Uno dei fon­da­to­ri del­la co­mu­ni­tà

«An­che noi ab­bia­mo del­le col­pe, ma ri­bel­lar­si è sta­to un ri­scat­to»

Corriere Fiorentino - - Regione - G.G.

Se lo sa mio fi­glio si ar­rab­bia: mi ha fat­to pro­met­te­re che il do­cu­men­ta­rio era l’ul­ti­ma vol­ta in cui avrei par­la­to di For­te­to». Sor­ri­de Gi­no Ca­la­mai, sa­pen­do di in­fran­ge­re un fio­ret­to, quan­do com­men­ta la do­cu-se­rie di Sky: «Ma mi va di di­re che ri­ve­der­mi in tv mi ha fat­to be­ne: è co­me se fi­nal­men­te aves­si fis­sa­to la ve­ri­tà una vol­ta per tut­te. Il do­lo­re non pas­sa, ma so­no più se­re­no». Gi­no, og­gi pen­sio­na­to, è tra i pri­mi ad aver de­nun­cia­to il si­ste­ma For­te­to: «Nel do­cu­men­ta­rio so­no riu­sci­to a far pas­sa­re quel­lo che mi pre­me­va: noi so­ci fon­da­to­ri non sia­mo vit­ti­me co­me i ra­gaz­zi in af­fi­do, ab­bia­mo le no­stre col­pe. Ma la scel­ta di ri­bel­lar­si e di de­nun­cia­re è uno spar­tiac­que. Che ri­scat­ta chi ha de­ci­so di sta­re dal­la par­te giu­sta, dal­la par­te del­la ve­ri­tà».

Co­rag­gio Gi­no Ca­la­mai, so­cio fon­da­to­re del For­te­to e poi vit­ti­ma in una im­ma­gi­ne pre­sa dal­la mi­ni se­rie di Sky

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.