Per es­se­re al­la mo­da, de­vi fa­re tan­ti er­ro­ri;-)

Cosmopolitan (Italy) - - News -

Ha gli oc­chi pa­no­ra­mi­ci co­me scanner, il cor­po com­pat­to, qua­si pres­su­riz­za­to, un’aria ca­pric­cio­sa e ma­gne­ti­ca: di lui mi ha col­pi­to su­bi­to quel mo­do di di­se­gna­re l’aria con le ma­ni ti­pi­co dei vi­sio­na­ri, di chi im­ma­gi­na qual­co­sa che an­co­ra non c’è. Il gior­no in cui ho in­ter­vi­sta­to Valentino, il cou­tu­rier del­le me­ra­vi­glie, mi so­no al­za­ta al­le cin­que per pren­de­re l’ae­reo. La se­ra pri­ma ave­vo pre­pa­ra­to con cu­ra gli abi­ti da met­te­re: non tan­to per sgat­ta­io­la­re fuo­ri al vo­lo, ma per la leg­gen­da­ria vo­lu­bi­li­tà del­lo sti­li­sta. “Se ti ve­sti ma­le, po­treb­be de­ci­de­re di non ri­vol­ger­ti la pa­ro­la”, mi ave­va­no det­to in re­da­zio­ne, do­ve la­vo­ra­vo co­me fa­shion re­por­ter. Ho in­dos­sa­to la ca­mi­cia con il fioc­co, il ca­po con cui più mi sen­ti­vo a mio agio, cer­ta che il mes­sag­gio di sti­le non pas­sas­se da un abi­to fir­ma­to ma dal­la mi­nie­ra di for­za emo­ti­va che ti re­ga­la qual­co­sa in cui ti sen­ti be­ne. Ero de­ter­mi­na­ta, ec­ci­ta­ta dai mi­ti che cir­co­la­va­no su quel gi­gan­te del­la mo­da (lo ya­cht con i qua­dri di Pi­cas­so, un mag­gior­do­mo so­lo per i suoi ot­to car­li­ni e mol­to al­tro). Quan­do gli ho stret­to la ma­no mi so­no sen­ti­ta scos­sa, at­tor­ci­glia­ta den­tro. Era com­po­sto e gen­ti­le, in una for­ma che on­deg­gia­va fra l’elo­gio e la di­sap­pro­va­zio­ne (a pro­po­si­to: co­me sco­pri­rai a pag. 42, cor­te­sia non vuol di­re ac­con­di­scen­den­za, ma au­ten­ti­ci­tà). E si è ri­ve­la­to im­pre­ve­di­bi­le: non cer­to un’ico­na in­trap­po­la­ta in una bou­le de nei­ge, ma un uo­mo che sa co­sa vuol di­re la­sciar­si tra­spor­ta­re dal­la fa­vo­lo­sa in­sen­sa­tez­za del­le co­se e tra­sfor­mar­le in bu­si­ness. In­si­ste­va nel dir­mi quan­to pos­sa es­se­re evo­lu­ti­vo e ma­gi­co un er­ro­re. “Ho sba­glia­to spes­so, ma l’ho fat­to in mo­do in­te­res­san­te”, mi ha sus­sur­ra­to men­tre sor­seg­gia­va un tè. Con i suoi ca­pel­li da play­mo­bil e l’oro­lo­gio da pol­so gi­gan­te mi ha spiaz­za­ta co­sì: “La pri­ma co­sa che no­to in una don­na non è mai, e di­co mai, l’abi­to”. Per­ché il grande sar­to, so­spe­so in quel­lo spa­zio in­vi­si­bi­le do­ve si ali­men­ta il ge­nio, non ha mai se­gui­to le ten­den­ze, sce­glien­do la spre­giu­di­ca­tez­za del­la sem­pli­ci­tà. “La fem­mi­ni­li­tà, an­che quel­la che gron­da ero­ti­smo, è sem­pre es­sen­zia­le”. Una teo­ria con­di­vi­sa an­che dal te­ne­bro­so, inar­ri­va­bi­le Tom Ford, che par­la co­me un gu­ru e ado­ra cir­con­dar­si di un alo­ne di mi­ste­ro: “Ne­ro, ta­gli al­la Fon­ta­na, si­lhouet­te asciut­te: co­sa c’è di più in­tri­gan­te?”. Quan­ta sag­gez­za nel caos crea­ti­vo del­la mo­da: eh sì, gli sti­li­sti han­no scel­to il lo­ro “de­mo­ne” per es­se­re fe­li­ci. Co­sì co­me ha fat­to Do­na­tel­la Ver­sa­ce, ri­bal­tan­do ogni ste­reo­ti­po. Quan­do le ho chie­sto che cos’è se­xy per lei, mi ha ri­spo­sto: “L’edu­ca­zio­ne”. E ho vi­sto le sue ci­glia che tre­ma­va­no ba­gna­te, il lam­po di do­lo­re men­tre ri­cor­da­va suo fra­tel­lo Gian­ni. Se non sei an­co­ra ab­ba­stan­za ispi­ra­ta, la­scia­ti ra­pi­re da que­sto nu­me­ro. Ot­to­bre è il me­se del­le sfi­la­te, il pal­co­sce­ni­co del fu­tu­ro: ab­bia­mo vo­glia di nuo­vi pro­get­ti (e di tan­to shop­ping). A pag. 86 leg­ge­rai la sto­ria di una gior­na­li­sta che si è af­fi­da­ta a un’esper­ta per fa­re un up­gra­de al­lo sti­le: un vor­ti­co­so de­si­de­rio di cam­bia­men­to che ti fa­rà ri­flet­te­re. Sce­gli fra i trend quel­lo che più si adat­ta a te (pag. 122 ), con­ce­di­ti tan­ti er­ro­ri e ri­cor­da­ti sem­pre che, da­to che sei di­ver­sa da qual­sia­si al­tro es­se­re sul­la ter­ra, sei in­com­pa­ra­bi­le. Fa ve­ni­re i bri­vi­di pen­sar­lo, ma es­se­re uni­ca è una grande re­spon­sa­bi­li­tà, che ne di­ci di pren­der­te­la fi­no in fon­do? Im­pu­gna il tuo sin­go­la­re de­sti­no e rea­liz­za­lo, di­mo­stra di es­se­re la crea­tu­ra sen­za pre­ce­den­ti che sei. Ri­cor­da a te stes­sa che co­sa ti ren­de spe­cia­le e pre­zio­sa, vai a pag. 82 e im­mer­gi­ti nel­le te­sti­mo­nian­ze di al­cu­ne let­tri­ci che han­no rea­liz­za­to la lo­ro mis­sion im­pos­si­ble. Se sen­ti un de­li­zio­so pru­ri­to che sol­le­ti­ca la tua in­tra­pren­den­za, af­fron­ta qual­co­sa che ti fa pau­ra. Va­le la pe­na di ba­rat­ta­re un po’ di abi­tu­di­ni con un bri­vi­do di fe­li­ci­tà. Per­ché, a pro­po­si­to di co­los­si del­la mo­da, co­me di­ce Gior­gio Ar­ma­ni: “L’ele­gan­za non è far­si no­ta­re, ma far­si ri­cor­da­re”.

Re­vo­lu­tion! Do­po aver let­to lo spe­cia­le ca­pel­li (pag. 155) ho la ten­ta­zio­ne di tin­ger­mi di ro­sa. Trop­po?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.