Vi por­to nel cer­chio del­la pa­ce

L’at­ti­vi­sta Ra­d­ha Bhatt lan­cia le ce­le­bra­zio­ni to­sca­ne per i 150 an­ni dal­la na­sci­ta di Gan­d­hi «Col tea­tro par­te­ci­pa­ti­vo creo co­reo­gra­fie che ri­pro­du­co­no il man­da­la Vo­glio far­lo an­che qui»

Corriere Fiorentino - - Sport - Di Chia­ra Di­no

Un man­da­la è un og­get­to di cul­to, è il co­smo ri­pro­dot­to co­me fos­se una cir­con­fe­ren­za do­ta­ta al suo in­ter­no di fi­gu­re geo­me­tri­che che pren­do­no for­ma gra­zie all’in­trec­cio di fi­li co­lo­ra­ti, è il si­gni­fi­can­te che con­du­ce al­la pa­ce in­te­rio­re e so­cia­le. Ma è di­ven­ta­to an­che, co­me sco­pri­re­mo do­ma­ni al­le 18,30 al ci­ne­ma Odeon di Fi­ren­ze, un pro­get­to di pa­ce, un work in pro­gress per co­strui­re le­ga­mi, in­trec­cia­re le vi­te e strut­tu­ra­re il dia­lo­go, un’ope­ra d’ar­te che è per­for­man­ce di tea­tro e in­vi­ta a met­ter­si in gio­co cia­scu­no di noi, co­me esi­to tan­gi­bi­le di un mo­vi­men­to na­to 13 an­ni fa in In­dia — si chia­ma OraWorl­dMan­da­la (OWM) — gra­zie al­la te­na­cia di Ra­d­ha Bhatt, una si­gno­ra di 85 an­ni cre­sciu­ta in un vil­lag­gio dell’Hi­ma­la­ya e fol­go­ra­ta ap­pe­na bam­bi­na dal Ma­hat­ma Gan­d­hi e dai suoi se­gua­ci. Ra­d­ha lu­ne­dì lan­ce­rà la pro­po­sta di por­ta­re il suo man­da­la tra­sfor­ma­to in tea­tro a Fi­ren­ze, Gros­se­to e Pi­sa a ot­to­bre pros­si­mo per ce­le­bra­re i 150 an­ni dal­la na­sci­ta del Ma­hat­ma.

Com’è na­to il pro­get­to man­da­la e per­ché?

«So­no una don­na dell’Hi­ma­la­ya che ha co­no­sciu­to la per­se­cu­zio­ni dei se­gua­ci di Gan­d­hi quan­do era an­co­ra bam­bi­na. Ho vi­sto de­ci­ne di per­so­ne che pre­di­ca­va­no la non vio­len­za ar­re­sta­te per­ché vo­le­va­no co­strui­re la pa­ce. Qual­co­sa che non di­men­ti­che­rò mai. C’era­no tan­ti che ma­ni­fe­sta­va­no per le stra­de dei vil­lag­gi in so­ste­gno dei gan­d­hia­ni. Tra que­sti an­che io, con mol­ti an­ni di me­no». Quin­di? Co­sa è ac­ca­du­to? «È ac­ca­du­to che ho ca­pi­to che la vi­ta stes­sa di Gan­d­hi era co­me un’ope­ra d’ar­te (Ra­d­ha è sta­ta per an­ni an­che pre­si­den­te del­la Gan­d­hi Pea­ce Foun­da­tion). Tut­ti i suoi viag­gi, la sua vi­ta in Su­da­fri­ca, le sue scel­te, la sua ali­men­ta­zio­ne il suo far­si po­ve­ro e ad­det­to al­la ma­no­va­lan­za coi po­ve­ri. Il suo in­te­star­si una bat­ta­glia di ci­vil­tà e di li­ber­tà con il so­lo ausilio del­la non vio­len­za e del ri­co­no­sci­men­to del­la di­gni­tà di ogni es­se­re uma­no l’ho sem­pre con­si­de­ra­to al­la stes­sa stre­gua di un’ope­ra d’ar­te. E ho ca­pi­to che que­sta in­tui­zio­ne do­ve­vo tra­dur­la in un lin­guag­gio che coin­vol­ges­se il mag­gior nu­me­ro di per­so­ne». E dun­que co­me è pas­sa­ta al­la par­te ope­ra­ti­va? «Quin­di­ci an­ni fa, do­po uno de­gli scon­tri più vio­len­ti tra pa­ki­sta­ni e in­dia­ni, in­sie­me con l’Uni­ver­si­tà di Gu­ja­rat Vi­dya­pi­th (fon­da­ta dal Ma­hat­ma Gan­d­hi nel 1920 e del cui con­si­glio di­ret­ti­vo lei è mem­bro ndr.) ab­bia­mo or­ga­niz­za­to il pro­get­to man­da­la (una mo­da­li­tà di ri­so­lu­zio­ne di con­flit­ti, og­gi pre­sen­te in In­dia e in Mes­si­co, che con­si­ste nel fa­re del­le per­fo­man­ce di tea­tro d’ar­te, un tea­tro par­te­ci­pa­ti­vo in cui tut­ti i par­te­ci­pan­ti so­no at­to­ri e con­tri­bui­sco­no con le lo­ro for­me — che sia­no dan­ze, pro­du­zio­ni di di­se­gni ma an­che mo­men­ti di con­vi­via­li­tà — a crea­re dei man­da­la ndr)».

