Per­ché ama il bar­be­cue?

Il no­stro in­si­der ti spie­ga co­me mai lui si sen­te un dio men­tre cuo­ce le sal­sic­ce

Cosmopolitan (Italy) - - Agosto -

Par­lan­do di dif­fe­ren­ze di ge­ne­re, è il te­ma più fu­mo­so... an­che per­ché non vie­ne af­fron­ta­to nel mo­do giu­sto! Il suo cul­to non è cer­to pre­ro­ga­ti­va maschile. Ma l’amo­re co­no­sce di­ver­si modi per rea­liz­zar­si. E quel­lo dell’uo­mo (non ve­ge­ta­ria­no) per il bar­be­cue non sa­rà mai pa­ra­go­na­bi­le a ciò che può pro­va­re una don­na. In­fat­ti, è più car­na­le (scu­sa l’ov­vie­tà): ha a che fa­re con una cras­sa, tal­vol­ta gras­sa, ma­sco­li­ni­tà. Co­sì co­me un ma­schio al­fa non po­trà mai com­pren­de­re il po­te­re se­dut­ti­vo eser­ci­ta­to da un pa­io di Lou­bou­tin su una ra­gaz­za, pur non ri­ma­nen­do in­dif­fe­ren­te all’este­ti­ca del­le scar­pe, co­sì tu po­trai sì ap­prez­za­re il ri­tua­le del bar­be­cue, ma il tuo sa­rà sem­pre un sen­ti­men­to par­zia­le. Le ra­gio­ni so­no sva­ria­te. Ma di co­sa par­lia­mo quan­do par­lia­mo di bar­be­cue (tan­to per ci­ta­re Ray­mond Car­ver)? Se in­ten­di la gri­glia­ta all’ita­lia­na, ab­bia­mo a che fa­re con una pra­ti­ca mol­to più com­ples­sa di quel­la Usa. Cuo­ce­re la car­ne per noi si­gni­fi­ca spes­so con­cen­trar­ci nel­la pre­pa­ra­zio­ne di in­tin­go­li e sal­se a ba­se d’olio, li­mo­ne, ro­sma­ri­no e co­sì via. La pri­ma ra­gio­ne del­la no­stra pas­sio­ne, co­mun­que, ri­guar­da l’istin­to di con­qui­sta. 1 MARCA IL TER­RI­TO­RIO Ge­ne­ra­liz­zan­do, il ma­schio è per sua na­tu­ra un roz­zo co­lo­nia­li­sta. Quan­to lon­ta­no si spar­ge il fu­mo di un bar­be­cue ben con­ge­gna­to? A qua­le di­stan­za sa­rà per­ce­pi­bi­le? Se da Gal­la­ra­te si spin­ge­rà fi­no a Co­lo­gno al Se­rio quell’uo­mo, il pa­dro­ne del bar­be­cue, per buo­na par­te del­la sua gior­na­ta sa­rà sta­to un pic­co­lo im­pe­ra­to­re. Per­ché sco­mo­dar­si a re­clu­ta­re un eser­ci­to se puoi sot­to­met­te­re mez­za cit­tà col fu­mo ti­ran­ni­co del­la tua gri­glia­ta? La se­con­da ra­gio­ne, ap­pun­to, ri­guar­da la pra­ti­ci­tà. 2 DI­VEN­TA UN GRAN­DE CUO­CO A un uo­mo ba­sta po­co per sen­tir­si chef. Per quan­to pos­sa es­se­re fat­to a re­go­la d’ar­te, si trat­ta pur sem­pre di ar­ro­ven­ta­re qual­che car­bo­nel­la e sten­der­ci so­pra due fet­te di car­ne. La fi­nez­za dell’esper­to ab­bru­sto­li­to­re po­trà tro­var sfo­go nel­la pre­pa­ra­zio­ne dei con­di­men­ti e nel­la co­no­scen­za dei tem­pi di cot­tu­ra. Quand’è che bi­so­gna gi­ra­re la car­ne? Que­sto è il di­lem­ma. Non ce ne so­no mol­ti al­tri. Pre­pa­ra­re una tor­ta sa­cher, o an­che uno spa­ghet­to al po­mo­do­ro, ri­chie­de qual­che pic­co­la abi­li­tà sup­ple­men­ta­re. Tut­ta­via, non va nem­me­no pre­sa sot­to­gam­ba l’im­por­tan­za del­la scin­til­la pri­mi­ge­nia. La ter­za ra­gio­ne, in­fat­ti, ri­sie­de nel­la mi­to­lo­gia. 3 SFI­DA GLI DEI CO­ME PRO­ME­TEO Chiun­que rie­sca ad ac­cen­de­re un fuo­co sen­za ver­sar­ci so­pra 2 li­tri di spi­ri­to ha di­rit­to a sen­tir­si Pro­me­teo. E co­me lui ver­rà pu­ni­to. Nell’at­tua­li­tà, ta­le pu­ni­zio­ne as­su­me la for­ma vi­si­bi­le dell’adi­pe e quel­la in­vi­si­bi­le del co­le­ste­ro­lo. Dan­ni da met­te­re in con­to, se vuoi com­pie­re una gran­de im­pre­sa. La glo­ria ri­com­pen­se­rà. Non a ca­so, la quar­ta ra­gio­ne è l’ego­cen­tri­smo. 4 È IL BOSS DEL­LA FE­STA Qua­le oc­ca­sio­ne mi­glio­re per ca­ta­liz­za­re l’at­ten­zio­ne su di sé? L’uo­mo che gi­ra la car­ne do­mi­na la sce­na. È lui che de­ci­de qua­le sal­sic­cia è pron­ta e a chi af­fi­dar­la. La sua pa­let­ta ca­la­mi­ta gli sguar­di de­gli astan­ti che ne se­guo­no i guiz­zi, le in­de­ci­sio­ni. Di spal­le ai suoi sud­di­ti, chi­no fra una co­sti­na e una sup­pli­ca, il boss del bar­be­cue de­ci­de di mol­ti de­sti­ni. Fa l’in­dif­fe­ren­te, ma sa di es­se­re al cen­tro del mon­do e so­gna che que­sto mo­men­to du­ri il più pos­si­bi­le. Ma ec­co che dal­la cu­ci­na, con un fal­so sor­ri­so e un car­to­ne tra le brac­cia, sbu­ca il suo eter­no ri­va­le: il pa­dro­ne del­le bir­re. Sa­rà una bat­ta­glia epi­ca.

di Ste­fa­no Pie­di­mon­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.