Sol­di

Il se­gre­to del ve­ro amo­re non è so­lo nel­la chi­mi­ca: sco­pri­te la vo­stra af­fi­ni­tà fi­nan­zia­ria ri­spon­den­do in­sie­me a que­ste sem­pli­ci do­man­de di Brit­ta­ny Bur­ke

Cosmopolitan (Italy) - - Luglio -

Il te­st per ve­ri­fi­ca­re la vo­stra af­fi­ni­tà fi­nan­zia­ria

Vi sie­te pia­ciu­ti su tin­der, sta­te per pren­de­re un cuc­cio­lo in­sie­me op­pu­re con­di­vi­de­te un ac­count su Net­flix? Be’, ave­te già af­fron­ta­to di­ver­si mo­men­ti im­por­tan­ti, di quel­li che de­fi­ni­sco­no una re­la­zio­ne... Ep­pu­re, c’è un ar­go­men­to di con­ver­sa­zio­ne che in cop­pia vie­ne spes­so tra­scu­ra­to. E sì, stia­mo par­lan­do di sol­di. «Quan­do co­no­sci un ra­gaz­zo nuo­vo, d’istin­to cer­chi di ca­pi­re se fi­si­ca­men­te, emo­ti­va­men­te ed eti­ca­men­te sie­te com­pa­ti­bi­li, men­tre al­la vo­stra even­tua­le sin­to­nia fi­nan­zia­ria nem­me­no ci pen­si», os­ser­va Ma­ni­sha Tha­kor, fon­da­tri­ce di Mo­ney.Zen, un’azien­da di in­ve­sti­men­ti on­li­ne. Ma è una svi­sta enor­me: il de­na­ro gio­che­rà un ruo­lo es­sen­zia­le nel­la vo­stra fe­li­ci­tà a due. Se con lui fai sul se­rio, quin­di, è be­ne che en­tram­bi tro­via­te il tem­po di ri­spon­de­re a que­ste do­man­de ba­si­la­ri per un so­li­do fu­tu­ro in­sie­me.

CON­DI­VI­DE­TE IL VO­STRO IM­PRIN­TING FI­NAN­ZIA­RIO

Par­la­re del ti­po di edu­ca­zio­ne ri­ce­vu­ta ri­guar­do ai sol­di, con­fes­san­do­vi pau­re e spe­ran­ze, vi aiu­te­rà a met­te­re su­bi­to in lu­ce gli even­tua­li pun­ti di fri­zio­ne.

In fa­mi­glia, pa­pà e mam­ma la­vo­ra­va­no en­tram­bi? E co­me ge­sti­va­no il red­di­to?

La mag­gior par­te del­le per­so­ne ten­de a imi­ta­re i pro­pri ge­ni­to­ri o, al con­tra­rio, ad adot­ta­re di pro­po­si­to at­teg­gia­men­ti op­po­sti. «Se le tue prio­ri­tà eco­no­mi­che

so­no di­ver­se da quel­le di lui, di­gli con chia­rez­za quan­to sei di­spo­sta a scen­de­re a com­pro­mes­si», con­si­glia To­nya Ra­pley, fon­da­tri­ce del blog My Fab Fi­nan­ce. Per esem­pio: «Non ri­nun­ce­rò mai al­la car­rie­ra, ma po­trei chie­de­re ora­ri più fles­si­bi­li». Op­pu­re: «Mi aspet­to che il mio com­pa­gno con­tri­bui­sca in mo­do equo al­la ge­stio­ne del­le spe­se per la ca­sa».

I vo­stri ge­ni­to­ri in che mo­do par­la­va­no di que­stio­ni eco­no­mi­che?

Ma­ga­ri i suoi di­ce­va­no che i sol­di non era­no mai ab­ba­stan­za, men­tre i tuoi era­no i ti­pi che spen­de­va­no tut­to e su­bi­to. «Il mo­do in cui tuo pa­dre e tua ma­dre af­fron­ta­va­no l’ar­go­men­to quan­do eri pic­co­la, ti con­di­zio­na an­che da gran­de, por­tan­do­ti a es­se­re ti­mo­ro­sa o spin­gen­do­ti a scel­te ir­re­spon­sa­bi­li», os­ser­va Ra­pley. «Se nel­la fa­mi­glia del tuo ra­gaz­zo, per esem­pio, non se ne par­la­va mai, è pro­ba­bi­le che dal pun­to di vi­sta fi­nan­zia­rio sia me­no ma­tu­ro di te». Nel ca­so, per evi­ta­re ma­lin­te­si, non da­re mai nul­la per scon­ta­to: par­la­te­vi e con­fron­ta­te­vi il più spes­so pos­si­bi­le.

Ave­te fat­to qual­co­sa di cui poi vi sie­te pen­ti­ti?

È un mo­do soft per af­fron­ta­re il te­ma cal­do dei de­bi­ti. Ri­cor­da­ti, in­fat­ti, che pos­so­no in­fluen­za­re mol­to una re­la­zio­ne e, quin­di, va­le la pe­na es­se­re chia­ri fin da su­bi­to. Hai le ma­ni bu­ca­te o una ra­ta trop­po pe­san­te da pa­ga­re? Spie­ga con sin­ce­ri­tà l’en­ti­tà del­la ci­fra e il mo­ti­vo. Se­con­do Far­noo­sh To­ra­bi, gior­na­li­sta fi­nan­zia­ria e au­tri­ce di When She Ma­kes Mo­re, una cop­pia de­ve con­di­vi­de­re tut­to, gua­da­gni e ri­spar­mi, de­bi­ti in­clu­si, sen­za se­gre­ti. E una vol­ta che si è fat­ta chia­rez­za sui nu­me­ri, oc­cor­re fa­re gio­co di squa­dra per pre­pa­ra­re un pia­no d’at­tac­co. «Pri­ma fa­te di tut­to per estin­gue­re il de­bi­to, poi ini­zie­re­te a met­te­re da par­te in­sie­me dei ri­spar­mi», di­ce To­ra­bi.