E que­sto stes­so ti­po di tea­tro par­te­ci­pa­ti­vo lei ades­so ora vuo­le por­tar­lo in To­sca­na per i 150 an­ni dal­la na­sci­ta del Ma­hat­ma. Lei co­me il Ma­hat­ma ha an­che fon­da­to un ash­ram, un vil­lag­gio do­ve si pra­ti­ca la co­stru­zio­ne del­la pa­ce, nel­le sue ter­re d’ori­gi­ni, co­me fun­zio­na?

«La­vo­ro sul­la for­ma­zio­ne e sull’edu­ca­zio­ne del­le don­ne. Nei no­stri vil­lag­gi c’è una for­te in­ci­den­za di vio­len­za nei lo­ro con­fron­ti, cau­sa­ta da con­di­zio­ni am­bien­ta­li, da un al­to tas­so di al­co­li­smo, da una non equa di­stri­bu­zio­ne dei di­rit­ti e dei do­ve­ri. Noi ci ispi­ria­mo a

 La­vo­ro sul­la for­ma­zio­ne del­le don­ne in Hi­ma­la­ya per va­lo­riz­za­re cia­scu­na di lo­ro in ogni sua par­te: men­te, ani­ma, cor­po e per ren­der­le li­be­re

mo­da­li­tà di edu­ca­zio­ne che ten­ga­no con­to dell’es­se­re uma­no nel­la sua in­te­rez­za. Del­la sua men­te, del­le sue co­no­scen­ze, ma an­che del­la sua ani­ma, dei suoi so­gni e del suo cor­po. Un pro­get­to che la­vo­ra sul lun­go ter­mi­ne ma che vuo­le ri­vo­lu­zio­na­re una cer­ta for­ma men­tis e co­strui­re un nuo­vo uma­ne­si­mo».

Per­ché la­vo­ra so­lo con don­ne?

«Per­ché so­no lo­ro che si pren­do­no cu­ra del­le fa­mi­glie, In una so­cie­tà do­ve a la­vo­ra­re fuo­ri so­no so­lo gli uo­mi­ni il si­ste­ma edu­ca­ti­vo è ap­pan­nag­gio del fem­mi­ni­le. Ren­den­do più con­sa­pe­vo­li lo­ro in­ci­di pro­fon­da­men­te su tut­to il si­ste­ma so­cia­le, lo tra­sfor­mi dal­la ba­se per­ché è a lo­ro che è de­pu­ta­ta l’edu­ca­zio­ne dei fi­gli».

È un pro­get­to espor­ta­bi­le an­che que­sto, co­me quel­lo ispi­ra­to al­la fi­gu­ra del man­da­la? «No, non cre­do. Tut­ti i no­stri pro­get­ti edu­ca­ti­vi par­to­no dal bas­so. Dal con­te­sto in cui van­no rea­liz­za­ti. Quel­lo che por­to avan­ti sul­le mon­ta­gne dell’Hi­ma­la­ya ha sen­so in quel luo­go per­ché na­sce dall’os­ser­va­zio­ne di quel­la gen­te e dal ten­ta­ti­vo di ri­sol­ve­re i con­flit­ti e le in­giu­sti­zie in­si­ti nel­la lo­ro co­mu­ni­tà. Por­tar­lo in Ita­lia, per esem­pio, co­me qual­co­sa ca­la­to dall’al­to, non avreb­be sen­so. Que­sto è un pun­to mol­to im­por­tan­te. Si par­te dai bi­so­gni di uo­mi­ni e don­ne e si la­vo­ra per da­re lo­ro ri­spo­ste con­cre­ti a pro­ble­mi con­cre­ti. Ogni luo­go ha di­ver­se esi­gen­ze. Quel­lo che va­le per ogni par­te del mon­do è la fi­lo­so­fia di fon­do che è poi in­si­ta nel pen­sie­ro di Gan­d­hi e che met­te al cen­tro un nuo­vo uma­ne­si­mo».

La vi­ta stes­sa del Ma­hat­ma era un’ope­ra d’ar­te Tut­ti i suoi viag­gi, la sua vi­ta in Su­da­fri­ca, le sue scel­te, quel­lo che sce­glie­va di man­gia­re

Il man­da­la (in al­to) è un og­get­to di cul­to in­dia­no che è di­ven­ta­to an­che un pro­get­to di pa­ce, un’ope­ra d’ar­te che è per­for­man­ce di tea­tro in cui agli at­to­ri vien chie­sto di ri­pro­dur­ne la for­ma con va­rie azio­ni sce­ni­che. Il pro­get­to l’an­no pros­si­mo ar­ri­ve­rà a Fi­ren­ze co­me an­nun­ce­rà Ra­d­ha Bhatt (a de­stra)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.