Fit­ness Di­ven­ta come una star di Hollywood

Da Gw­y­ne­th Pal­trow agli “An­ge­li” di Vic­to­ria’s Se­cret, ogni ce­leb di Fi­tsta­gram ha un’ar­ma vin­cen­te per ave­re un cor­po snel­lo e for­te. E tu? Se vuoi sco­pri­re il nuovo se­gre­to che c’è dietro i fi­si­ci più bel­li del­lo sho­w­biz, con­ti­nua a leg­ge­re

Cosmopolitan (Italy) - - Editoriale -

1 SE VUOI DIMAGRIRE, RAL­LEN­TA

Ti am­maz­zi di fa­ti­ca ma non ve­di i ri­sul­ta­ti? È perché stai for­zan­do troppo il tuo cor­po. Così come ci fa su­da­re co­pio­sa­men­te, un du­ro wor­kout au­men­ta an­che i li­vel­li di cor­ti­so­lo in cir­co­lo. «Mol­ti stu­di han­no di­mo­stra­to che al­ti li­vel­li di cor­ti­so­lo pro­trat­ti nel tem­po pos­so­no in­cen­ti­va­re l’im­ma­gaz­zi­na­men­to di gras­so, in particolare sull’ad­do­me e in­tor­no al­la vi­ta», dice il per­so­nal trai­ner Lee Mul­lins, fon­da­to­re del Work­shop Gym­na­sium pres­so il Bul­ga­ri Ho­tel, non­ché per­so­nal trai­ner di Ri­ta Ora e Cres­si­da Bo­nas. «Lo stretching e il Foam Rol­ling ( il ci­lin­dro da fi­sio­te­ra­pia che ha con­qui­sta­to le pa­le­stre e che ser­ve per scio­glie­re le ten­sio­ni mu­sco­la­ri, ndr) agi­sco­no sul no­stro si­ste­ma pa­ra­sim­pa­ti­co ab­bas­san­do il cor­ti­so­lo. Que­sto si­gni­fi­ca che in­clu­de­re più at­ti­vi­tà ria­bi­li­ta­ti­ve nel trai­ning può por­ta­re a una quan­ti­tà di cam­bia­men­ti, com­pre­si lo smal­ti­men­to del gras­so in ec­ces­so, lo snel­li­men­to del gi­ro­vi­ta, il mi­glio­ra­men­to del son­no e, in de­fi­ni­ti­va, un cor­po più fles­suo­so».

2 PREN­DI CONFIDENZA CON LA FASCIA

La par­te del cor­po al cen­tro del nuovo trend del­lo stretching è la fascia. Gw­y­ne­th Pal­trow sul suo si­to di li­fe­sty­le Goop, la con­si­de­ra il no­stro “or­ga­no se­gre­to”. È uno stra­to di tes­su­to con­net­ti­vo che av­vol­ge ogni mu­sco­lo, ar­ti­co­la­zio­ne e or­ga­no del cor­po, il che la ren­de re­spon­sa­bi­le del­le no­stre for­me. Ten­de ad adat­tar­si sta­bil­men­te al­la po­stu­ra che as­su­mi con mag­gio­re fre­quen­za, e que­sto è un bel gua­io per chi di noi pas­sa buo­na par­te del­la pro­pria vi­ta al­la scri­va­nia. Inol­tre, sta­re se­du­ta tut­to il gior­no por­ta all’in­de­bo­li­men­to dei glu­tei, ren­den­do più dif­fi­ci­le scol­pi­re e de­fi­ni­re quel­la par­te. La buo­na no­ti­zia è che la fascia è in­cre­di­bil­men­te mal­lea­bi­le: con le tec­ni­che giu­ste, è pos­si­bi­le al­lun­ga­re quei tes­su­ti con­net­ti­vi, per­met­ten­do­ci di con­ser­va­re o perfino re­cu­pe­ra­re fles­si­bi­li­tà, ela­sti­ci­tà e for­za.

