Pao­laz­zi, di­ret­to­re CSC: «Ri­pre­sa? An­dia­mo­ci cau­ti. Più cor­ret­to par­la­re di ri­par­ten­za»

Costozero - - Sommario - Di R. Ve­ne­ran­do, in­ter­vi­sta a L. Pao­laz­zi

L'eco­no­mia ita­lia­na sta ac­ce­le­ran­do ma ci vor­ran­no an­ni per tor­na­re ai li­vel­li del 2007. Per il di­ret­to­re del Cen­tro Stu­di di Con­fin­du­stria bi­so­gne­reb­be, come la Spagna, fa­re le riforme il pri­ma pos­si­bi­le, met­ten­do al cen­tro l'im­pre­sa e il mer­ca­to e crean­do l e con­di­zio­ni per fa­ci­li­ta­re il cre­di­to

Di­ret­to­re,le pre­vi­sio­ni del Cen­tro Stu­di Con­fin­du­stria di set­tem­bre trat­teg­gia­no una ri­pre­sa – sep­pur an­co­ra cau­ta – per l'eco­no­mia ita­lia­na.Re­ces­sio­ne ar­chi­via­ta? Per de­fi­ni­zio­ne, do­po due tri­me­stri con­se­cu­ti­vi di au­men­to del PIL la re­ces­sio­ne è uf­fi­cial­men­te fi­ni­ta. E di tri­me­stri con se­gno <+> ne so­no sta­ti in­fi­la­ti tre, tra il quar­to 2014 (va­ria­zio­ne qua­si im­per­cet­ti­bi­le) e il se­con­do 2015. Il CSC pre­ve­de che la se­rie po­si­ti­va pro­se­gua al­me­no fi­no al­la fi­ne del 2016, con un in­cre­men­to me­dio an­nuo dell'1,0% que­st'an­no e dell'1,5% il pros­si­mo. Il ter­mi­ne ri­pre­sa, pe­rò, non è ap­pro­pria­to né tec­ni­ca­men­te, né po­li­ti­ca­men­te. Tec­ni­ca­men­te per­ché è la fa­se bre­ve, al mas­si­mo un an­no e mezzo, du­ran­te la qua­le si “ri­pren­de” ap­pun­to quan­to per­du­to nel­la re­ces­sio­ne; ma nel ca­so at­tua­le ci vor­ran­no an­ni per tor­na­re ai li­vel­li del 2007. Po­li­ti­ca­men­te per­ché, pro­prio a causa del­la pro­fon­di­tà del­la ca­du­ta e del­la du­ra­ta del tem­po ne­ces­sa­rio a col­ma­re il gap, le dif­fi­col­tà di mol­te im­pre­se e per­so­ne sa­ran­no a lun­go con noi. Ri­cor­dia­mo, in­fat­ti, che an­co­ra nel 2016 il PIL re­ste­rà pa­ri al li­vel­lo del 2000, il PIL per abi­tan­te (la mi­su­ra prin­ci­pe del be­nes­se­re eco­no­mi­co) a quel­lo del 1997 e l'oc­cu­pa­zio­ne a quel­la del 2006. Me­glio par­la­re di ri­par­ten­za, di ri­sa­li­ta, di re­cu­pe­ro, al li­mi­te di ri­co­stru­zio­ne.

Fat­to­ri eso­ge­ni han­no spin­to le sti­me al rial­zo?

