Come rendere la fi­ne di un amo­re me­no do­lo­ro­sa

Qui tro­vi tut­ti i se­gre­ti per ge­sti­re la si­tua­zio­ne da ve­ra po­wer girl

Cosmopolitan (Italy) - - Editoriale -

NNon sa­reb­be più fa­ci­le se po­tes­si­mo man­da­re un me­me del “boy, bye” di Beyon­cé per da­re il ben­ser­vi­to a un ra­gaz­zo, o gli uomini riu­scis­se­ro a trovare un mo­do pu­li­to e gen­ti­le per co­mu­ni­ca­re quan­do vo­glio­no sca­ri­car­ci? Pur­trop­po nell’at­tua­le panorama del da­ting, in cui tan­te storie, bre­vi o lun­ghe che siano, non han­no nem­me­no una chia­ra eti­chet­ta­tu­ra, trovare il mo­do di dir­si ad­dio e pas­sa­re ol­tre è di­ven­ta­to più dif­fi­ci­le che far­si il con­tou­ring perfetto: un pro­ce­di­men­to lun­go e la­bo­rio­so il cui ri­sul­ta­to, gra­zie an­che al­la pre­sen­za del tuo ex in tut­ti i tuoi so­cial net­work, è spes­so un pa­stic­cio tre­men­do. Det­to que­sto, una co­sa è ri­ma­sta in­va­ria­ta nel tem­po: un cuo­re in­fran­to fa ma­le. Ma­le let­te­ral­men­te. La ri­cer­ca scien­ti­fi­ca di­mo­stra che la fi­ne in­de­si­de­ra­ta di una re­la­zio­ne at­ti­va le stes­se re­gio­ni del cer­vel­lo che rea­gi­sco­no al do­lo­re fi­si­co. Può la­sciar­ti a pez­zi come un in­con­tro di wre­stling, e con l’au­to­sti­ma ai mi­ni­mi sto­ri­ci. Non c’è da stu­pir­si se, a quan­to emer­so da uno stu­dio, qua­si me­tà dei gio­va­ni adul­ti se ne tor­na­no di cor­sa dai pro­pri ex! Pe­rò, se ti di­ces­si­mo che se­con­do un’al­tra ri­cer­ca una don­na me­dia­men­te do­vrà ave­re il cuo­re spez­za­to due vol­te pri­ma di trovare l’uo­mo del­la sua vi­ta? Va già me­glio, ve­ro? E una vol­ta che ti ren­di conto che hai mo­do di con­trol­la­re come con­clu­de­re la vi­cen­da e an­da­re per la tua stra­da, di­ven­ta an­co­ra più fa­ci­le. Usa que­sta guida per esplo­ra­re le tue op­zio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.