PAR­LIA­MO DIÉ

Po­te­re, sol­di, ses­so: an­co­ra og­gi so­no tan­ti i te­mi tabù che le don­ne evi­ta­no per non sen­tir­si giu­di­ca­te. Ma se vuoi gua­da­gna­re il tuo po­sto al so­le sul la­vo­ro e nel­la so­cie­tà, è ora di di­re la tua sen­za fil­tri. Ec­co le cu­rio­si­tà che ti au­to­cen­su­ri di più

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

Ma dai, sia­mo nel 2017, com’è pos­si­bi­le che esi­sta­no an­co­ra de­gli ar­go­men­ti tabù? E che, guar­da un po’, sia­no con­si­de­ra­ti “scon­ve­nien­ti” so­lo per le don­ne? Ep­pu­re suc­ce­de. An­che a te. E ogni vol­ta che ne par­li aper­ta­men­te, ma­ga­ri in spiag­gia o du­ran­te una ri­las­sa­ta ce­na esti­va, pre­ten­den­do giu­sta­men­te di di­re la tua per ri­ven­di­ca­re de­si­de­ri e am­bi­zio­ni per­so­na­li, spes­so su­sci­ti rea­zio­ni da cac­cia al­le stre­ghe. Sem­bra che tut­ti si aspet­ti­no che tu fin­ga che ogni co­sa va­da a me­ra­vi­glia. Che non ti la­men­ti se il ses­so è in­sod­di­sfa­cen­te. Che non ri­ven­di­chi il tuo di­rit­to di es­se­re, ap­pa­ri­re e sen­tir­ti se­xy. Ma Co­smo non ci sta. Ri­ma­nen­do in si­len­zio, ti pri­vi dell’op­por­tu­ni­tà di ac­ce­de­re a in­for­ma­zio­ni pre­zio­se e di ot­te­ne­re aiu­to quan­do più ne hai bi­so­gno. Con l’aiu­to di The Fe­ma­le Quo­tient (TFQ), as­so­cia­zio­ne Usa che pro­muo­ve la lea­der­ship fem­mi­ni­le e la pa­ri­tà di ge­ne­re nel mon­do del la­vo­ro, ab­bia­mo iden­ti­fi­ca­to e af­fron­ta­to i te­mi più cal­di a ri­schio di­scri­mi­na­zio­ne. Ar­go­men­ti di cui tut­te do­vrem­mo e vor­rem­mo di­scu­te­re, ma che a cau­sa di va­rie pres­sio­ni so­cia­li e cul­tu­ra­li fac­cia­mo fa­ti­ca ad af­fron­ta­re. E nel cor­so di que­sto sondaggio per il qua­le ab­bia­mo rac­col­to le vo­ci di ol­tre un mi­glia­io di lettrici, le fra­si più ri­cor­ren­ti so­no sta­te: «Ho pau­ra di es­se­re giu­di­ca­ta»; «So­no l’uni­ca che vuo­le sa­pe­re…?» (spoi­ler alert: no, non ti giu­di­che­re­mo mai e no, non sei l’uni­ca!). In­fi­ne, av­va­len­do­ci di esper­te d’ec­ce­zio­ne, ci sia­mo da­te da fa­re per ri­spon­de­re al­le do­man­de più pres­san­ti, quel­le che han­no a che ve­de­re con dub­bi e pre­oc­cu­pa­zio­ni trop­po a lun­go ta­ciu­te. Per­ché, ap­pun­to, sia­mo nel 2017 ed è ora di smet­ter­la di far­ti im­ba­va­glia­re da re­go­le an­ti­qua­te su ciò che è op­por­tu­no o no. È ora di par­la­re di...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.