Du­ran­te l'esta­te lo sce­na­rio glo­ba­le è cam­bia­to pa­rec­chio ri­spet­to al­le no­stre pre­ce­den­ti pre­vi­sio­ni. I cam­bia­men­ti prin­ci­pa­li ri­guar­da­no il ral­len­ta­men­to del com­mer­cio mondiale, mol­to più ac­cen­tua­to, e la ca­du­ta ul­te­rio­re del prez­zo del pe­tro­lio. La som­ma è po­si­ti­va, nel sen­so che l'im­pul­so che vie­ne all'eco­no­mia ita­lia­na dal ri­spar­mio sulla bol­let­ta ener­ge­ti­ca va­le un ul­te­rio­re au­men­to del PIL pa­ri al­lo 0,2% que­st'an­no e il pros­si­mo, men­tre la fre­na­ta glo­ba­le de­fal­ca uno 0,2% nel 2015 e ze­ro nel 2016, quan­do ci aspettiamo che ci sia un mi­glio­ra­men­to. Ri­guar­do a que­st'ul­ti­mo, il qua­dro va at­ten­ta­men­te mo­ni­to­ra­to e po­treb­be ri­ve­lar­si ot­ti­mi­sti­co. In ag­giun­ta a ciò, sul­le sti­me per que­st'an­no ha in­flui­to la re­vi­sio­ne al rial­zo dei da­ti ISTAT re­la­ti­vi al­la pri­ma me­tà del 2015, che ag­giun­ge uno 0,2% al PIL di que­st'an­no. Ec­co per­ché ab­bia­mo ri­toc­ca­to all'in­sù le no­stre pre­vi­sio­ni. So­no fi­du­cio­so che l'eco­no­mia ita­lia­na stia ac­ce­le­ran­do e pen­so che il ri­sul­ta­to fi­na­le del 2015 pos­sa es­se­re ad­di­rit­tu­ra mi­glio­re di quel­lo che at­tual­men­te in­di­chia­mo.

Re­stan­do in te­ma l'eco­no­mia ci­ne­se,do­po un tren­ten­nio di cre­sci­ta,ha avu­to una bat­tu­ta d'ar­re­sto.C'è da preoc­cu­par­si?

È as­so­lu­ta­men­te fi­sio­lo­gi­co che l'eco­no­mia ci­ne­se ral­len­ti. Per­ché, quan­do si rag­giun­go­no li­vel­li più ele­va­ti di be­nes­se­re, si esau­ri­sco­no al­cu­ni spa­zi di cre­sci­ta, come l'au­men­to di pro­dut­ti­vi­tà do­vu­to al trasferimento dall'agri­col­tu­ra all'in­du­stria di una con­si­sten­te par­te del­la po­po­la­zio­ne. E per­ché fi­no­ra lo svi­lup­po ci­ne­se è sta­to gui­da­to da ex­port e in­ve­sti­men­ti e ba­sa­to sull'in­du­stria, men­tre ora il te­sti­mo­ne de­ve pas­sa­re ai con­su­mi e ai ser­vi­zi, e que­sto è il ten­ta­ti­vo che le au­to­ri­tà ci­ne­si stan­no fa­cen­do. Dob­bia­mo tut­ti fa­re il ti­fo che es­se ci rie­sca­no sen­za in­ci­den­ti di per­cor­so, per­ché una fre­na­ta bru­sca del­la Ci­na avreb­be ri­per­cus­sio­ni mol­to for­ti per l'eco­no­mia mondiale. La Ci­na, in­fat­ti, de­ter­mi­na ol­tre un ter­zo dell'au­men­to an­nua­le del PIL glo­ba­le. Il CSC ha sti­ma­to che una ca­du­ta dal 7,3% (qua­le quel­lo re­gi­stra­to nel 2014) al 4,0% del­la cre­sci­ta ci­ne­se ta­gli di 1,1 pun­ti per­cen­tua­li l'in­cre­men­to del PIL mondiale e di 0,5 pun­ti quel­lo ita­lia­no.

So­lo a giu­gno scor­so il Go­ver­na­to­re di Ban­ki­ta­lia Vi­sco di­chia­ra­va che « fra i Pae­si dell'Eu­ro­zo­na dal la­to po­li­ti­co il pro­gres­so è an­co­ra lon­ta­no » .Que­sta ar­re­tra­tez­za vi­si­bi­le quan­to in­ci­de sul­le per­for­man­ce eco­no­mi­che del no­stro Pae­se?

Non si pos­so­no da­re ci­fre pre­ci­se, ma è evi­den­te che la di­su­nio­ne po­li­ti­ca eu­ro­pea in­ci­da sulla sta­bi­li­tà e sulla fi­du­cia, pe­na­liz­zan­do i Pae­si, che a tor­to o a ra­gio­ne, so­no per­ce­pi­ti come più fragili sul­lo scac­chie­re eu­ro­peo. La se­con­da re­ces­sio­ne in cui l'Ita­lia è pre­ci­pi­ta­ta tra il 2010 e il 2014 è spie­ga­ta dal­la dif­fi­col­tà dell'UE di do­tar­si di

una po­li­ti­ca di bi­lan­cio co­mu­ne e di ge­sti­re in mo­do me­no ti­tu­ban­te e di­strut­ti­vo la cri­si dei de­bi­ti pub­bli­ci.

