Con­fin­du­stria, Vescovi: Mil­le­pro­ro­ghe, da Ro­ma at­ten­dia­mo un se­gna­le

Corriere di Verona - - PRIMO PIANO -

GAMBELLARA (VI­CEN­ZA) Fos­se un in­con­tro di bo­xe, il round più du­ro fra Con­fin­du­stria Ve­ne­to e il go­ver­no le­ga­stel­la­to, si sa­reb­be di­spu­ta­to ad ago­sto. A par­ti­re dal de­cre­to Di­gni­tà. E gli in­du­stria­li be­ri­ci era­no in pri­ma li­nea. «È ve­ro di­ce il pre­si­den­te del­la ter­ri­to­ria­le Lu­cia­no Vescovi (in fo­to) pre­sen­te, ie­ri, all’inau­gu­ra­zio­ne del­la Mar­graf - un de­cre­to scel­le­ra­to ma in que­sti gior­ni re­gi­stria­mo co­me se­gna­le im­por­tan­tis­si­mo il cam­bio di mar­cia sull’Il­va di Ta­ran­to». Pro­ve tec­ni­che di dia­lo­go. An­che se la stra­da è an­co­ra in sa­li­ta. «Il Mil­le­pro­ro­ghe - con­ti­nua Vescovi - che già di per sé è un ob­bro­brio ita­lia­no è un’ere­di­tà del pas­sa­to. Ec­co, lì ci pia­ce­reb­be ve­de­re qual­che se­gna­le di­ver­so dal “Sal­va-Na­po­li” o “Sal­va-Ca­ta­nia”, cioè ma­no­vre che at­ten­go­no an­co­ra al vec­chio sti­le del­la par­te­ci­pa­zio­ne pub­bli­ca a di­sa­stri lo­ca­li. Non dob­bia­mo fre­na­re real­tà co­me il Ve­ne­to. Non ci si ac­cu­si di egoi­smo, ab­bia­mo so­lo una for­ma di or­go­glio nel ri­ven­di­ca­re i va­lo­ri del la­vo­ro e dell’im­pre­sa».(m.za.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.