Real Talk

Fer­mi tut­ti: la ma­gia del fir­st da­te, quel­la che fa ve­ni­re le far­fal­le al­lo sto­ma­co, è in pe­ri­co­lo. Tut­ta col­pa del­le app, che se­ria­liz­za­no gli in­con­tri af­fo­gan­do­li nel­la rou­ti­ne. Per lui e per te

Cosmopolitan (Italy) - - Editoriale - di Ni­co­lò Zu­lia­ni

Il pri­mo ap­pun­ta­men­to è in cri­si

Se hai una cu­rio­si­tà c’è Goo­gle, se vuoi qual­co­sa c’è Ama­zon, se ti vie­ne fa­me c’è Ju­steat. E se cer­chi un in­con­tro, c’è Tinder. In­ter­net ci ha as­sue­fat­ti ai ri­sul­ta­ti im­me­dia­ti e co­sì, in un at­ti­mo, sia­mo pas­sa­ti dal fir­st al fa­st da­te. Fi­no a ie­ri non c’era cor­teg­gia­men­to sen­za fio­ri, at­te­se, te­le­fo­na­te a ca­sa. Og­gi se­le­zio­ni il po­ten­zia­le part­ner da un da­ta­ba­se cor­re­da­to di fo­to, da­ti bio­me­tri­ci, hob­by, ti­to­lo di stu­dio, e lui ar­ri­va an­che a do­mi­ci­lio, e sen­za co­sti ag­giun­ti­vi. Va da sé che la ma­gia del pri­mo ap­pun­ta­men­to sia di­ven­ta­ta ob­so­le­ta. Né tu né il ti­po ave­te più nien­te da do­man­dar­vi: sa­pe­te già tut­to dai so­cial. Re­sta so­lo da in­con­trar­si per sco­pri­re se c’è chi­mi­ca. In­som­ma, è tut­to mol­to co­mo­do, ma…

* È ro­man­ti­co co­me una mo­to­zap­pa

È la ri­tua­li­tà a ren­de­re gran­dio­so un fir­st da­te. E an­che lo spi­ri­to di con­qui­sta. Pro­va a im­ma­gi­na­re la co­sa dal pun­to di vi­sta ma­schi­le: lui no­ta una don­na tra le al­tre, cer­ca di in­cro­ciar­ne lo sguar­do, spe­ra che lei gli sor­ri­da, pia­ni­fi­ca un ap­proc­cio che gli dia mo­do poi di rivederla... Il pri­mo ap­pun­ta­men­to si co­strui­sce oc­chia­ta do­po oc­chia­ta, men­tre la men­te ci fan­ta­sti­ca so­pra e il cuo­re bat­te più for­te in at­te­sa di rivederla. E quan­do fi­nal­men­te suc­ce­de, hai da­van­ti a te un uo­mo al mas­si­mo del ro­man­ti­ci­smo di cui di­spo­ne. Ve­ni­re scel­ti sul­le app, in­ve­ce, è de­mo­ti­van­te: ze­ro aspet­ta­ti­va. È tut­to già chia­ro. Non è un bal­lo sul sot­ti­le fi­lo ros­so del “for­se mi vuo­le, for­se no”.

* Riduce i ra­gaz­zi in sta­ti pie­to­si

For­se non lo sai, ma an­che noi ma­schi di nor­ma ci pre­pa­re­rem­mo al Gran­de In­con­tro psi­co­lo­gi­ca­men­te e fi­si­ca­men­te co­me per un con­cor­so di bel­lez­za. Ma se gra­zie alle app lui ha mil­le pri­mi ap­pun­ta­men­ti in una set­ti­ma­na, il tut­to si riduce a una rou­ti­ne e al ter­zo si pre­sen­ta in tu­ta, ma­gliet­ta da ca­sa e bor­se del­la spe­sa, chie­den­do­si chi sia del­le 10.840 ti­pe che ha se­le­zio­na­to men­tre era in pau­sa pran­zo in uf­fi­cio. E il bel­lo è che la stes­sa co­sa se la sta do­man­dan­do lei.

* È fin­to co­me una bor­sa Her­mès da 50 eu­ro

Noi ma­schi, poi, per far­ci sce­glie­re ri­cor­ria­mo agli stra­ta­gem­mi più im­mon­di. Pho­to­shop, mo­del­li che ci so­mi­glia­no va­ga­men­te, bio­gra­fie ru­ba­te, po­sti mai vi­sti, sport mai pra­ti­ca­ti, ti­to­li di stu­dio mai ot­te­nu­ti e at­teg­gia­men­ti che non ci rap­pre­sen­ta­no. Nel­le app non vin­ce il mi­glio­re, ma chi è bra­vo a men­ti­re (e pa­ga di più). Se­con­do te, quan­to ci in­te­res­sa pia­ce­re a una don­na che non sa chi sia­mo, co­sa fac­cia­mo, o do­ve abi­tia­mo? A vol­te, men­tia­mo per­fi­no sul no­me.

* La mat­ti­na do­po, l’or­ro­re

Cam­bia­re part­ner una se­ra do­po l’al­tra è fan­ta­sti­co, ma ha una stra­na con­se­guen­za, che col­pi­sce tut­ti, uo­mi­ni e don­ne. Do­po un po’ non è più ec­ci­tan­te. Abi­tua­to com’è, lui ca­pi­sce se an­drà in por­to do­po i pri­mi 3 mi­nu­ti, ed è in­fa­sti­di­to per tut­to il tem­po che gli re­sta. Quan­to a te, hai smes­so di ascol­tar­lo par­la­re da un pez­zo. A quel pun­to, en­tram­bi ca­pi­te che da pic­co­li ama­va­te co­sì tan­to il Na­ta­le per­ché ar­ri­va­va una vol­ta l’an­no.

* Ma le co­se cam­bia­no

Lo so, so­no pre­ve­nu­to: il ter­mi­ne fa­st non mi è mai pia­ciu­to. Ma è an­che ve­ro che og­gi sia­mo tut­ti più im­pe­gna­ti, per­ciò for­se è giu­sto che le lettere ro­man­ti­che scrit­te a ma­no sia­no sta­te sop­pian­ta­te da fo­to di pe­ni in HD e co­lon­sco­pie in strea­ming. Cer­te co­se è me­glio sco­prir­le pri­ma che sia trop­po tar­di.

Em­ma Sto­ne e Ryan Go­sling in una sce­na del film La La Land.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.