E Co­sta San Giorgio ri­tro­va la sua chie­sa (ma il po­po­lo dov’è?)

Og­gi mes­sa do­po 30 an­ni. Una via tut­ta di­ver­sa

Corriere Fiorentino - - Cronaca - Antonio Pas­sa­ne­se

In Co­sta San Giorgio non c’è ci­to­fo­no in cui non com­pa­ia­no al­me­no tre o quat­tro co­gno­mi stra­nie­ri. «Fi­no a trent’an­ni fa questa era la stra­da dei bot­te­gai e de­gli ar­ti­gia­ni. Og­gi per com­pe­ra­re una ca­sa ci vo­glio­no al­me­no 7 mi­la eu­ro a me­tro qua­dra­to», rac­con­ta il re­si­den­te Guido To­di­ni, 75 an­ni.

La stra­da è ri­pi­dis­si­ma, ma di un’ele­gan­te sem­pli­ci­tà, e a due pas­si da Pon­te Vec­chio. Co­sì va di gran mo­da. An­che per­ché «qui la sto­ria è di ca­sa»: c’è la di­mo­ra di Ga­li­leo Gai­lei, po­co più in là c’era la ca­sa edi­tri­ce di Gio­van­ni Gen­ti­le, e ci abi­ta­va an­che lo scul­to­re Gio­van­ni Du­prè. I fio­ren­ti­ni no, lo­ro se ne so­no an­da­ti qua­si tut­ti. Un mo­ti­vo in più per cer­ca­re di di­fen­de­re ciò che re­sta di un’iden­ti­tà, di un’ani­ma an­ti­ca. E’ pro­prio con que­sto spi­ri­to che og­gi po­me­rig­gio al­le 18 ria­pri­rà al cul­to la chie­sa che det­te il no­me al­la stra­da e al­la por­ta che si tro­va pri­ma del For­te Bel­ve­de­re. Il no­me com­ple­to è San Giorgio e Spi­ri­to San­to al­la Co­sta. L’edi­fi­cio ri­sa­le al X se­co­lo ma fu poi tra­sfor­ma­to con uno squil­lan­te ba­roc­co. Il ri­to sa­rà of­fi­cia­to da mon­si­gnor Mar­cel­lo Ca­ver­ni che con­ce­le­bre­rà con l’am­mi­ni­stra­to­re don Gre­go­rio Sierz­pu­to­wk (par­ro­co di San­ta Felicita e di San­ta Lu­cia de’Ma­gno­li ) e dal suo vi­ce don Lu­ca Olek­siak.

La chie­sa era chiu­sa da qua­si trent'an­ni, an­che se i lo­ca­li at­ti­gui era­no sta­ti con­ces­si dal­la Cu­ria al­la co­mu­ni­tà or­to­dos­sa ro­me­na (og­gi a San­ta Ma­ria de­gli An­ge­li, in via­le Amen­do­la). I la­vo­ri di re­stau­ro han­no ri­guar­da­to tet­to, fac­cia­te e por­ta­li. So­no sta­ti rea­liz­za­ti gra­zie al­la do­na­zio­ne del­la Fon­da­zio­ne Gian­ma­ria Buc­cel­la­ti. «Ab­bia­mo fat­to que­sto per far ri­sco­pri­re ai fio­ren­ti­ni una del­le chie­se al­le qua­li era­no più at­tac­ca­ti. Qua­si ogni gior­no le per­so­ne mi di­ce­vaSan no: noi qui ab­bia­mo fat­to bat­te­si­mi, co­mu­nio­ni e ma­tri­mo­ni. Ci pia­ce­reb­be po­ter di nuo­vo as­si­ste­re a una fun­zio­ne», spie­ga don Lu­ca. E co­sì a par­ti­re dal 15 ot­to­bre la chie­sa ri­mar­rà aper­ta per la mes­sa do­me­ni­ca­le del­le 9,30. «Sul­la Co­sta —pro­se­gue—i fe­de­li ora­mai so­no po­chi, ma noi ab­bia­mo fat­to di tut­to per­ché Giorgio tor­nas­se frui­bi­le. Ci so­no an­co­ra tan­ti la­vo­ri da fa­re, tan­ti re­stau­ri, ad ini­zia­re dall’in­to­na­co, ma il no­stro so­gno è che San Giorgio tor­ni a es­se­re una par­roc­chia...». Non sa­rà fa­ci­le. Gli ex par­roc­chia­ni so­no po­chis­si­mi. E mol­to dif­fi­den­ti. Qual­cu­no al­la fi­ne apre la por­ta: «Questa è di­ven­ta­ta la stra­da dei ric­chi e dei tu­ri­sti. Chi ha po­tu­to ha ven­du­to, ha mes­so da par­te un bel gruz­zo­lo ed è an­da­to via». In­som­ma, di quel­la Co­sta San Giorgio po­po­la­re, di gen­te sem­pli­ce e di fe­de, che si da­va ap­pun­ta­men­to fuo­ri da­gli usci e dal­le bot­te­ghe per scam­bia­re due chiac­chie­re, sem­bra spa­ri­ta. Una trac­cia pe­rò è ri­ma­sta. Sa­len­do per la stra­da, su­pe­ra­ta la chie­sa, si tro­va un pic­co­lo ta­ber­na­co­lo. Pro­tet­ta dal ve­tro, den­tro una cor­ni­ce ar­rug­gi­ni­ta, c’è una Ma­don­na con Ge­sù Bam­bi­no su un tro­no di mar­mo ve­na­to di ros­so e ro­sa. Su­bi­to sot­to la de­di­ca: «Il Po­po­lo di San Giorgio sul­la Co­sta qui mi vol­le a sua guar­dia­na nei se­co­li. An­no del Si­gno­re 1951». So­lo ses­san­ta sei an­ni fa. Ma tan­to è ba­sta­to per­ché tut­to, o qua­si, cam­bias­se.

Il car­tel­lo che an­nun­cia la ria­per­tu­ra del­la chie­sa A si­ni­stra il ta­ber­na­co­lo de­di­ca­to al­la Ma­don­na nel 1951 dal “po­po­lo” di San Giorgio. A de­stra l’in­ter­no son­tuo­so Sot­to l’ac­ces­so la­te­ra­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.