«Ti va di smez­zar­ci l’ham­bur­ger?» MI CHIE­DE L’AT­TRI­CE KEL­LY ROHR­BA­CH. «DI­VI­DO QUAL­SIA­SI CO­SA, TR AN­NE LE ZUP­PE, PER­CHÉ DA­TO CHE CI SIA­MO AP­PE­NA CO­NO­SCIU­TI, SA­REB­BE STRA­NO… O NO?»

Cosmopolitan (Italy) - - Cosmo Radar -

Sia­mo ar­ri­va­ti sen­za pre­no­ta­zio­ne in un ri­sto­ran­te su­per­cool di Ma­n­hat­tan. Il lo­ca­le è pie­nis­si­mo, e Kel­ly è con­vin­ta che non ci da­ran­no un ta­vo­lo. È la se­con­da di cin­que fi­gli, è abi­tua­ta a non ave­re trat­ta­men­ti da vip. I suoi fra­tel­li la pren­do­no sem­pre in gi­ro: «Dai Kel­ly, tu che sei una ce­leb di se­rie B, pre­no­ta, ah, aspet­ta, non ce la fai!». Ci se­dia­mo al ban­co­ne, co­me se di­vi­de­re i ra­vio­li al tar­tu­fo e un chee­se­bur­ger fos­se il no­stro ri­tua­le set­ti­ma­na­le. I no­stri pia­ni in real­tà era­no di­ver­si: do­ve­va­mo an­da­re a gio­ca­re a golf (lei è una su­per­bra­va, ha an­che ri­ce­vu­to una bor­sa di stu­dio al­la pre­sti­gio­sa Geor­ge­to­wn Uni­ver­si­ty). Sta­se­ra, pe­rò, ar­ri­va­va da sei ore di vo­lo da Los An­ge­les e quin­di ave­va bi­so­gno di so­ste­gno, ov­ve­ro, di quel chee­se­bur­ger. Ha an­co­ra in­dos­so la sua uni­for­me da viag­gio: un car­di­gan gri­gio pe­san­te, leg­gings e com­bat boot, i ca­pel­li bion­di mos­si rac­col­ti sot­to un cap­pel­li­no. An­che se è cre­sciu­ta a Gree­n­wi­ch, nel Con­nec­ti­cut, sem­bra una da We­st Coa­st. «I ca­li­for­nia­ni so­no la mia gen­te: so­no ea­sy e tro­va­no sem­pre cin­que mi­nu­ti per par­la­re, io amo chiac­chie­ra­re». In­som­ma, sem­bra una tut­ta yo­ga e cen­tri­fu­ghe. «So­no cre­sciu­ta all’aper­to, ab­brac­cia­vo gli al­be­ri nei bo­schi. La mia è sta­ta dav­ve­ro l’in­fan­zia più bel­la che si pos­sa ave­re», di­ce. «So­no le­ga­tis­si­ma al­la mia fa­mi­glia, i miei fra­tel­li so­no i miei mi­glio­ri ami­ci. Ades­so mia so­rel­la vi­ve con me a Los An­ge­les. È la mia ani­ma ge­mel­la». Fi­no a qual­che tem­po fa pe­rò la sua ani­ma ge­mel­la era Leo­nar­do DiCa­prio: i due si so­no fre­quen­ta­ti per qua­si tut­to il 2015, ma lei non ha mai par­la­to del­la lo­ro sto­ria (e non lo fa­rà nep­pu­re og­gi). Da ra­gaz­za Kel­ly ha fat­to l’esclu­si­va Gree­n­wi­ch Aca­de­my, una scuo­la tut­ta fem­mi­ni­le del Con­nec­ti­cut. Per di­re: ex alun­ne so­no Ethel Ken­ne­dy e Jane Fon­da... «Una gran­dis­si­ma par­te di chi so­no ora di­pen­de dal fat­to che ho stu­dia­to in una scuo­la do­ve in­se­gna­no al­le ra­gaz­ze a es­se­re in­di­pen­den­ti e a far sen­ti­re la pro­pria vo­ce», rac­con­ta Kel­ly, che smon­ta la mia vi­sio­ne in sti­le Mean Girls, con gon­ne a scac­chi e pul­lo­ver fat­ti a ma­glia. «Non è il clas­si­co li­ceo, con i ra­gaz­zi che fan­no sport e le ra­gaz­ze che guar­da­no. Da noi le cheer­lea­der non c’era­no, e se qual­cu­na di noi aves­se vo­lu­to far­la, sa­reb­be sta­ta guar­da­ta dall’al­to in bas­so. Per­ché mai ti­fa­re per qual­cu­no quan­do tu puoi rag­giun­ge­re i tuoi tra­guar­di?». Cre­scen­do, Kel­ly era sem­pre un po’ fuo­ri nor­ma. «A do­di­ci an­ni ero al­ta 1,80. I miei fra­tel­li mi pren­de­va­no in gi­ro e mi chia­ma­va­no “big friend­ly” ( il gi­gan­te buo­no, una fa­vo­la fa­mo­sa ne­gli Sta­ti Uni­ti, ndr) o la “gi­gan­tes­sa spa­ven­to­sa”. Poi, quan­do ho ini­zia­to a fa­re la mo­del­la, mi di­ce­va­no: “La gi­gan­tes­sa gen­ti­le riu­sci­rà a fa­re la mo­del­la? Co­sì in­gom­bran­te?”», ri­cor­da Kel­ly so­spi­ran­do. «So­no sem­pre riu­sci­ti a pren­der­mi in gi­ro». E poi va avan­ti: «Di­re che ho avu­to un’ado­le­scen­za im­ba­raz­zan­te è po­co. Tu ti sei mai mes­so dei ber­mu­da?», mi chie­de, ri­fe­ren­do­si al­la te­nu­ta da golf. «Non stan­no be­ne a nes­su­na, nean­che a Gi­se­le! Quan­do ero pic­co­la, ero sem­pre sul cam­po da golf con mio pa­dre e i suoi ami­ci ses­san­ten­ni. Al­le me­die gio­ca­vo in una squa­dra che era fat­ta so­lo di ra­gaz­zi del li­ceo. E da­to che ve­ni­vo da una scuo­la fem­mi­ni­le, pra­ti­ca­men­te con i ra­gaz­zi non ci ave­vo mai par­la­to. Il golf è uno sport ma­schi­le, ma più in­vec­chio, più mi sem­bra che sia cool an­che per le ra­gaz­ze. È uno dei po­chis­si­mi sport, se non l’uni­co, che met­te sul­lo stes­so pia­no uo­mi­ni e don­ne». Quan­do Kel­ly era al se­con­do an­no di uni­ver­si­tà al­la Geor­ge­to­wn, ha de­ci­so di fre­quen­ta­re, un po’ per ca­so, un cor­so di re­ci­ta­zio­ne per­ché gi­ra­va vo­ce che fos­se un mo­do per pren­de­re un bel vo­to. «So­no en­tra­ta in au­la e mi so­no det­ta: “Oh, ma que­sta è ca­sa mia”. Ha fi­ni­to la sua espe­rien­za di spor­ti­va, ha de­ci­so che si sa­reb­be lau­rea­ta in tea­tro e ha pas­sa­to il ter­zo an­no al­la Lon­don Aca­de­my of Mu­sic and Dra­ma­tic Art. Una vol­ta lau­rea­ta, si è tra­sfe­ri­ta a Los An­ge­les. Ha avu­to pic­co­le par­ti in qual­che se­rie ( Due uo­mi­ni e mez­zo, Rizzoli and Isles e Broad Ci­ty) pri­ma che il suo ma­na­ger le di­ces­se che era ora di co­no­sce­re quel­li di Img, l’agen­zia di su­per­mo­del­le co­me Gi­gi e Bel­la Ha­did e Mi­ran­da Kerr. Nel 2015 ha vin­to il pre­mio “Roo­kie of the year” di Sports Il­lu­stra­ted, che in­co­ro­na la mi­glio­re de­but­tan­te top mo­del in bi­ki­ni, an­che se an­co­ra non si