3 ROTOLACI SO­PRA

Come devi pro­ce­de­re esat­ta­men­te con il re­cu­pe­ro po­st gym? Usa il Foam Rol­ling, un rul­lo in schiu­ma usa­to per il ri­la­scio mio­fa­scia­le che mi­glio­ra la mo­bi­li­tà molto più del so­lo stretching. Ti ci si­ste­mi so­pra e scor­ren­do pra­ti­chi un be­ne­fi­co au­to­mas­sag­gio pro­fon­do: puoi po­si­zio­nar­lo sot­to qua­lun­que area del cor­po tu sen­ta con­trat­ta, ma se fai un la­vo­ro se­den­ta­rio ti sa­rà uti­le sten­der­ti a pan­cia in giù con il rul­lo sot­to i fles­so­ri dell’an­ca e scor­re­re su e giù dal ba­ci­no a me­tà co­scia. Poi gi­ra­ti, te­ne­do­lo sot­to la schie­na, e fallo scor­re­re lun­go tut­ta la spi­na dor­sa­le. Que­sto ser­ve ad apri­re il pet­to e ri­las­sa­re le spal­le, spe­cial­men­te se in­tan­to muo­vi len­ta­men­te le brac­cia su e giù, come se stes­si fa­cen­do l’an­ge­lo nel­la ne­ve. Il rol­ler scel­to da Mul­lin è il Trig­ger Point (cir­ca 50 eu­ro). Le pal­le da ten­nis so­no una buo­na al­ter­na­ti­va, in particolare per scio­glie­re le ten­sio­ni di pol­pac­ci e fian­chi. Fai una ses­sio­ne pri­ma e do­po il tuo wor­kout. Come di­ci, al­la scri­va­nia? No, non è pro­prio una buo­na idea.

4 NO PAIN = NO GAIN

Chiun­que ab­bia usa­to (leg­gi: pian­to so­pra) un foam rol­ler può te­sti­mo­nia­re, non è pro­prio una go­du­ria. Ma non da­re per scon­ta­to che il do­lo­re sia sempre un buon se­gno, perché an­che nel­la fa­se di re­cu­pe­ro devi fa­re at­ten­zio­ne a non pro­cu­rar­ti le­sio­ni. «Quan­do fai stretching devi sen­tir ti­ra­re i mu­sco­li, non le ar­ti­co­la­zio­ni. Quan­to do­lo­re sen­ti, su una sca­la da 1 a 10? Da 3 a 4 è ab­ba­stan­za per fa­re pro­gres­si; se su­pe­ri il 7, ri­du­ci la ten­sio­ne, perché è ec­ces­si­va per con­sen­ti­re l’al­lun­ga­men­to fi­sio­lo­gi­co del mu­sco­lo», spie­ga Me­lo­dy Co­le­man, per­so­nal trai­ner, istrut­tri­ce di nuo­to e fon­da­tri­ce di Bo­dyP­ro­ject. Lei con­si­glia di im­pa­ra­re la tecnica par­te­ci­pan­do a un cor­so con po­che per­so­ne, se­gui­to da un coa­ch che cu­ri molto sia l’ese­cu­zio­ne, sia la cor­ret­ta re­spi­ra­zio­ne. E Mul­lins ag­giun­ge: «Se il do­lo­re è così in­ten­so che in­ve­ce di re­spi­ra­re pro­fon­da­men­te, con il dia­fram­ma, rie­sci so­lo a fa­re ra­pi­di re­spi­ri su­per­fi­cia­li usan­do la par­te al­ta del to­ra­ce, vuol di­re che stai for­zan­do troppo». Qua­lun­que al­lun­ga­men­to por­ta­to al li­vel­lo di pro­vo­ca­re do­lo­re, dice, non è un be­ne. Ma fatto nel mo­do giu­sto, ti ren­de­rà più snel­la, più for­te e perfino più al­ta!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.