Mil­len­nials Od­dio, ho com­piu­to 25 an­ni!

EC­CO TUT­TO QUEL­LO CHE LA NO­STRA WEB EDI­TOR MI­CHE­LA FIO­REN­TI­NO CAPOFERRI HA CA­PI­TO SUL­LA CRI­SI DEL QUAR­TO DI SE­CO­LO. CHE TE­ME LA SE­GUI­RÀ (AL­ME­NO) FI­NO AI 30

Cosmopolitan (Italy) - - Ottobre -

La chia­ma­no cri­si del quar­to di se­co­lo ed è quel­la sor­ta di cri­si esi­sten­zia­le che ini­zia a tor­men­tar­ti in­tor­no ai 25 an­ni, più o me­no quan­do fi­ni­sci l’uni­ver­si­tà e co­min­ci la “vi­ta ve­ra”. Ma di co­sa si trat­ta esat­ta­men­te? Sì, ma­ga­ri ci “sor­bia­mo” an­che tut­ta la pap­par­del­la sul mon­do del la­vo­ro e, si­cu­ra­men­te, la si­tua­zio­ne dei gio­va­ni che esco­no dall’Uni­ver­si­tà è pre­oc­cu­pan­te (non vo­glio cer­to ba­na­liz­za­re). Ma for­se, e di­co for­se, c’è qual­cos’al­tro sot­to. Io, per esem­pio, un la­vo­ro ce l’ho, e pu­re tut­ti i miei ami­ci più ca­ri. Ep­pu­re que­sta cri­si la co­no­sco be­ne, an­zi, la co­no­scia­mo be­ne. Che co­sa ci man­da in tilt in que­sto pas­sag­gio all’età adul­ta? Ca­vo­li. Non è fa­ci­le met­ter­lo ne­ro su bian­co. Il pun­to è che io a vol­te non mi ci ri­tro­vo nei miei 27 an­ni, piut­to­sto mi ci sen­to ca­ta­pul­ta­ta, co­me se mi aves­se­ro con­dot­to in un luo­go e aves­si per­cor­so il tra­git­to ben­da­ta. Non so co­me so­no ar­ri­va­ta qui, ec­co. Un se­con­do pri­ma sta­vo caz­zeg­gian­do al te­le­fo­no per de­ci­de­re co­sa fa­re il ve­ner­dì se­ra e un se­con­do do­po mi ri­tro­vo a par­la­re di re­spon­sa­bi­li­tà, fu­tu­ro e im­pe­gni per sem­pre. E non mi sto la­men­tan­do, sia chia­ro, amo la mia vi­ta e il mio la­vo­ro...

Che co­sa esat­ta­men­te ci fa pau­ra? In­nan­zi­tut­to, mi chie­do per­ché con­ti­nuo a sen­tir­mi 20 an­ni e con­tem­po­ra­nea­men­te mi sem­bra­no co­sì lon­ta­ni. Do­po­tut­to so­no pas­sa­ti “so­lo” 7 an­ni, ma è lì che suc­ce­de TUT­TO. E con que­sto non in­ten­do sol­tan­to che le scel­te che ab­bia­mo pre­so ci de­ter­mi­ne­ran­no per il re­sto

