I due pae­si già «spo­sa­ti» da quin­di­ci an­ni Ma di­vi­si dal ses­so del gat­to

Corriere Fiorentino - - Le Città & La Regione - (G.G.)

Per mol­ti, sem­bra la fu­sio­ne più scon­ta­ta: Bar­be­ri­no Val d’El­sa e Ta­var­nel­le Val di Pe­sa, do­po es­se­re sta­ti un so­lo Co­mu­ne per sei se­co­li (ed es­ser­si di­vi­si nel 1893), so­no di fat­to tor­na­ti a «ri­spo­sar­si» già 15 an­ni fa. Pri­ma le ge­stio­ni as­so­cia­te dei ser­vi­zi, poi l’Unio­ne dei Co­mu­ni, non c’è or­mai un so­lo pas­so che i sin­da­ci Gia­co­mo Tren­ta­no­vi e Da­vid Ba­ron­cel­li non fac­cia­no as­sie­me. Co­sì, al re­fe­ren­dum che chia­ma al­le ur­ne le due co­mu­ni­tà po­treb­be spun­tar­la il sì. Gli uni­ci dub­bi ri­guar­da­no i bar­be­ri­ne­si, per se­co­li ti­to­la­ri del mu­ni­ci­pio, ora un po’ pre­oc­cu­pa­ti per la for­za dei vi­ci­ni: per­ché Ta­var­nel­le ha un ter­ri­to­rio più pic­co­lo, ma ha mol­ti più abi­tan­ti (7.800 con­tro 4.400). Tren­ta­no­vi e Ba­ron­cel­li pe­rò giu­ra­no che nes­su­no dei due Co­mu­ni di­vo­re­rà l’al­tro, ci sa­rà il dop­pio mu­ni­ci­pio, e pun­ta­no sull’esem­pio po­si­ti­vo di Scar­pe­ria e San Pie­ro per spie­ga­re che lì, con la fu­sio­ne, so­no sta­ti pos­si­bi­li 20 mi­lio­ni di eu­ro di in­ve­sti­men­ti in cin­que an­ni. La stra­da sem­bra spia­na­ta, i due sin­da­ci non sem­bra­no nep­pu­re far­si la guer­ra per de­ci­de­re chi sa­reb­be il can­di­da­to del Pd al Co­mu­ne uni­co. Il dub­bio più im­por­tan­te è nel ses­so del gat­to: gli stem­mi dei due Co­mu­ni so­no qua­si iden­ti­ci, una ti­gre per en­tram­bi, con giu­sto la scrit­ta Li­ber­tas ag­giun­ta dai ta­var­nel­li­ni. Ma se per Bar­be­ri­no è una gat­ta, a Ta­var­nel­le è di­ven­ta­to ma­schio. Se la fu­sio­ne si fa­rà, è pro­ba­bi­le che ognu­na del­le due co­mu­ni­tà con­ti­nue­rà lo stes­so a chia­ma­re la ti­gre a mo­do suo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.