I vo­stri ge­ni­to­ri vi aiu­ta­no a pa­ga­re le spe­se?

«La di­pen­den­za eco­no­mi­ca im­pe­di­sce di en­tra­re nell’età adul­ta», av­ver­te To­ra­bi. Se lui esi­ta a pa­gar­si da so­lo il cel­lu­la­re (o non ci rie­sce), è pro­ba­bi­le che non sia nem­me­no pron­to a

pren­der­si del­le re­spon­sa­bi­li­tà in au­to­no­mia in al­tre sfe­re del­la sua vi­ta. Se uno di voi due si tro­va in que­sta si­tua­zio­ne, oc­cor­re ca­pi­re per­ché e in che mo­do uscir­ne. È ora di di­re ba­sta al­la car­ta di cre­di­to fi­nan­zia­ta dai tuoi!

SCO­PRI­TE DO­VE VAN­NO A FI­NI­RE I VO­STRI STI­PEN­DI

Se ana­liz­za­te in­sie­me co­me spen­de­te i sol­di, non do­vre­te più pre­oc­cu­par­vi del­la vo­stra rou­ti­ne fi­nan­zia­ria.

Co­me ge­sti­te le en­tra­te?

Lui ha tut­to sot­to con­trol­lo, in ban­ca e nel por­ta­fo­glio, op­pu­re ovun­que re­gna il caos, co­me a ca­sa sua? E lo stes­so va­le per te. «A 20-30 an­ni sia­mo più di­spo­ni­bi­li a cam­bia­re il mo­do in cui ge­stia­mo il de­na­ro», in­co­rag­gia Hi­la­ry Hen­der­shott, con­su­len­te fi­nan­zia­ria. «Se vo­le­te sin­to­niz­za­re i vo­stri sti­li eco­no­mi­ci, par­la­te­ne aper­ta­men­te, spe­ci­fi­can­do gli aspet­ti cui ri­nun­ce­re­ste me­no vo­len­tie­ri».

Uno di voi sta man­te­nen­do qual­cu­no fi­nan­zia­ria­men­te?

Si spe­ra che en­tram­bi a que­sto pun­to avre­te già af­fron­ta­to la que­stio­ne di even­tua­li fi­gli a ca­ri­co. È be­ne, pe­rò, met­te­re an­che in chia­ro se uno dei due aiu­ta re­go­lar­men­te la mam­ma ad ar­ri­va­re a fi­ne me­se. Par­la­re di even­tua­li vin­co­li fi­nan­zia­ri vi aiu­te­rà a evi­ta­re in­com­pren­sio­ni. Il con­si­glio è non giu­di­ca­re, ma in­for­mar­si. Lui ha un ami­co sem­pre al ver­de che ha bi­so­gno di una ma­no? Chie­di­gli: «Pen­si che sa­rà sem­pre co­sì?». Se poi lui rie­sce nell’in­ten­to di “svez­zar­lo”, tan­to me­glio, ma se tu do­vrai in­ve­ce aiu­ta­re tua ma­dre per sem­pre, do­vre­te te­ner­ne con­to nel ca­so fac­cia­te pro­get­ti che ri­chie­do­no sfor­zi eco­no­mi­ci con­giun­ti.

CONFIDATEVI I VO­STRI SO­GNI A SEI ZE­RI

Tu sai esat­ta­men­te quan­to vor­rai gua­da­gn­re nei pros­si­mi die­ci an­ni e ol­tre… Ma lui?

Qual è la co­sa più im­por­tan­te per cui va­le la pe­na met­te­re da par­te dei sol­di?

«Gli obiet­ti­vi di ri­spar­mio ri­ve­la­no i no­stri va­lo­ri», di­ce Ja­ni­ce Gold­man, au­tri­ce di Let’s Talk about Mo­ney. Par­la­te­ne in­sie­me e ca­pi­re­te me­glio le vostre ri­spet­ti­ve prio­ri­tà. Se en­tram­bi ri­spar­mia­te per com­prar­vi una ca­sa, be­ne. Se pe­rò il suo obiet­ti­vo è una va­can­za da so­gno, men­tre il tuo è met­te­re da par­te la som­ma ne­ces­sa­ria per pa­gar­ti un ma­ster all’uni­ver­si­tà, è be­ne che fac­cia­te un po’ di chia­rez­za per­ché ap­pa­ren­te­men­te sem­bra stia­te an­dan­do in due di­re­zio­ni di­ver­se

Co­me sa­rà la vo­stra vi­ta tra die­ci an­ni?

Di­te­vi co­me im­ma­gi­na­te il vo­stro fu­tu­ro. In che ti­po di ca­sa vi­vre­te? Che au­to gui­de­re­te? E poi con­di­vi­de­te quel­lo che sta­te già fa­cen­do per rag­giun­ge­re i vo­stri tra­guar­di. «Co­sì po­tre­te va­lu­ta­re quan­to sie­te dav­ve­ro sul­la stes­sa lun­ghez­za d’on­da», con­si­glia Ra­pley. E una vol­ta che avre­te sco­per­to di ave­re un pia­no co­mu­ne per la vo­stra vi­ta in­sie­me, po­tre­te pre­pa­rar­vi a go­der­vi il vo­stro fu­tu­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.