LE RE­GO­LE DEL­LA CA­SA

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

1Quan­do ven­go­no in vi­si­ta i vostri ami­ci, evi­ta­te di usar­ci co­me spun­to per le vo­stre bat­tu­te («Non so se riu­sci­re­mo mai a sba­raz­zar­ci di lei»; «Ab­bia­mo pro­va­to a but­tar­la fuo­ri ma è tor­na­ta in­die­tro di cor­sa» ecc. ecc.). E, per fa­vo­re, non sen­ti­te­vi sem­pre te­nu­ti a spie­ga­re co­me mai vi­via­mo an­co­ra con voi (se­le­zio­na­re l’op­zio­ne de­si­de­ra­ta: «Ha avu­to una brut­ta de­lu­sio­ne sen­ti­men­ta­le», «È an­co­ra sin­gle», «Non gua­da­gna ab­ba­stan­za»). O al­me­no,

ab­bia­te l’ac­cor­tez­za di fa­re que­sti di­scor­si quan­do non sia­mo pre­sen­ti! Per­do­na­te se ci sfug­ge il la­to umo­ri­sti­co del­la no­stra cri­si abi­ta­ti­va, ma per noi vi­ve­re coi ge­ni­to­ri al­la no­stra età è un ta­sto de­li­ca­to. Già ci pe­sa ab­ba­stan­za do­ver­ci giu­sti­fi­ca­re con ogni Ro­ber­to, Pao­lo e An­drea che in­con­tria­mo al pri­mo ap­pun­ta­men­to (non esi­ste con­ver­sa­zio­ne per rom­pe­re il ghiac­cio sen­za le fa­ti­di­che do­man­de: «Do­ve abi­ti?» e/o «Con chi vi­vi?»). Al­me­no a ca­sa no­stra vor­rem­mo sen­tir­ci im­mu­ni dai giu­di­zi e dal sen­so del ri­di­co­lo, quin­di sia­te gen­ti­li, non in­flig­ge­te ul­te­rio­ri col­pi al no­stro ego per far­vi due ri­sa­te con gli ami­ci.

2 Se tor­nia­mo a ca­sa tar­di, o non tor­nia­mo af­fat­to, non da­te sem­pre per scon­ta­to che sia­mo con un uo­mo. Sfor­tu­na­ta­men­te, il da­ting non fun­zio­na più co­me ne­gli An­ni Set­tan­ta: nel 2017 im­pli­ca fa­re swi­pe a si­ni­stra su Tin­der men­tre ti chie­di se sia ve­nu­to il mo­men­to di ab­bas­sa­re ul­te­rior­men­te i tuoi stan­dard. Quan­do chie­de­te con quell’aria am­mic­can­te se ci stia­mo ve­den­do con qual­cu­no di spe­cia­le, è più pro­ba­bi­le che ab­bia­mo fat­to le ore pic­co­le a ca­sa di un’ami­ca di­scu­ten­do su qual è l’età esat­ta che fa scat­ta­re lo sta­tus uf­fi­cia­le di zi­tel­la.

3 Que­sta co­sa che fa­te sem­pre, ov­ve­ro scri­ver­ci per chie­de­re se do­ve­te te­ner­ci la ce­na in cal­do… Be’ ec­co, con­ti­nua­te a far­la. Do­po che ci si è at­tar­da­te con i col­le­ghi all’usci­ta dal la­vo­ro è di con­for­to sa­pe­re che men­tre gli al­tri van­no a di­strug­ger­si il fe­ga­to con pol­lo frit­to e pa­ta­ti­ne in un fa­st-food, noi pos­sia­mo in­ve­ce con­ta­re su un piat­to di pa­sta col ra­gù fat­to in ca­sa. In cam­bio, pro­met­tia­mo di non cri­ti­ca­re la vo­stra cu­ci­na.

4 Se vi im­bat­te­te in una vo­stra ami­ca che vi rac­con­ta che sua fi­glia si è fi­dan­za­ta e ha ap­pe­na com­pra­to la sua pri­ma ca­sa, non c’è bi­so­gno che ci ri­por­tia­te la no­ti­zia tut­ti ec­ci­ta­ti. Ci ren­dia­mo con­to che vi in­fon­de spe­ran­za ed evo­ca vi­sio­ni di ce­sti del bu­ca­to vuo­ti, ma a noi non fa che ri­cor­da­re il no­stro han­di­cap di par­ten­za nel­la cor­sa ver­so i tra­guar­di del­la vi­ta. Evi­ta­te di gi­ra­re il col­tel­lo nel­la pia­ga e noi, da par­te no­stra, ci aster­re­mo dall’ac­cen­na­re al­la no­stra ami­ca ric­ca che si è ap­pe­na tra­sfe­ri­ta nel suo fan­ta­sti­co ap­par­ta­men­to ge­ne­ro­sa­men­te ac­qui­sta­to per lei da mam­mi­na e pa­pi­no. Af­fa­re fat­to?

