VUOL DI­RE BU­SI­NESS

Cosmopolitan (Italy) - - Cosmo Radar -

Sia­mo nel back­sta­ge del Wo­men in the World Sum­mit che si è te­nu­to a New York lo scor­so apri­le, do­ve Scarlett ha ap­pe­na par­la­to con Arian­na Huf­fing­ton di so­ste­gno fem­mi­ni­le, di eman­ci­pa­zio­ne e di Ivan­ka Trump. A mar­zo, Scarlett ha fat­to la pa­ro­dia del­la “Fir­st Daughter” ame­ri­ca­na al Sa­tur­day Night Li­ve, pren­den­do­la in gi­ro per­ché non si vuo­le espor­re nei con­fron­ti del pa­dre. In­som­ma, da quan­do ha par­te­ci­pa­to al­la Wo­men’s Mar­ch di Wa­shing­ton lo scor­so gen­na­io, Scarlett, 32 an­ni, si cir­con­da di don­ne, e per lo­ro fa sen­ti­re la sua vo­ce. Il suo ul­ti­mo film, l’ec­cen­tri­co Cra­zy Night - Fe­sta col mor­to (nel­le sa­le dal 27 lu­glio) non so­lo è sta­to di­ret­to e in par­te scrit­to da una don­na (Lu­cia Aniel­lo), ma ha an­che nel ca­st le stel­le na­scen­ti più bril­lan­ti di tut­ta Hol­ly­wood, co­me Ka­te McKin­non (del Sa­tur­day Night Li­ve), Ila­na Gla­zer (di Broad Ci­ty), Jil­lian Bell (di Wor­ka­ho­lics) e Zoë Kra­vi­tz ( di Big Lit­tle Lies). L’ener­gia sul set, rac­con­ta Scarlett, era me­ra­vi­glio­sa, pro­prio per­ché so­no sta­te le don­ne a con­dur­re buo­na par­te del gioco. «Una vol­ta, quan­do ti gi­ra­vi a guar­da­re la trou­pe, ve­de­vi un ma­re di uo­mi­ni. Og­gi in­ve­ce ve­di don­ne che fan­no le mac­chi­ni­ste, che mon­ta­no i set e che fan­no squa­dra. È fan­ta­sti­co».

In mol­ti di­co­no che Cra­zy Night -

Fe­sta col mor­to sia una ver­sio­ne fem­mi­ni­le del mi­ti­co Una not­te

da leo­ni. Lo tro­vi giu­sto? «Mi è pia­ciu­to il fat­to che Una not­te da leo­ni fos­se un film che par­la­va di ami­ci­zia. Cer­to, era dis­sa­cran­te, ma ave­va an­che una sfu­ma­tu­ra sen­ti­men­ta­le ca­ri­na, quin­di non di­rei che sia una co­sa sba­glia­ta».

Chi all’in­ter­no del ca­st è sta­ta una ve­ra sor­pre­sa? «In ge­ne­ra­le cre­do che le per­so­ne che fan­no i co­mi­ci ami­no pro­prio il dark hu­mor. In­som­ma, di­ce­vo, ra­gaz­ze sie­te tut­te del­le mat­te! Io al con­fron­to, ero qua­si una tra­di­zio­na­li­sta. Jil­lian è dav­ve­ro sfac­cia­ta, più un film è di­sgu­sto­so e in­quie­tan­te, più lei è del­la se­rie “lo ado­ro”».

In­som­ma, non so­no esat­ta­men­te ra­gaz­ze co­mu­ni... «In real­tà io ho mol­te amiche, che ho in­con­tra­to in di­ver­se fa­si del­la mia vi­ta. E rin­gra­zio Dio per que­sto! Le tue mi­glio­ri al­lea­te so­no uno spec­chio at­tra­ver­so cui puoi ve­der­ti, an­che se a vol­te pre­fe­ri­re­sti far fin­ta di non ac­cor­ger­ti di al­cu­ni aspet­ti brut­ti o di cer­ti se­gna­li d’al­lar­me. A vol­te stai con uno e pen­si: “Cre­do pro­prio che sia una re­la­zio­ne sa­na”, e lo­ro ti di­co­no: “No, ma che di­ci?”».

Nel film, so­no i ra­gaz­zi quel­li sen­si­bi­li. Co­sa sta suc­ce­den­do a noi tut­ti? «È un’esa­ge­ra­zio­ne, ma in qual­che mo­do rac­con­ta di co­me le di­na­mi­che di ge­ne­re stia­no cam­bian­do. Gli uo­mi­ni han­no ab­brac­cia­to un la­to nuo­vo».

Non han­no pau­ra di di­re: “So­no un fem­mi­ni­sta”... «È bel­lo!».

O di an­da­re al­la Wo­men’s Mar­ch. «E que­sto non è se­xy?».

A pro­po­si­to di que­sta mar­cia con­tro Trump e ogni di­scri­mi­na­zio­ne: eri ner­vo­sa all’idea di sa­li­re sul pal­co? «Ero in quel­la si­tua­zio­ne con­cen­tra­ta in cui si tro­va un atle­ta pri­ma di fa­re una ga­ra o un com­bat­ti­men­to. So­lo il gior­no do­po so­no riu­sci­ta a se­der­mi e rea­liz­za­re cos’era suc­ces­so».

