QUAN­TO È friend­ly RAC­CON­TA­RE DI TE SUI SO­CIAL?

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

Due do­man­de a Ric­car­do Espo­si­to, au­to­re di my­so­cial­web.it

Par­la­re mol­to di sé e del pro­prio pri­va­to, sui so­cial:

sì, no, quan­to? «Di­pen­de dal mo­ti­vo che ti spin­ge a usar­li. Un pro­fes­sio­ni­sta uti­liz­za Fa­ce­book e Twit­ter per in­ter­cet­ta­re lettori, po­ten­zia­li clien­ti, in­ve­sti­to­ri, azien­de che po­treb­be­ro es­se­re in­te­res­sa­te al suo pro­fi­lo. Quin­di il più de­gli ag­gior­na­men­ti sa­ran­no pro­fes­sio­na­li. Pe­rò una par­te dei po­st pos­so­no es­se­re de­di­ca­ti al­la vi­ta pri­va­ta. Chi ha blog che si oc­cu­pa­no di li­fe­sty­le, cre­sci­ta per­so­na­le o te­mi che af­fron­ta­no la sfe­ra in­ti­ma in­ve­ce po­treb­be aver bi­so­gno di un la­vo­ro dif­fe­ren­te. Ma sta a lui met­te­re pa­let­ti ben pre­ci­si: per con­qui­sta­re la fi­du­cia del pub­bli­co de­vi es­se­re, al­me­no in par­te, co­me le per­so­ne che vuoi rag­giun­ge­re, e gio­ca­re an­che sul­la sim­pa­tia. Dal can­to mio pe­rò non amo sban­die­ra­re ogni epi­so­dio del mio pri­va­to. Co­me, ad esem­pio, pro­ble­mi o even­ti per­so­na­li. For­se fun­zio­na, for­se no. Pe­rò cre­do di do­ver la­scia­re una par­te della mia vi­ta fuo­ri dai so­cial».

Co­sa è be­ne te­ne­re per sé? «Ol­tre agli even­ti in­ti­mi, non amo con­di­vi­de­re sui so­cial idee po­li­ti­che o pro­ble­mi per­so­na­li. Mi ren­do con­to che que­sti pas­sag­gi pos­so­no por­ta­re un gran van­tag­gio in ter­mi­ni di en­ga­ge­ment, per­ché le per­so­ne ama­no le di­scus­sio­ni ac­ce­se, il pa­thos, le emo­zio­ni for­ti. Pe­rò non cre­do che sia giu­sto do­ver af­fron­ta­re giu­di­zi e idee di per­so­ne che - per ov­vi mo­ti­vi - non co­no­sco­no la mia per­so­na in mo­do ta­le da po­ter­se­ne fa­re un’idea com­ples­si­va, e cor­ret­ta. In­som­ma, usia­mo tut­te le pos­si­bi­li­tà che il web ci of­fre, ma con di­stac­co, con pro­spet­ti­va cri­ti­ca. Senza pren­der­ci in gi­ro: in fin dei con­ti siamo sem­pre un pun­ti­no nell’uni­ver­so».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.