5 A pro­po­si­to di sol­di e del­la “Ban­ca Mam­ma & Pa­pà”, pro­met­tia­mo di non abu­sar­ne e

ci im­pe­gnia­mo a pa­ga­re pun­tual­men­te la no­stra quo­ta di af­fit­to (pur­ché ra­gio­ne­vo­le). Tut­ta­via, ri­cor­da­te quei 20 eu­ro che ci sia­mo fat­te pre­sta­re il gior­no pri­ma del­lo sti­pen­dio, di­cen­do che ve li avrem­mo re­sti­tui­ti? Be’, è im­pro­ba­bi­le che li ri­ve­dia­te. Spia­cen­ti.

6 An­che se vi­via­mo in ca­sa vo­stra e ci go­dia­mo la no­stra “pro­lun­ga­ta ado­le­scen­za”, non si­gni­fi­ca che sia­mo del­le ri­tar­da­te men­ta­li. Sì, pa­pà, sap­pia­mo co­me fun­zio­na una la­va­sto­vi­glie, gra­zie. È so­lo che sta­mat­ti­na non ave­va­mo vo­glia di svuo­tar­la. D’ac­cor­do, sia­mo in ca­sa vo­stra, ma se fos­si­mo nel­la no­stra ci com­por­te­rem­mo al­lo stes­so mo­do. Chiu­de­te un oc­chio sull’oc­ca­sio­na­le pi­gri­zia che tal­vol­ta ci at­ta­na­glia e ve­dre­te che poi ci da­re­mo da fa­re.

7 Vi pre­go, non sia­te ap­pren­si­vi. So che ab­bia­mo det­to che sa­rem­mo so­lo an­da­te a be­re una co­sa al vo­lo do­po il la­vo­ro, ma poi Ka­tia ha ini­zia­to con gli shot di te­qui­la e co­sì ci sia­mo di­men­ti­ca­te che, a dif­fe­ren­za de­gli al­tri che abi­ta­no in mo­no­lo­ca­li non lon­ta­ni dal cen­tro, noi stia­mo in un quar­tie­re re­si­den­zia­le in pe­ri­fe­ria, col­le­ga­to so­lo dal tre­no. Ma sia­mo adul­te re­spon­sa­bi­li. E men­tre le col­le­ghe sma­net­ta­no sul te­le­fo­no per ri­me­dia­re un pun­tel­lo la­st mi­nu­te, noi stia­mo ri­spon­den­do al vo­stro sms: “Tut­to ok? Chia­ma ap­pe­na leg­gi!”.

8 Se an­dia­mo su­bi­to a chiu­der­ci in ca­me­ra, non da­te­ci del­le tee­na­ger scon­tro­se. In­nan­zi­tut­to gli an­ni dell’ado­le­scen­za so­no lon­ta­ni e poi, co­me voi, ab­bia­mo bi­so­gno di spa­zio. La no­stra stan­za è l’uni­co ri­fu­gio do­ve sta­re un po’ da so­le. So­no cer­ta che quan­do fi­nal­men­te ci tra­sfe­ri­re­mo in un loft di 30 mq dai mu­ri am­muf­fi­ti ri­pen­se­re­mo con no­stal­gia a quan­do ci ac­co­glie­va­te sul­la por­ta di ca­sa con un fuo­co di fi­la di do­man­de sul­la no­stra gior­na­ta, ma per ora vor­rem­mo non es­se­re di­stur­ba­te. Trat­ta­te­ci co­me pa­pà men­tre guar­da lo sport in tv. 9 Sia­mo don­ne adul­te ed è nor­ma­le che, di tan­to in tan­to, ab­bia­mo del­le “fre­quen­ta­zio­ni”, se non una re­la­zio­ne ve­ra e pro­pria. In­som­ma, sen­za tan­ti gi­ri di pa­ro­le, quel che sto cer­can­do di di­re è che vor­rem­mo un mi­ni­mo di pri­va­cy. Sì, lo sap­pia­mo che non sie­te i te­nu­ta­ri di un bor­del­lo, ma non pen­sa­va­mo nem­me­no di vi­ve­re in un con­ven­to. Se vo­glia­mo por­tar­ci un uo­mo a ca­sa, non fa­te­ne un dram­ma! Met­tia­mo­la co­sì: quel par­ti­co­la­re qual­cu­no po­treb­be an­che es­se­re la ri­spo­sta al­le vo­stre pre­ghie­re (in real­tà, è im­pro­ba­bi­le, ma non si sa mai…).

10 In­fi­ne, do­po ave­re let­to que­sto ar­ti­co­lo, per fa­vo­re non sbat­te­te­ci fuo­ri! Per quan­to pos­sia­mo la­gnar­ci, in se­gre­to amia­mo vi­ve­re con voi. L’af­fit­to è più che one­sto e la com­pa­gnia è ot­ti­ma (an­che quan­do bi­stic­cia­mo). E poi il fri­go è sem­pre pie­no (e sen­za bi­so­gno di fa­re la spe­sa), l’ac­qua cal­da fun­zio­na al­la per­fe­zio­ne e di si­cu­ro pre­fe­ria­mo sta­re qui che spen­de­re l’in­te­ro sti­pen­dio per un bu­co di mo­no­lo­ca­le in zo­na se­mi­pe­ri­fe­ri­ca. Nel com­ples­so, sie­te dei pa­dro­ni di ca­sa fan­ta­sti­ci, i mi­glio­ri che po­trem­mo mai ave­re. Ci ba­ste­reb­be so­lo un po’ più di spa­zio per al­lar­ga­re le no­stre aluc­ce tar­pa­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.