Mai pen­sa­to di met­te­re in pau­sa il ses­so?

Do­po an­ni di ono­ra­ta car­rie­ra, sem­pre più don­ne, ce­leb e “nor­ma­li”, de­ci­do­no di pren­der­si una pau­sa più o me­no lun­ga dal ses­so. Per­ché? E, so­prat­tut­to, fan­no be­ne?

Cosmopolitan (Italy) - - Aprile -

MMi­ran­da Kerr. Cia­ra. Nic­ki Mi­naj. Ashley Gra­ham. Ma­riah Ca­rey. Que­ste ce­leb, a un cer­to pun­to della lo­ro vi­ta, hanno det­to “no” al ses­so, an­che se in pas­sa­to ave­va­no det­to “oh, sì”. So­no so­lo al­cu­ne espo­nen­ti di un cre­scen­te grup­po di don­ne che scel­go­no la ca­sti­tà in at­te­sa del ma­tri­mo­nio o a ol­tran­za. Un trend con­fer­ma­to dal­la te­ra­pi­sta del ses­so Chan­tel­le Ot­ten, la qua­le di­ce che nel suo stu­dio ve­de mol­te più per­so­ne, don­ne ma an­che uo­mi­ni, che in­tra­pren­do­no que­sta via. Di­ce il ses­suo­lo­go Ian Ker­ner, au­to­re del fa­mo­so ma­nua­le di ses­so Lei vie­ne pri­ma (su ama­zon.it da e 9,99), che per al­cu­ne “vergini di ritorno” è un mo­do per cer­ca­re di so­sti­tui­re espe­rien­ze ses­sua­li ne­ga­ti­ve con al­tre più po­si­ti­ve. Per al­tre in­ve­ce è una nuo­va tat­ti­ca per la ricerca del ve­ro amo­re. «Vi­via­mo in una cul­tu­ra in cui il ses­so ten­de a es­se­re ri­crea­zio­na­le piut­to­sto che re­la­zio­na­le», spie­ga Ker­ner. «Mol­te per­so­ne fan­no un pas­so in­die­tro per cer­ca­re di ri­da­re al ses­so un si­gni­fi­ca­to più pro­fon­do, un rea­le sen­so di con­nes­sio­ne». E poi, c’è an­che chi si pren­de un break per ave­re più tem­po per sé. Ora, la do­man­da è: l’espe­ri­men­to della ca­sti­tà pa­ga?

Una pau­sa ri­ge­ne­ran­te

«Ho sem­pre af­fron­ta­to tut­te le mie rot­tu­re sen­ti­men­ta­li con la tec­ni­ca del “chio­do scac­cia chio­do”», di­ce An­na, 25 an­ni. È di­ven­ta­ta una “ver­gi­ne di ritorno” in se­gui­to al­la fi­ne di una re­la­zio­ne che l’ha la­scia­ta mol­to a ter­ra e con un for­te bi­so­gno di ri­tro­var­si co­me in­di­vi­duo. In­ve­ce di sal­ta­re nel let­to di qual­cu­no che po­tes­se es­se­re (op­pu­re no) il suo pros­si­mo ra­gaz­zo, ha de­ci­so di sta­re con gli ami­ci e la fa­mi­glia. «Ades­so sto be­ne con me stes­sa, so esat­ta­men­te co­sa vo­glio

in un com­pa­gno, e so che lo tro­ve­rò quan­do sa­rà il mo­men­to». Questo è uno dei pos­si­bi­li van­tag­gi della ca­sti­tà tem­po­ra­nea, di­ce Ot­ten. «Puoi usa­re il tuo tem­po per co­strui­re un rap­por­to sa­no con te stes­sa, pren­de­re co­scien­za dei tuoi con­fi­ni per­so­na­li e ac­qui­si­re mag­gio­re si­cu­rez­za nel­le tue scel­te. So­no tut­te abi­li­tà ap­pre­se che po­trai man­te­ne­re e svi­lup­pa­re per il re­sto della tua vi­ta». L’es­sen­zia­le, ag­giun­ge, è che tu ti im­pe­gni a la­vo­ra­re su te stes­sa, iden­ti­fi­can­do e af­fron­tan­do la fon­te di qua­lun­que sche­ma ne­ga­ti­vo ri­cor­ren­te nel­la tua vi­ta ses­sua­le che non vuoi si ri­pe­ta.