im­ma­gi­na­va che avreb­be in­ter­pre­ta­to il ruo­lo di C.J. Par­ker (re­so fa­mo­so da Pa­me­la An­der­son) nel se­quel di Bay­wat­ch, usci­to da qual­che set­ti­ma­na in tut­to il mon­do.

SE IL CO­STU­ME È GIU­STO

Kel­ly ha vo­lu­to met­te­re del suo in que­sto per­so­nag­gio mi­ti­co. «La pri­ma vol­ta che ho let­to il co­pio­ne l’ho su­bi­to ama­to, ma al mio ruo­lo man­ca­va pro­fon­di­tà», di­ce. «E io non vo­le­vo fa­re la bam­bo­lo­na e ba­sta, non vo­le­vo es­se­re un og­get­to. Il mio per­so­nag­gio do­ve­va es­se­re una per­so­na di­na­mi­ca, e rea­le». Co­sì ha chie­sto al re­gi­sta Se­th Gor­don e al suo staff di ri­scri­ve­re la par­te. «All’ini­zio, il mio per­so­nag­gio ave­va una mez­za sto­ria con quel­lo in­ter­pre­ta­to da Jon Bass, un ti­po sim­pa­ti­co al­la Jo­nah Hill. C’era scrit­to che lui era cot­to di lei, e che lei in­ve­ce fa­ce­va un po’ la stron­za con lui.