Hai avu­to pau­ra che, so­ste­nen­do l’or­ga­niz­za­zio­ne Plan­ned Pa­ren­thood, avre­sti po­tu­to per­de­re dei fan? «Spe­ro che que­sto ab­bia con­tri­bui­to a “nor­ma­liz­za­re” il di­bat­ti­to.

Non c’è mo­ti­vo per cui non si deb­ba par­la­re di di­rit­ti del­la riproduzione. È una cau­sa per cui dob­bia­mo con­ti­nua­re a lot­ta­re».

Mol­ti evi­ta­no di par­la­re di po­li­ti­ca sui lo­ro so­cial. Co­sa vuoi di­re a que­ste per­so­ne? «Quan­do si dice qual­co­sa in pub­bli­co si cor­re sem­pre un ri­schio, no? Ma­ga­ri per­de­rai qual­che fol­lo­wer. Ma se ti espo­ni, puoi ave­re un gran­de im­pat­to su chi ti ascolta. Spe­ro che mia fi­glia rie­sca a tro­va­re la sua vo­ce, e che si sen­ta li­be­ra di po­ter­si espri­me­re per ciò che le sta a cuo­re. Io so­no cre­sciu­ta in un am­bien­te che in­co­rag­gia­va l’at­ti­vi­smo, per que­sto non ho mai pen­sa­to all’ef­fet­to che po­te­va ave­re sul­la mia car­rie­ra. Ma so che è un lus­so, e che non tut­ti ce l’han­no».

Ivan­ka Trump ha fat­to ca­pi­re che lei pre­fe­ri­sce es­se­re più di­scre­ta ri­guar­do al suo at­ti­vi­smo… «Non so che ti­po di at­ti­vi­smo pos­sa es­ser­ci die­tro una por­ta chiu­sa... Non di­co che lei deb­ba espor­si e par­la­re di qual­co­sa in cui non cre­de. È par­te dell’am­mi­ni­stra­zio­ne in ca­ri­ca, ma non so che po­si­zio­ne ri­co­pre, e chi lo sa? Lo so che è com­pli­ca­to. Lui è suo pa­dre. Ti im­ma­gi­ni? For­se ha pau­ra di es­se­re ab­ban­do­na­ta. È du­ra met­ter­si nel­la po­si­zio­ne di una per­so­na co­me lei. Ma co­me fai a spo­sta­re l’ago del­la bi­lan­cia da una par­te o dall’al­tra? Spe­ria­mo che fac­cia una scel­ta co­rag­gio­sa e si fac­cia sen­ti­re per quel­lo in cui cre­de, di qual­sia­si co­sa si trat­ti».

Se­con­do te, che co­sa col­pi­sce in mo­do ne­ga­ti­vo le per­so­ne e le fa sen­ti­re a di­sa­gio? «Quan­do le don­ne par­la­no del fat­to che ama­no fa­re ses­so. È una co­sa qua­si proi­bi­ta. Ba­sta che tu ab­bia una sa­na vi­ta ses­sua­le e ti eti­chet­ta­no co­me una fa­ci­le, una paz­za, una put­ta­na. Sei una sen­za mo­ra­le, e vie­ni vi­sta co­me una de­via­ta, o qual­cu­no che non può ave­re una re­la­zio­ne mo­no­ga­ma. In­som­ma, tut­ta que­sta que­stio­ne è an­co­ra un gran­de tabù». Si dice che tu non ab­bia ac­can­to­na­to l’idea di can­di­dar­ti in fu­tu­ro. Do­vreb­be­ro im­pe­gnar­si an­che le al­tre ra­gaz­ze gio­va­ni co­me te? «Sì, mi pia­ce­reb­be dav­ve­ro che suc­ce­des­se una co­sa co­sì. Mi ca­pi­ta di in­con­tra­re don­ne mol­to de­ter­mi­na­te, che pe­rò gio­ca­no ai la­ti. Io vor­rei che aves­se­ro un ruo­lo cen­tra­le. Mi piac­cio­no le di­scus­sio­ni che si stan­no fa­cen­do. Un aspet­to po­si­ti­vo di tut­to ciò che sta suc­ce­den­do è che an­che al­le per­so­ne che non ave­va­no esat­ta­men­te una co­scien­za po­li­ti­ca, im­prov­vi­sa­men­te si è ac­ce­sa una lu­ce. Il no­stro tem­po ci of­fre un’op­por­tu­ni­tà uni­ca: spe­ro che la use­re­mo in mo­do sag­gio».

Abi­to Va­len­ti­no. Orec­chi­ni Car­tier.

Ca­pel­li: Mark To­wn­send for Do­ve Hair Ca­re. Ma­ke-up: Fran­kie Boyd, using Cha­nel Les Bei­ges. Ma­ni­cu­re: Mei Ka­wai­ji­ri per Or­me Squa­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.