«BLA, BLA, BLA» O «ME NE FRE­GO»?

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Di Ma­rio Lan­ci­si

Quan­do il Ser­ra bru­cia­va, in mol­ti dal­le par­ti del go­ver­no gial­lo­ver­de non si so­no ri­spar­mia­ti sel­fie con al­le spal­le le fiam­me. Nel­la tra­ge­dia è fa­ci­le es­ser­ci, il dif­fi­ci­le vie­ne sem­pre do­po.

E il no del go­ver­no al ri­co­no­sci­men­to del­lo sta­to di emer­gen­za per l’in­cen­dio che, il 24 e il 25 set­tem­bre scor­so, ha di­strut­to ca­se, oli­ve­ti, vi­gne e gran par­te de­gli al­be­ri del Ser­ra in­so­spet­ti­sce, pro­vo­ca rab­bia tra le fa­mi­glie col­pi­te e in­du­ce ad un sen­so di de­lu­sio­ne per un’oc­ca­sio­ne che ri­schia di non es­se­re col­ta.

Sì, pro­prio co­sì: oc­ca­sio­ne. Se il fu­tu­ro del Pae­se si gio­che­rà, co­me è con­vin­zio­ne dif­fu­sa, su la­vo­ro, am­bien­te e im­mi­gra­zio­ne re­go­la­re, il Ser­ra può di­ven­ta­re in­fat­ti il la­bo­ra­to­rio per tra­sfor­ma­re l’emer­gen­za in op­por­tu­ni­tà. In­ve­sti­re sul suo re­cu­pe­ro, coin­vol­gen­do gli im­mi­gra­ti re­go­la­ri, si­gni­fi­ca di­fen­de­re e ri­ge­ne­ra­re l’am­bien­te e nel con­tem­po pro­dur­re la­vo­ro. Fran­co Vac­ca­ri, pre­si­den­te di Ron­di­ne, cit­ta­del­la are­ti­na del­la pa­ce, lan­ciò qual­che me­se fa un ap­pel­lo per­chè ve­nis­se rea­liz­za­to un pro­get­to per gli Ap­pen­ni­ni, in cui uti­liz­za­re i mi­gran­ti per ri­po­po­la­re e ac­cu­di­re i bor­ghi e i bo­schi ab­ban­do­na­ti.

L’ap­pel­lo è ri­ma­sto let­te­ra mor­ta, ma l’idea di coin­vol­ge­re l’im­mi­gra­zio­ne re­go­la­re in un am­bi­zio­so di­se­gno di sal­guar­dia e ri­lan­cio dell’am­bien­te re­sta at­tua­le e ur­gen­te. An­che se avreb­be bi­so­gno, per es­se­re rea­liz­za­to, di un sus­sul­to del­la po­li­ti­ca che pe­rò si fa­ti­ca ad in­tra­ve­de­re.

Si è per­sa co­sì l’oc­ca­sio­ne di pen­sa­re in gran­de men­tre re­gi­stria­mo la rab­bia sa­cro­san­ta di chi ha per­so tut­to o mol­to. Il ri­schio è che cre­sca ul­te­rior­men­te la sfi­du­cia dei cit­ta­di­ni nei con­fron­ti del­lo Sta­to. An­cor pri­ma dei sol­di che non ar­ri­ve­ran­no pre­oc­cu­pa e in­di­gna ciò che è ar­ri­va­to: la ne­ga­zio­ne da par­te del go­ver­no del­lo sta­to di emer­gen­za. Che la sin­da­ca le­ghi­sta di Ca­sci­na so­stie­ne di ca­pi­re nel­le sue stram­pa­la­te ra­gio­ni «tec­ni­che», co­me ha spie­ga­to a Re­pub­bli­ca. Lo Sta­to può an­che non aver i sol­di per ri­sar­ci­re i dan­ni. Non può pe­rò af­fer­ma­re che una ca­sa crol­la­ta è sta­ta so­lo «lam­bi­ta» dal fuo­co per­ché per­de la sua au­to­re­vo­lez­za e im­par­zia­li­tà mo­ra­le.

Vie­ne co­sì il so­spet­to che le emer­gen­ze ven­ga­no ri­co­no­sciu­te in ba­se agli in­te­res­si po­li­ti­ci. Si di­rà che que­sto è av­ve­nu­to an­che in pas­sa­to. Ad esem­pio nel 2001 il go­ver­no Ber­lu­sco­ni, in oc­ca­sio­ne di nu­bi­fra­gi e tor­na­do, ne­gò lo sta­to di ca­la­mi­tà a Pontedera e lo con­ces­se ad Ar­co­re. Nul­la di nuo­vo sot­to il cie­lo del­la peg­gio­re po­li­ti­ca. An­che se l’ir­ri­sio­ne del mi­ni­stro dell’agri­col­tu­ra Gian Mar­co Cen­ti­na­io nel con­fron­ti del sin­da­co di Cal­ci («Bla bla bla») non si era mai vi­sta. Quel­lo che il mi­ni­stro do­vreb­be ca­pi­re, e evi­den­te­men­te non ha ca­pi­to, è che quel «bla bla bla» non col­pi­sce so­lo il sin­da­co, ma tut­ti i cit­ta­di­ni fe­ri­ti dal gra­vis­si­mo in­cen­dio. Co­sì co­me do­vreb­be com­pren­de­re che il pas­so dal «bla bla bla» al «me ne fre­go» che tan­to pia­ce al lea­der le­ghi­sta Mat­teo Sal­vi­ni è mol­to ra­pi­do. La fi­du­cia che la gran par­te de­gli ita­lia­ni sta ri­po­nen­do nel «go­ver­no del cam­bia­men­to» di­pen­de an­che dall’au­spi­cio che cer­te cat­ti­ve pra­ti­che del pas­sa­to ven­ga­no de­fi­ni­ti­va­men­te su­pe­ra­te per­ché i cit­ta­di­ni so­no ugua­li di fron­te ai go­ver­ni. Nel­la «ros­sa» To­sca­na co­me nel Ve­ne­to le­ghi­sta.

Vie­ne il so­spet­to che le emer­gen­ze ven­ga­no ri­co­no­sciu­te in ba­se agli in­te­res­si po­li­ti­ci Si di­rà che è ac­ca­du­to an­che in pas­sa­to Ma que­sto non era il go­ver­no del cam­bia­men­to?

Il mi­ni­stro Gian Mar­co Cen­ti­na­io con Su­san­na Cec­car­di (a de­stra) sul Mon­te Ser­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.