Chie­sa e mo­ra­le pa­pa Ber­go­glio se­con­do Maz­za

Corriere di Verona - - SPETTACOLI -

È usci­to da po­co e fa di­scu­te­re. Di «Ber­go­glio e pre­giu­di­zio», il li­bro scrit­to dal gior­na­li­sta Mau­ro Maz­za, ex di­ret­to­re Tg2 e Ra­iU­no, s’è di­scus­so ieri al­la Bi­blio­te­ca Ca­pi­to­la­re, do­ve l’idea era ri­flet­te­re su Pa­pa Fran­ce­sco, i suoi mes­sag­gi e quel «si­len­zio qua­si ras­se­gna­to - co­me sot­to­li­nea Maz­za - su va­lo­ri irrinunciabili che ovun­que so­no sta­ti mor­ti­fi­ca­ti e so­sti­tui­ti da nor­ma­ti­ve che le­git­ti­ma­no abor­to, eu­ta­na­sia, ma­tri­mo­ni tra per­so­ne del­lo stes­so ses­so». Ec­co, al­lo­ra, l’opi­nio­ne di don Bru­no Fa­sa­ni, pre­fet­to del­la Ca­pi­to­la­re: «È un li­bro, quel­lo di Maz­za, mol­to in­for­ma­to. Pe­rò è la let­tu­ra di un cro­ni­sta. Io cre­do che un Pa­pa deb­ba es­se­re “let­to”, in­ve­ce, an­che sul pia­no ec­cle­sia­le e teo­lo­gi­co. E qui, al­lo­ra, sco­pria­mo di un Pa­pa che ha vo­lu­to spo­sta­re l’at­ten­zio­ne dal ver­san­te dot­tri­na­le, cioè del­la Chie­sa che ha i co­di­ci del­la mo­ra­le per di­re ciò ch’è buo­no e cat­ti­vo, a quel­lo pa­sto­ra­le: Ber­go­glio - di­ce Fa­sa­ni - an­nun­cia l’amo­re di Dio co­me amo­re che af­fian­ca la vi­ta dell’uomo, at­ten­to al­le per­so­ne, che non so­no più giu­di­ca­te col fil­tro del­la mo­ra­le, per­ché chiun­que è un fi­glio di Dio a pre­scin­de­re». Se­con­do il gior­na­li­sta e già po­li­ti­co ve­ro­ne­se Al­fre­do Meoc­ci, in­ter­ve­nu­to al­la pre­sen­ta­zio­ne del li­bro, «Maz­za so­stie­ne co­me Ber­go­glio ri­schi di usci­re dai bi­na­ri del­la chie­sa tra­di­zio­na­le. D’al­tra par­te, Ber­go­glio è il Pa­pa di una chie­sa uni­ver­sa­le: il suo sguar­do va ben al di là del no­stro ter­ri­to­rio na­zio­na­le e del­le cri­ti­che “ita­lia­ne”».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.