Ca­ri mam­ma e pa­pa,

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

Il pros­si­mo 26 ot­to­bre ci sa­rà una dop­pia ri­cor­ren­za da ce­le­bra­re: non so­lo com­pi­rò trent’an­ni, ma sa­ran­no trent’an­ni ton­di ton­di che vi­via­mo in­sie­me! Cer­to, mi scap­pa un po’ la vo­glia di fe­steg­gia­re se pen­so che voi al­la mia età era­va­te già spo­sa­ti, ave­va­te una ca­sa tut­ta vo­stra e due fi­gli... Del re­sto, im­ma­gi­no che il fat­to che io abi­ti an­co­ra nel­la mia ca­me­ret­ta sia al­lar­man­te per voi al­me­no quan­to lo è per me. A que­st’ora do­vrei ave­re un ma­ri­to o, co­me mi­ni­mo, un po­sto mio do­ve vi­ve­re, e pub­bli­ca­re su Fa­ce­book le tap­pe fondamentali del­la mia vi­ta. Ma si dà il ca­so che sco­va­re un fi­dan­za­to sia più dif­fi­ci­le che tro­va­re il Sa­cro Graal. Inol­tre, ho la­scia­to una car­rie­ra per ini­ziar­ne un’al­tra, il che si­gni­fi­ca che so­no più fe­li­ce, ma an­che mol­to più po­ve­ra di pri­ma. Con­si­de­ran­do che il prez­zo me­dio di un ap­par­ta­men­to in buo­no sta­to in una gran­de cit­tà co­me Mi­la­no è di 300.000 e af­fit­ta­re un mo­no­lo­ca­le non co­sta me­no di 800 al me­se, gli uni­ci suc­ces­si che pos­so per­met­ter­mi di an­nun­cia­re so­no i pun­teg­gi ot­te­nu­ti gio­can­do a Far­mVil­le. E non si trat­ta so­lo di me. Mi­lio­ni di ra­gaz­zi co­me me, tra i 18 e i 34 an­ni, in Eu­ro­pa tar­da­no a la­scia­re la ca­sa dei ge­ni­to­ri. In Gran Bre­ta­gna han­no per­fi­no co­nia­to una de­fi­ni­zio­ne per noi gio­va­ni adul­ti im­pos­si­bi­li­ta­ti a la­scia­re il ni­do: clip­ped-wing ge­ne­ra­tion, la ge­ne­ra­zio­ne con le ali tar­pa­te. Per que­sto ho de­ci­so di scri­ve­re non so­lo a voi che sie­te i miei ge­ni­to­ri, ma a tut­ti i pa­dri e ma­dri che ospi­ta­no in mo­do stan­zia­le i pro­pri par­go­li fin trop­po cre­sciu­ti. Per me­glio pre­ser­va­re la no­stra sa­lu­te men­ta­le, in­fat­ti, sa­reb­be il ca­so di sta­bi­li­re al­cu­ne re­go­le di ba­se. Ca­pi­sco la men­ta­li­tà del “si fa co­sì per­ché lo di­co io”, ma vi­sto che non ac­cen­nia­mo pro­prio ad an­dar­ce­ne, cre­do sia ar­ri­va­to il mo­men­to di in­stau­ra­re un re­gi­me più de­mo­cra­ti­co. Ec­co la mia pro­po­sta.

Vi­ve­re coi ge­ni­to­ri è già im­ba­raz­zan­te, non c’è bi­so­gno di ri­cor­dar­ce­lo di con­ti­nuo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.