«Nel­la mia scuo­la le cheer­lea­der non c’era­no. Per­ché mai ti­fa­re per qual­cu­no quan­do an­che tu puoi rag­giun­ge­re i tuoi tra­guar­di?»

Ma io mi so­no det­ta: con un ti­po co­sì io ci usci­rei. Mi fa ri­de­re, e per me il sen­so dell’umo­ri­smo è la co­sa più se­xy che ci sia». An­che se il co­stu­me in­te­ro ros­so che Kel­ly sfog­gia nel film è an­che più se­xy di quel­lo di Pam (e chi avreb­be mai pen­sa­to che fos­se pos­si­bi­le?), c’è un det­ta­glio fon­da­men­ta­le che lo ren­de mo­der­no: «È in tes­su­to scuba, il che è fantastico, per­ché pra­ti­ca­men­te è co­me in­dos­sa­re una Spa­nx», mi spie­ga, men­tre guar­dia­mo la li­sta dei dol­ci. «In­som­ma, per me il chee­se­bur­ger non è un pro­ble­ma. Se rie­sco ad al­lac­cia­re il co­stu­me, è co­me se non fos­se mai suc­ces­so». E poi sul­la mo­da ag­giun­ge: «Non so­no una mol­to glam. La gen­te mi chie­de chi so­no i miei sti­li­sti pre­fe­ri­ti, e ri­spon­do: “Lu­lu­le­mon?” (un mar­chio d’ab­bi­glia­men­to spor­ti­vo, ndr)». E la co­sa bel­la è che non scher­za: se ve­di le sue fo­to pa­pa­raz­za­te, sco­pri­rai che è qua­si sem­pre con sa­lo­pet­te, leg­gings, fel­pe, jeans e scar­pe da gin­na­sti­ca. Kel­ly non si con­for­ma al­le aspet­ta­ti­ve di nes­su­no. «Per me, in una re­la­zio­ne è be­ne man­te­ne­re la mia to­ta­li­tà co­me in­di­vi­duo. Io cre­do fer­ma­men­te che ognu­no deb­ba ave­re la sua vi­ta. L’au­to­sti­ma e la si­cu­rez­za ven­go­no dal fa­re le co­se, e bi­so­gna es­se­re si­cu­ri di cre­sce­re sem­pre. Ti aiu­ta a es­se­re una per­so­na, e un part­ner, mi­glio­re». Ma non aspet­tar­ti che ci par­li d’amo­re: «So­no riservata. Ma­ga­ri se aves­si vent’an­ni e un fi­dan­za­to, met­te­rei tut­to su in­sta­gram... Non sen­to l’esi­gen­za di con­di­vi­de­re con il mon­do tut­to quel­lo che fac­cio, an­che se so di es­se­re for­tu­na­ta. Ie­ri so­no an­da­ta a cor­re­re, ed è sta­to bel­lis­si­mo. Sor­ri­de­vo, e pen­sa­vo: “Dio, ho 27 an­ni e so­no sa­na, sto rea­liz­zan­do i miei so­gni, e so­no gra­ta per tut­to que­sto!”. Non do mai nien­te per scon­ta­to». I suoi pia­ni per i pros­si­mi 10 an­ni so­no sem­pli­ci: «Vi­ve­re a Ma­li­bu e cam­mi­na­re con la sab­bia fra i pie­di, e gio­ca­re tut­to l’an­no con i miei bim­bi che fan­no surf. Hai pre­sen­te quei ti­pi da spiag­gia, che pra­ti­ca­men­te non han­no mai ve­sti­ti ad­dos­so? Sen­za ca­mi­cia, sen­za scar­pe, sen­za pro­ble­mi!», escla­ma, quan­do sta per ar­ri­va­re il dol­ce.

Abi­to Mu­gler. Orec­chi­ni Ale­xan­der Wang. Brac­cia­le Shaun Lea­ne.

Abi­to Sport­max. Orec­chi­ni e col­la­na, Ca­dar. Snea­kers Marc Fi­sher.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.