«Ha ra­gio­ne il sin­da­co, la guer­ra con­tro chi sfrut­ta si può vin­ce­re so­lo co­sì»

Corriere Fiorentino - - Primo Piano - Giu­lio Go­ri

Da tem­po con­du­ce una bat­ta­glia per­ché la leg­ge col­pi­sca i clien­ti del­le pro­sti­tu­te: di­sin­cen­ti­va­re la «do­man­da» per fer­ma­re la trat­ta del­le don­ne. Ora An­na­ma­ria Fur­lan, se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le del­la Ci­sl, è d’ac­cor­do con l’or­di­nan­za di Nar­del­la.

Fur­lan, per­ché è giu­sto col­pi­re i clien­ti?

«Al no­stro ul­ti­mo congresso ab­bia­mo lan­cia­to la cam­pa­gna con­tro la trat­ta del­le don­ne schia­viz­za­te con­di­vi­den­do la bat­ta­glia dell’as­so­cia­zio­ne Pa­pa Gio­van­ni XXIII. Cen­to­mi­la don­ne co­stret­te a ven­de­re il lo­ro cor­po. Il 65% lo fa per stra­da. Il 37% ha tra i 13 e 17 an­ni. La mis­sio­ne di un sin­da­ca­to è an­che que­sta. Co­me ci ha chie­sto Pa­pa Fran­ce­sco, è sta­re vi­ci­ni agli ul­ti­mi, al­le per­so­ne più vul­ne­ra­bi­li. È pren­der­le per ma­no e bat­ter­si al lo­ro fian­co. Ba­sta don­ne sfrut­ta­te, vio­len­ta­te, pic­chia­te».

Non è un pa­ra­dos­so col­pi­re i clien­ti dal mo­men­to che la pro­sti­tu­zio­ne non è rea­to?

«No. Ha fat­to be­ne il Co­mu­ne di Fi­ren­ze. Spe­ro che que­sta de­ci­sio­ne del sin­da­co Nar­del­la sia por­ta­ta avan­ti da tut­ti i Co­mu­ni ita­lia­ni. Non ci può es­se­re la li­ber­tà ses­sua­le di an­da­re con le pro­sti­tu­te. È una “li­ber­tà” eser­ci­ta­ta nei con­fron­ti di chi non è li­be­ra e non ha scel­ta. Ho vi­sto quel­le ra­gaz­ze, al­cu­ne di lo­ro so­no ve­nu­te al no­stro congresso, le ho ascol­ta­te guar­dan­do­le ne­gli oc­chi: ra­gaz­ze strap­pa­te ai lo­ro Pae­si, pic­co­le in­ca­pa­ci di di­fen­der­si. Non cre­do a una pro­sti­tu­zio­ne li­be­ra, cre­do a una ca­te­na di so­praf­fa­zio­ni che va spez­za­ta. È la do­man­da che fa il mer­ca­to, che dà im­pul­so a trat­ta e sfrut­ta­men­to. Trop­po spes­so ci si vol­ta dall’al­tra par­te. Co­me è pos­si­bi­le non pro­va­re in­di­gna­zio­ne? In Par­la­men­to è in di­scus­sio­ne una leg­ge che pu­ni­sce i clien­ti: chi va con una pro­sti­tu­ta de­ve pa­ga­re co­me chi la sfrut­ta».

Non c’è il ri­schio di na­scon­de­re o spo­sta­re il pro­ble­ma an­zi­ché ri­sol­ver­lo?

«Pen­so che bi­so­gna fa­re ogni sfor­zo per ri­sol­ve­re que­sto pro­ble­ma. Ser­ve una mo­bi­li­ta­zio­ne col­let­ti­va con­tro que­sta pia­ga so­cia­le. La Ci­sl è im­pe­gna­ta an­che su que­sto fron­te. È una for­ma vio­len­ta di sfrut­ta­men­to del­le don­ne. Un fe­no­me­no che pur­trop­po avan­za nel no­stro pae­se an­che in al­tri am­bi­ti. Pen­so al­le tan­te don­ne sfrut­ta­te nel la­vo­ro agri­co­lo spes­so in ma­nie­ra dav­ve­ro di­su­ma­na».

Quan­to può es­se­re ef­fi­ca­ce l’ini­zia­ti­va di un sin­da­co sen­za una leg­ge na­zio­na­le?

«Può es­se­re un se­gna­le di speranza, Fi­ren­ze è una cit­tà im­por­tan­te. In tan­ti Pae­si del Nord Eu­ro­pa do­ve è sta­ta in­tro­dot­ta una leg­ge che pu­ni­sce il clien­te c’è sta­ta una bel­la ri­vo­lu­zio­ne. In Sve­zia il nu­me­ro di pro­sti­tu­te è di­mi­nui­to del 65%, in Nor­ve­gia del 60. E è cam­bia­ta an­che l’opi­nio­ne pub­bli­ca: pri­ma il 30% era a fa­vo­re del­la cri­mi­na­liz­za­zio­ne del clien­te, og­gi il 70. Ec­co per­ché di­co “è ora di far­lo”. In­sie­me a tut­te le for­ze sa­ne del Pae­se».

 Li­nea du­ra Chi va con una pro­sti­tu­ta de­ve pa­ga­re co­me chi la sfrut­ta In al­tri Pae­si eu­ro­pei sta fun­zio­nan­do

Fur­lan, lea­der na­zio­na­le Ci­sl

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.