Per le no­stre im­pre­se me­glio o peg­gio se la Fed do­ves­se pri­ma o poi al­za­re i tas­si?

Un rial­zo dei tas­si da par­te del­la FED è ine­lut­ta­bi­le, per­ché l'eco­no­mia USA è in sa­lu­te ed è be­ne che ini­zi una gra­dua­le nor­ma­liz­za­zio­ne del­la po­li­ti­ca mo­ne­ta­ria. Ri­cor­do che i li­vel­li at­tua­li dei tas­si non han­no pre­ce­den­ti nel­la sto­ria plu­ri­se­co­la­re del­le Banche cen­tra­li. L'av­vio del­la nor­ma­liz­za­zio­ne da­reb­be cer­tez­za ai mer­ca­ti e ras­si­cu­re­reb­be tut­ti sul­le buo­ne con­di­zio­ni eco­no­mi­che sta­tu­ni­ten­si.

Tor­nan­do a ca­sa no­stra,Pil in cre­sci­ta quin­di e di­soc­cu­pa­zio­ne in ca­lo se­con­do le sti­me di CSC.In de­fi­ni­ti­va il mon­do del­le azien­de pro­muo­ve il Jobs Act?

As­so­lu­ta­men­te sì. Lo fa con i fat­ti, as­su­men­do più per­so­ne di quante ne avreb­be al­tri­men­ti pre­se e tra­sfor­man­do a tem­po in­de­ter­mi­na­to una se­rie di al­tri ti­pi di con­trat­ti. Ol­tre che il Jobs Act, im­por­tan­te è sta­ta an­che la ri­du­zio­ne dei con­tri­bu­ti so­cia­li sui nuo­vi con­trat­ti a tem­po in­de­ter­mi­na­to si­gla­ti en­tro la fi­ne del 2015; un in­cen­ti­vo che an­dreb­be rin­no­va­to. Ab­bia­mo con­dot­to un'in­da­gi­ne pres­so le im­pre­se as­so­cia­te a Con­fin­du­stria e il 62% ha ri­spo­sto che le nor­me va­ra­te dal Go­ver­no han­no in­fluen­za­to po­si­ti­va­men­te le lo­ro de­ci­sio­ni sull'oc­cu­pa­zio­ne, tan­to che il 18% ha de­ci­so di au­men­ta­re la ma­no­do­pe­ra e il 50% ha tra­sfor­ma­to i con­trat­ti esi­sten­ti. Ciò di­mo­stra che quan­do ven­go­no pre­se le giu­ste mi­su­re di po­li­ti­ca eco­no­mi­ca, il si­ste­ma pro­dut­ti­vo rea­gi­sce ra­pi­da­men­te e nel­la di­re­zio­ne at­te­sa.

Re­sta il no­do di un CLUP trop­po al­to e di una scar­sa red­di­ti­vi­tà.

La con­trat­ta­zio­ne azien­da­le è l'uni­ca via per ri­sol­ver­li?