Ri­co­min­cia­re

Una del­le cre­den­ze più dif­fu­se tra le “vergini di ritorno” è che quan­do fi­nal­men­te fa­rai di nuo­vo ses­so – di­cia­mo, nel­la tua not­te di noz­ze, o do­po aver tro­va­to l’uo­mo giu­sto – sa­rà un’espe­rien­za as­so­lu­ta­men­te ma­gi­ca. E per mol­te don­ne è ve­ro. Sa­ra, 31 an­ni, ha spo­sa­to un uo­mo mol­to re­li­gio­so. Quan­do si so­no in­con­tra­ti, rac­con­ta, ha ac­cet­ta­to di non fa­re ses­so fi­no al ma­tri­mo­nio, e con­fes­sa che la lo­ro pri­ma not­te di noz­ze è sta­ta esplo­si­va. «La ten­sio­ne era cre­sciu­ta nei no­stri ven­ti me­si di re­la­zio­ne ca­sta», di­ce «ed è cul­mi­na­ta in una not­te in­di­men­ti­ca­bi­le». Ma non sem­pre è un suc­ces­so. Pren­dia­mo per esem­pio Li­ly, 32 an­ni, una “ver­gi­ne di ritorno” che ha fat­to ses­so con il suo ex, Da­vid, sol­tan­to quan­do lui le ha chie­sto di spo­sar­lo, do­po un an­no e mez­zo che era­no in­sie­me. «Non c’era nes­su­na chi­mi­ca», ri­cor­da. «Era tut­to mol­to gof­fo e in­na­tu­ra­le. Im­ma­gi­na­vo che aven­do una bel­la in­te­sa emo­zio­na­le an­che la no­stra in­te­sa ses­sua­le sa­reb­be sta­ta per­fet­ta, ma non era co­sì». Do­po sei me­si di ten­ta­ti­vi di far fun­zio­na­re le co­se, ri­cor­ren­do an­che al­la te­ra­pia di cop­pia, Li­ly rup­pe il fi­dan­za­men­to.

At­ten­ta a co­sa ti spin­ge

Se ri­nun­cia­re al ses­so nel tuo ca­so sia una buo­na idea o me­no, di­pen­de in­te­ra­men­te dal­le tue mo­ti­va­zio­ni per­so­na­li. Se, per esem­pio, stai pen­san­do a un pe­rio­do di asti­nen­za per ren­de­re più hot le tue fu­tu­re espe­rien­ze tra le len­zuo­la, pro­ce­di con cau­te­la: ri­schi di en­fa­tiz­za­re trop­po l’im­por­tan­za del rap­por­to ses­sua­le nel­le tue re­la­zio­ni. «Non si do­vreb­be met­te­re la pe­ne­tra­zio­ne su un pie­di­stal­lo, al di so­pra di al­tre pra­ti­che ses­sua­li che so­no spes­so più gra­ti­fi­can­ti, co­me i pre­li­mi­na­ri o la sti­mo­la­zio­ne di­ret­ta del cli­to­ri­de», di­ce Ker­ner. Se pe­rò ti ci vuo­le un de­tox, vuoi fa­re le co­se senza fret­ta con un nuo­vo part­ner, o hai bi­so­gno di in­ter­rom­pe­re del­le di­na­mi­che ses­sua­li di­strut­ti­ve, al­lo­ra aste­ner­ti dal ses­so per un po’ po­treb­be es­se­re un uti­le espe­ri­men­to, di­ce Ker­ner. Sap­pi co­mun­que che può es­se­re un mo­do per rag­giun­ge­re que­sti sco­pi, ma non è l’uni­co.

Cia­ra Nic­ki Mi­naj Ma­riah Ca­rey Mi­ran­da Kerr Ashley Gra­ham

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.