BAN­CHE, LE SPINE DEI VEC­CHI SO­CI

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - di Tom­ma­so Dal­la Mas­sa­ra

La po­li­ti­ca na­zio­na­le s’in­ter­ro­ga in que­sti gior­ni sui non po­chi pun­ti di fri­zio­ne tra gli as­set­ti giu­ri­di­coi­sti­tu­zio­na­li e la (ve­ra o pre­sun­ta) «vo­lon­tà del po­po­lo». In se­de lo­ca­le, uno dei pun­ti di ri­ca­du­ta del­le nu­me­ro­se for­za­tu­re ri­spet­to al­la li­nea di au­ste­ri­tà dei con­ti – for­za­tu­re che il Go­ver­no con­cet­tual­men­te ri­con­du­ce pro­prio al­la «vo­lon­tà del po­po­lo» – è rap­pre­sen­ta­to dall’ini­zia­ti­va po­li­ti­ca as­sun­ta nei con­fron­ti de­gli ex azio­ni­sti del­le ban­che ve­ne­te.

Non è pe­rò sui pro­fi­li del­la so­lu­zio­ne in par­te ap­pron­ta­ta in se­de di «Mil­le­pro­ro­ghe» (quel­la che, per in­ten­der­ci at­tri­bui­reb­be agli ex so­ci un ri­sto­ro del tren­ta per cen­to) che in­ten­do qui ri­tor­na­re.

La ri­fles­sio­ne che pro­pon­go, in­ve­ce, si con­cen­tra su due seg­men­ti del­la com­ples­sa que­stio­ne ban­che che, nel di­bat­ti­to di que­sti ul­ti­mi me­si, pa­io­no es­se­re finiti in pe­nom­bra.

Pri­mo aspet­to: sem­bra qua­si es­se­re sfug­gi­to ai più che l’ini­zia­ti­va di rim­bor­so di re­cen­te in­tra­pre­sa la­sce­reb­be del tut­to a boc­ca asciut­ta co­lo­ro che ave­va­no ac­qui­sta­to azio­ni più in là nel tem­po ri­spet­to ai die­ci an­ni di pre­scri­zio­ne che de­fi­ni­sco­no il rag­gio d’azio­ne dell’Ar­bi­tro per le Con­tro­ver­sie Fi­nan­zia­rie.

Se di ri­sar­ci­men­to del dan­no in sen­so tec­ni­co stia­mo par­lan­do, in ef­fet­ti, nul­la po­trà la «sen­si­bi­li­tà» de­gli Ar­bi­tri ri­spet­to a un li­mi­te di leg­ge che re­sta del tut­to in­va­li­ca­bi­le. Ma chi so­no quei «vec­chi azio­ni­sti» se non, in di­scre­ta par­te, pro­prio le fa­sce più de­bo­li, pen­sio­na­ti e red­di­ti bas­si?

Non so­no for­se le fa­sce de­bo­li cui si è in tan­te oc­ca­sio­ni af­fer­ma­to, in se­de po­li­ti­ca, di vo­ler ri­ser­va­re una cor­sia pre­fe­ren­zia­le nei ri­sto­ri? È ben chia­ro che, se si vo­les­se in­ter­ve­ni­re su ta­li si­tua­zio­ni, oc­cor­re­reb­be dav­ve­ro una vo­lon­tà po­li­ti­ca for­te; e ser­vi­reb­be, non me­no for­te, una ca­pa­ci­tà di in­ge­gne­ria giu­ri­di­ca. È una sfi­da trop­po ar­dua? Si ten­ga con­to pe­rò che que­sta, sul tes­su­to so­cia­le del Nor­de­st, sa­reb­be una bat­ta­glia po­li­ti­ca di qual­che si­gni­fi­ca­to (più di quel­la sul red­di­to di cit­ta­di­nan­za, cre­do di po­ter di­re).

Se­con­do aspet­to su cui vor­rei por­ta­re l’at­ten­zio­ne: non si so­no più co­no­sciu­te no­vi­tà sull’ini­zia­ti­va che Ban­ca In­te­sa ave­va pro­get­ta­to - e per la qua­le ave­va pu­re ac­can­to­na­to fon­di - in fa­vo­re de­gli ex so­ci. Eb­be­ne, un’ini­zia­ti­va po­li­ti­ca che an­das­se nel sen­so del su­pe­ra­men­to di al­cu­ne in­cer­tez­ze «di con­te­sto giu­ri­di­co» da cui era di­pe­so que­sto stop (in con­cre­to: il dub­bio che gli ex so­ci pos­sa­no agi­re di­ret­ta­men­te nei con­fron­ti del­la Ban­ca ces­sio­na­ria) po­treb­be for­se es­se­re mes­sa sul piat­to qua­le con­tro­par­ti­ta ri­spet­to al­lo sbloc­co, da par­te del­la Ban­ca, di que­gli stes­si fon­di. E se poi si pen­sas­se di de­sti­na­re que­st’ul­ti­mi pro­prio e in pri­mis ai «vec­chi so­ci» di cui so­pra, ri­ma­sti ab­ban­do­na­ti nel vi­co­lo cie­co del­la pre­scri­zio­ne?

Si po­treb­be in tal mo­do for­se pen­sa­re di aver ot­te­nu­to un qual­che pur mo­de­sto ri­sul­ta­to: non cer­to ad­di­rit­tu­ra la qua­dra­tu­ra del cer­chio, oc­cor­re am­met­te­re, pe­rò sa­reb­be al­me­no un buon uso del­la vo­lon­tà po­li­ti­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.