La di­na­mi­ca del co­sto del la­vo­ro è sta­ta, pri­ma e du­ran­te la cri­si, to­tal­men­te sgan­cia­ta dal­la di­na­mi­ca del­la pro­dut­ti­vi­tà, e quin­di dal­la ric­chez­za crea­ta. Que­sto ha fat­to au­men­ta­re dav­ve­ro mol­to il CLUP, pe­na­liz­zan­do la com­pe­ti­ti­vi­tà e man­dan­do gam­be all'aria i con­ti azien­da­li; come te­sti­mo­nia l'ero­sio­ne del­la red­di­ti­vi­tà, che nel ma­ni­fat­tu­rie­ro è sce­sa ai mi­ni­mi sto­ri­ci: è il più po­ten­te di­sin­cen­ti­vo a investire nel no­stro Pae­se.Tut­to ciò na­sce dal si­ste­ma di con­trat­ta­zio­ne col­let­ti­va che cen­tra­liz­za a li­vel­lo na­zio­na­le la de­ter­mi­na­zio­ne de­gli in­cre­men­ti del­le re­tri­bu­zio­ni, co­sic­ché que­sti ul­ti­mi non pos­so­no te­ner con­to dei gua­da­gni di pro­dut­ti­vi­tà che van­no con­si­de­ra­ti so­lo là dove si rea­liz­za­no, cioè a li­vel­lo azien­da­le. Ec­co per­ché oc­cor­re cam­bia­re il si­ste­ma di con­trat­ta­zio­ne, de­cen­tran­do a li­vel­lo di im­pre­sa gli in­cre­men­ti re­tri­bu­ti­vi. La scel­ta di ri­for­ma­re il si­ste­ma di con­trat­ta­zio­ne spetta al­le par­ti so­cia­li e Con­fin­du­stria è im­pe­gna­ta con de­ter­mi­na­zio­ne in tal sen­so. La de­fi­sca­liz­za­zio­ne e la de­con­tri­bu­zio­ne de­gli au­men­ti re­tri­bu­ti­vi ero­ga­ti a li­vel­lo azien­da­le in cam­bio di mag­gio­re pro­dut­ti­vi­tà sa­reb­be un po­ten­te in­cen­ti­vo an­che per i la­vo­ra­to­ri e i lo­ro rap­pre­sen­tan­ti, per­ché au­men­te­reb­be la bu­sta pa­ga net­ta.

Al­tri Pae­si pe­rò fan­no mol­to me­glio dell'Ita­lia,ad esem­pio la Spagna.Qua­li riforme è ne­ces­sa­rio che il go­ver­no af­fron­ti con ur­gen­za per non per­de­re – come sug­ge­ri­sce una ci­ta­zio­ne diTi­to Li­vio in aper­tu­ra del rap­por­to CSC – l'oc­ca­sio­ne at­tua­le che va col­ta con pron­tez­za per au­men­ta­re du­re­vol­men­te la cre­sci­ta eco­no­mi­ca dell'Ita­lia?

La Spagna cre­sce­va più dell'Ita­lia già pri­ma del­la cri­si. Tut­ta­via, al­lo­ra lo fa­ce­va ac­cu­mu­lan­do un gra­ve squi­li­brio nei con­ti con l'este­ro e gon­fian­do un'enor­me bol­la im­mo­bi­lia­re. Al­lo scop­pio del­la cri­si que­sti no­di so­no ve­nu­ti al pet­ti­ne e c'era chi da­va la Spagna per spac­cia­ta. In­ve­ce, la Spagna nel 2012 ha adot­ta­to le giu­ste mi­su­re: sem­pli­fi­ca­zio­ne del­le nor­me, ri­for­ma del mer­ca­to del la­vo­ro (ren­den­do più facili i li­cen­zia­men­ti, le ri­strut­tu­ra­zio­ni azien­da­li e i cam­bia­men­ti di man­sio­ni dei la­vo­ra­to­ri), mo­de­ra­zio­ne sa­la­ria­le (con lo spo­sta­men­to del­la con­trat­ta­zio­ne a li­vel­lo azien­da­le) e ri­sa­na­men­to dei bi­lan­ci del­le banche (gra­zie ai fon­di eu­ro­pei, quin­di an­che con i sol­di no­stri).Tut­to ciò ha per­mes­so al­la Spagna di ri­par­ti­re pri­ma e più bril­lan­te­men­te dell'Ita­lia, tan­to che ora cre­sce a un rit­mo di ol­tre il 3%, il tri­plo del no­stro. In­som­ma, la le­zio­ne è che le riforme van­no fat­te il pri­ma pos­si­bi­le e agen­do con­tem­po­ra­nea­men­te su più fron­ti, met­ten­do al cen­tro l'im­pre­sa e il mer­ca­to e crean­do le con­di­zio­ni per fa­ci­li­ta­re il cre­di­to.

Lu­ca Pao­laz­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.