Il re­gi­sta del­la ri­vo­lu­zio­ne agli Uf­fi­zi: ban­die­ra trop­po ros­sa, am­mai­na­ta

Espo­sta per la mo­stra su Ei­sen­stein, l’uf­fi­cio le­ga­le la fa to­glie­re

Corriere Fiorentino - - Primo Piano Beni Culturali - C.D.

È sta­ta is­sa­ta per po­che ore e poi su­bi­to riam­mai­na­ta. Era trop­po gran­de, trop­po evi­den­te e, so­prat­tut­to, trop­po ros­sa. Di un ros­so che, nean­che l’Ar­ma­ta ros­sa — nel­la qua­le pu­re Ser­gej Ei­sen­stein si ar­ruo­lò per ser­vi­re la Ri­vo­lu­zio­ne Bol­sce­vi­ca — po­treb­be reg­ge­re il con­fron­to. De­ve es­se­re sta­to que­sto, po­co più po­co me­no, il pen­sie­ro che ha at­tra­ver­sa­to la men­te di un fun­zio­na­rio dell’uf­fi­cio le­ga­le del­le Gal­le­rie de­gli Uf­fi­zi, quan­do ha chie­sto al di­ret­to­re Ei­ke Sch­midt (e ot­te­nu­to) di far spa­ri­re dal piaz­za­le la gran­de ban­die­ra co­lor san­gue che sven­to­la­va da uno dei bal­co­ni del mu­seo (la­to Piaz­za­le) e che sta­va a in­di­ca­re che lì den­tro — in sa­la Det­ti — era ed è al­le­sti­ta una mo­stra de­di­ca­ta al re­gi­sta rus­so, che più co­mu­ni­sta non po­te­va es­se­re; una mo­stra che s’in­ti­to­la Ei­sen­stein: la Ri­vo­lu­zio­ne del­le Im­ma­gi­ni, al­le­sti­ta non a ca­so a 100 an­ni da quel 1917 e 1918 che han­no cam­bia­to il mon­do.

La ban­die­ra non c’è più e pre­sto ne sa­rà mes­sa un’al­tra ma non co­sì di­chia­ra­ta­men­te po­li­ti­ca, una in cui si ri­co­no­sce­rà il nuo­vo lo­go del­le Gal­le­rie de­gli Uf­fi­zi (su sfon­do bian­co) ma non più l’ap­par­te­nen­za ideo­lo­gi­ca del re­gi­sta.

Ora for­se sa­rà uti­le ri­cor­da­re che la mo­stra vo­lu­ta da Ei­ke Sch­midt e cu­ra­ta da Mar­zia Fa­iet­ti, Gian­lu­ca Fa­ri­nel­li, Pier­lu­ca Nar­do­ni e dal­lo stes­so Sch­midt ha una at­ti­nen­za con gli Uf­fi­zi per­ché, co­me ha spie­ga­to Mar­zia Fa­iet­ti al Cor­rie­re Fiorentino, «mol­ti dei film del re­gi­sta ri­sen­to­no dei suoi stu­di sul­la fi­sio­gno­mi­ca leo­nar­dia­na» e la co­sa è più evi­den­te nei di­se­gni espo­sti (72) «che so­no un po’ lo sto­ry board dei suoi film», ma è an­che una mo­stra de­di­ca­ta a uno dei pro­ta­go­ni­sti di quel­la ri­vo­lu­zio­ne. Ei­sen­stein, con il suo im­pe­gno in pri­ma per­so­na e con quel­lo ar­ti­sti­co in par­ti­co­la­re, è sta­to il re­gi­sta dell’era so­vie­ti­ca, piac­cia o no. È un fat­to del­la sto­ria la sua «Tri­lo­gia del­la Ri­vo­lu­zio­ne» ed è un fat­to del­la sto­ria che la ban­die­ra ros­sa è sta­ta sim­bo­lo di quel mo­men­to sto­ri­co, di quel­la sta­gio­ne po­li­ti­ca e di quel­la «pro­pa­gan­da» ar­ti­sti­ca. Per­ché di «pro­pa­gan­da» si trat­ta­va.

La ban­die­ra ros­sa is­sa­ta agli Uf­fi­zi per la mo­stra sul­la ri­vo­lu­zio­ne rus­sa, poi ri­mos­sa su in­di­ca­zio­ne dell’uf­fi­cio le­ga­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.