Joe Man­ga­niel­lo

Joe Man­ga­niel­lo non è so­lo un at­to­re su­per­se­xy. È an­che sen­si­bi­le, sim­pa­ti­co, ro­man­ti­co, innamorato... Mi­ca per nien­te è riu­sci­to a cat­tu­ra­re una sex bomb co­me So­fia Ver­ga­ra. Sco­pri le sue mil­le buo­ne qua­li­tà in que­sta in­ter­vi­sta

Cosmopolitan (Italy) - - Aprile - di A. Mat­tan­za

Uno di­ce Joe Man­ga­niel­lo e su­bi­to ven­go­no in men­te la sua fac­cia su­per­se­xy e i suoi pet­to­ra­li d’ac­cia­io. Eb­be­ne quan­do gli par­li pe­rò, sco­pri che Joe non è so­lo un uo­mo bel­lis­si­mo e se­xy, ma an­che sen­si­bi­le, ro­man­ti­co e sim­pa­ti­co, giu­sta­men­te paz­zo di sua mo­glie So­fia Ver­ga­ra, l’at­tri­ce della se­rie tv Mo­dern Fa­mi­ly. I due so­no una del­le cop­pie più af­fia­ta­te di tut­ta Hol­ly­wood. Lo ab­bia­mo in­con­tra­to in oc­ca­sio­ne di Ram­pa­ge, un film d’azio­ne ispi­ra­to all’omo­ni­mo fa­mo­so vi­deo­ga­me, in cui Joe do­vrà con­fron­tar­si con un go­ril­la, un lu­po e un coc­co­dril­lo! Ti pia­ce re­ci­ta­re in gran­di film d’azio­ne? «Mol­tis­si­mo! Ogni tan­to è bel­lo an­da­re al ci­ne­ma e non pen­sa­re a nul­la, se non la­sciar­si tra­sci­na­re dal­la sto­ria in un al­tro mon­do, per il pu­ro pia­ce­re del di­ver­ti­men­to». Ep­pu­re pri­ma di en­tra­re nel­lo sho­w­biz, ti sei lau­rea­to al­la Car­ne­gie Mel­lon School of Dra­ma, una del­le scuo­le di re­ci­ta­zio­ne più pre­sti­gio­se, e hai fat­to

tea­tro... « Amo il tea­tro, e in fu­tu­ro mi pia­ce­reb­be tor­na­re a re­ci­ta­re sul pal­co, ma­ga­ri a Broad­way. Ve­dia­mo... Nel­la vi­ta è bel­lo es­se­re eclet­ti­ci e ca­pa­ci di rein­ven­tar­si e di­ver­si­fi­car­si». Hai com­piu­to 41 an­ni a fi­ne di­cem­bre… Te­mi mai di

in­vec­chia­re? «In real­tà sto me­glio ades­so di quan­do ave­vo vent’an­ni, per­ché sen­to di aver rag­giun­to un equi­li­brio e so­no sod­di­sfat­to con il la­vo­ro e la vi­ta per­so­na­le. Poi, one­sta­men­te, mi ero pre­fis­sa­to di es­se­re to­tal­men­te in for­ma a que­sta

età. Non si trat­ta di va­ni­tà, co­mun­que! ( Ri­de, n.d.r.) In par­te di­pen­de dal mio la­vo­ro: ave­te no­ta­to quan­ti ruo­li che pun­ta­no sul mio fi­si­co mi hanno pro­po­sto ne­gli ul­ti­mi an­ni?». Hai te­mu­to mai di es­se­re con­si­de­ra­to so­lo un sex sym­bol? «All’ini­zio sì: mi pro­po­ne­va­no sem­pre par­ti in cui do­ve­vo es­se­re a tor­so nu­do (Ri­de n.d.r.). Ma al­la fi­ne è il pro­get­to in cui re­ci­ti che con­ta, e che ti per­met­te di di­mo­stra­re dav­ve­ro il tuo ta­len­to. La se­rie tv True Blood, per esem­pio, è di­ven­ta­ta un cult in tut­to il mon­do. In Ma­gic Mi­ke so­no uno spo­glia­rel­li­sta, ma ero di­ret­to da Ste­ven So­der­ber­gh. Di cer­to è un’espe­rien­za che ri­fa­rei, se mi si ri­pre­sen­tas­se l’oc­ca­sio­ne». Tu e So­fia Ver­ga­ra sie­te una bel­lis­si­ma cop­pia. Ave­te mai

avu­to momenti di cri­si? «No, per­ché io l’ado­ro in tut­to. E poi, es­sen­do co­lom­bia­na, è ge­lo­sa, il che non mi di­spia­ce per nul­la. So­lo che non po­trò mai am­met­te­re di ave­re avu­to fi­dan­za­te pri­ma di lei! A par­te gli scher­zi, So­fia è la mia ani­ma ge­mel­la, la don­na che ho ama­to da sem­pre e che vo­le­vo spo­sa­re. Ave­vo una cot­ta per lei an­co­ra pri­ma di co­no­scer­la, e, non ap­pe­na ho sen­ti­to che era sin­gle, l’ho in­vi­ta­ta a ce­na, vo­lan­do su­bi­to a New Or­leans». In me­no di sei me­si le hai chie­sto di spo­sar­ti. E per il vo­stro pri­mo an­ni­ver­sa­rio hai crea­to un li­bro di ri­cor­di vo­stri, con fo­to, let­te­re, sms... Ma quan­to

sei ro­man­ti­co? «Mi pia­ce ren­de­re fe­li­ci le per­so­ne che amo. E lei me­ri­ta il me­glio».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.