen­ti­no. Il Dams a Pa­do­va. In tv su Sky a «Na­tu­ral Born Co­me­dians» e «Co­me­dy Cen­tral News». Spet­ta­co­li in tut­to il nord Ita­lia. E ades­so un nuo­vo mo­no­lo­go, «One Girl Show», che va in sce­na do­ma­ni se­ra al For­te del Chie­vo, ore 20.30, nel­la se­de di Sdv, l’associazione sca­li­ge­ra de­di­ca­ta al­la stand-up co­me­dy. Mo­no­lo­go che, co­me an­nun­cia­no gli or­ga­niz­za­to­ri, ri­ve­la «un mondo sur­rea­le fat­to di de­li­ri ado­le­scen­zia­li, ri­fles­sio­ni dis­sa­cran­ti sul­la con­tem­po­ra­nei­tà e sul­la dif­fi­col­tà di es­se­re don­na nel­la so­cie­tà di og­gi».

Quan­do na­sce la So­fia stand-up co­me­dian?

«L’idea di re­ci­ta­re mi è sem­pre pia­ciu­ta. Il pri­mo mo­no­lo­go l’ho scrit­to a 15 an­ni: sal­tai il ci­clo per un fat­to di stress e la si­tua­zio­ne fu co­sì as­sur­da che de­ci­si di scri­ver­ci su. La pri­ma esi­bi­zio­ne l’ho fat­ta a 17. Ho vo­lu­to co­min­cia­re cam­mi­nan­do sul­le uo­va per­ché la stand-up in Ita­lia c’era già ma non era an­co­ra ma­ci­na­ta. Poi è suc­ces­so tut­to in fret­ta, col de­col­lo del grup­po ro­ma­no di “Sa­ti­ria­si” a far co­no­sce­re il ge­ne­re an­che in Ita­lia. Al mio pri­mo even­to mi han­no det­to “guar­da, vac­ci pia­no col lin­guag­gio, So­fia...” ma già l’an­no do­po, sull’on­da del­lo sdo­ga­na­men­to te­le­vi­si­vo del­la stand-up su Co­me­dy Cen­tral, mi di­ce­va­no “vai, vai, So­fia, fan­ne più spes­so di que­ste cose”».

Giu­sto per spie­ga­re: la dif­fe­ren­za tra ca­ba­ret e stan­dup?

«Par­ti­rei dall’Ame­ri­ca. Lì so­no cul­tu­ral­men­te di­ver­si, lo sti­le è più asciut­to. Qui sia­mo più per la com­me­dia dell’ar­te e i mac­che­ro­ni. Ne­gli Usa di fat­to ciò ch’è chia­ma­to ca­ba­ret è stand-up co­me­dy. Lo­ro sca-

Ta­len­to So­fia Got­tar­di fa par­te di «Co­mi­cus», grup­po ve­ro­ne­se di stand-up co­me­dy

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.