del­la vi­ta. Quan­do di­co “tut­to” in­ten­do di­re che in que­sto tem­po di fron­te al qua­le qual­sia­si 40en­ne stor­ce­reb­be il na­so con la suf­fi­cien­za del “hai tut­ta la vi­ta da­van­ti”, noi ab­bia­mo stu­dia­to, la­vo­ra­to, af­fron­ta­to le pri­me ve­re pro­ve. Ab­bia­mo fat­to l’al­ba, la­scia­to che la piog­gia ci scor­res­se ad­dos­so lun­go la stra­da di ca­sa, ci sia­mo ubria­ca­ti, ab­bia­mo bal­la­to, ci sia­mo in­na­mo­ra­ti, ab­bia­mo ri­so fi­no al­le la­cri­me, ab­bia­mo fat­to l’amo­re e ab­bia­mo pian­to. E poi ab­bia­mo ri­fat­to tut­to que­sto al­tre mil­le vol­te. Con una leg­ge­rez­za de­li­ca­ta: quel­la che chia­mia­mo, fi­no a far­la sem­bra­re ba­na­le, spen­sie­ra­tez­za. Poi que­sta pie­nez­za la­scia spa­zio ad al­tro, nel mio ca­so pre­va­len­te­men­te all’an­sia co­stan­te. Ora fa­re l’al­ba si ac­com­pa­gna al “quan­te ore de­vo dor­mi­re per re­cu­pe­ra­re le 8 ore di son­no?”, be­re un bic­chie­re in più apre le por­te ai più te­tri pen­sie­ri sull’han­go­ver che mi uc­ci­de­rà len­ta­men­te il gior­no do­po. E a tut­to ciò, so­prat­tut­to, si ag­giun­ge il la­vo­ro che, cer­to, di que­sti tem­pi è una be­ne­di­zio­ne, ma ti cam­bia la vi­ta in un mo­do che non ti aspet­ti all’ini­zio. Ec­co. Im­prov­vi­sa­men­te, non ap­pe­na ti fer­mi un se­con­do sul pre­sen­te dei tuoi 25 an­ni (o giù di lì), tut­ta quel­la “pie­nez­za” si è bru­sca­men­te in­ter­rot­ta. E poi si è sbia­di­ta e adat­ta­ta al­la rou­ti­ne. Cer­to, fa par­te del­la vi­ta. Cer­to, for­se que­sta ama­rez­za è an­che do­vu­ta al­la co­stan­te espo­si­zio­ne a una cul­tu­ra di mas­sa che ce­le­bra la gio­vi­nez­za fi­no ad esa­spe­rar­la. Ma ho il so­spet­to che, die­tro al­la cri­si dei 25 an­ni, ci sia an­che un se­gre­to che non ci ri­ve­la nes­su­no o che for­se, ne­gli an­ni, vie­ne di­men­ti­ca­to. È il se­gre­to per cui di an­ni co­sì in­ten­si co­me quel­li che van­no dal­la fi­ne dell’ado­le­scen­za ai 25 an­ni cir­ca, non ne vi­vre­mo più. Avre­mo sì al­tre gio­ie, al­tre mi­glia­ia e mi­glia­ia di espe­rien­ze e pas­sio­ni, ma sem­pre più di­la­ta­te nel tem­po. La cri­si dei 25 è ve­ra cri­si. È una rot­tu­ra, una vio­len­ta spac­ca­tu­ra (pro­prio co­me vo­le­va il si­gni­fi­ca­to ori­gi­na­rio del­la pa­ro­la gre­ca). E ac­cet­ta­re uno spar­tiac­que del ge­ne­re, in cui ap­pe­na die­tro di noi ve­dia­mo quel TUT­TO co­sì vi­ci­no, con­cen­tra­to e in­ten­so e da­van­ti a noi an­co­ra nul­la, non è fa­ci­le pro­prio per nien­te. E ci sta pu­re un po’ di di­sa­gio. An­che per­ché una so­lu­zio­ne ve­ra al­la “cri­si” non c’è, al­tri­men­ti non se ne par­le­reb­be poi più di tan­to. Sem­pli­ce­men­te, pian pia­no sco­lo­ri­sce... il pun­to è che ci vuo­le tem­po. E nem­me­no po­co, cre­do. Per­ché ab­bia­mo pas­sa­to gran par­te dell’ado­le­scen­za a de­si­de­ra­re di es­se­re “gran­di”, ad aspet­ta­re im­pa­zien­ti la li­ber­tà di vi­ve­re de­ci­den­do per noi stes­si, per­ché quel­lo che ci ve­ni­va det­to (e im­po­sto) pian pia­no ci di­ven­ta­va sem­pre più stret­to.

Epoi? So­no giun­te quel­le li­ber­tà, ar­ri­va­te con i 20 an­ni, ma, e qui par­lo per me, quel­lo da cui nes­su­no mi ha mes­sa in guar­dia nel mo­do giu­sto (che in que­sto ca­so im­pli­ca l’uso di un me­ga­fo­no pun­ta­to drit­to nel tim­pa­no) è che la li­ber­tà da so­la du­ra po­co. In men che non si di­ca ar­ri­va­no le re­spon­sa­bi­li­tà. Quel­le ve­re, quel­le per cui le azio­ni han­no del­le con­se­guen­ze che non puoi non con­si­de­ra­re, per­ché non far­lo po­treb­be far­ti per­de­re il la­vo­ro, fe­ri­re un’ami­ca, una per­so­na ca­ra o ma­ga­ri l’amo­re del­la tua vi­ta. Cre­do sia per que­sto che la cri­si del quar­to di se­co­lo si tra­du­ca in so­stan­za in una pre­sa di co­scien­za. E non è una tra­ge­dia, an­zi. È il sem­pli­ce (e an­che bel­lis­si­mo) di­ven­ta­re adul­ti. Ep­pu­re, man ma­no che la con­sa­pe­vo­lez­za au­men­ta, è la spen­sie­ra­tez­za dei 20 an­ni, quan­do tut­to ci me­ra­vi­glia e ci scon­vol­ge, a far­ne le spe­se. Già per­ché ogni pa­ro­la, ogni azio­ne, ogni scel­ta, an­che la più pic­co­la, as­su­mo­no un pe­so di­ver­so, più dif­fi­ci­le for­se, ma an­che più pro­fon­do. Ed è per que­sto che ini­zio a pen­sa­re che la cri­si sia ne­ces­sa­ria, per­ché ti met­te di fron­te a te stes­sa, per­ché è quan­do ti per­di che puoi ri­tro­var­ti. La cri­si del quar­to di se­co­lo ti fa fa­re i con­ti con la per­so­na che sei e, so­prat­tut­to, con chi vuoi di­ven­ta­re. E se que­sto ti rie­sce (ehi, non è mi­ca fa­ci­le), an­che la cri­si as­su­me una nuo­va di­men­sio­ne. Co­mun­que, nel dub­bio (e nel­la spe­ran­za) che un piz­zi­co di quel­la paz­za spen­sie­ra­tez­za non mi ab­ban­do­ni mai, va­do di cli­ché, met­to gli au­ri­co­la­ri, chiu­do gli oc­chi, met­to quel­la can­zo­ne che mi ha fat­to bat­te­re il cuo­re mil­le vol­te e per un se­con­do ho an­co­ra 20 an­ni...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.