Nuo­vi stru­men­ti per salvare le im­pre­se in cri­si

Tra l e no­vi­tà, ol­tre a quel­le che ac­ce­le­ra­no le pro­ce­du­re, an­che l'aper tura al­la con­cor­ren­za nel con­cor­da­to pre ven­ti­vo, con of­fer te per l'ac­qui­sto dei be­ni che pos­so­no es­se­re pre­sen­ta­te an­che da ter­zi sog­get­ti

Costozero - - Sommario - Di V. Ro­ma­no

Con il de­cre­to leg­ge n. 83/2015, coor­di­na­to con la leg­ge di con­ver­sio­ne 6 ago­sto 2015, n. 132, re­can­te mi­su­re ur­gen­ti in

ma­te­ria fal­li­men­ta­re, ci­vi­le e pro­ces­sua­le ci­vi­le so­no sta­ti in­tro­dot­ti no­vi­tà di ri­lie­vo per le azien­de in cri­si in ma­te­ria di ese­cu­zio­ni. In me­ri­to agli in­ter­ven­ti in ma­te­ria di pro­ce­du­re con­cor­sua­li, so­no pre­vi­sti de­gli stru­men­ti age­vo­la­ti di ac­ces­so al cre­di­to nel cor­so di una cri­si azien­da­le; l'Au­to­ri­tà Giu­di­zia­ria inol­tre può ri­te­ne­re di au­to­riz­za­re dei fi­nan­zia­men­ti in­te­ri­na­li an­che nel ca­so di con­cor­da­to in bian­co. A ciò si ag­giun­ga che è sta­ta di­spo­sta l'aper­tu­ra al­la con­cor­ren­za nel con­cor­da­to pre­ven­ti­vo, con of­fer­te per l'ac­qui­sto dei be­ni che pos­so­no es­se­re pre­sen­ta­te an­che da ter­zi sog­get­ti. Il con­cor­da­to pre­ven­ti­vo po­trà es­se­re pre­sen­ta­to an­che dai cre­di­to­ri

quan­do la pro­po­sta del de­bi­to­re non pre­ve­de la sod­di­sfa­zio­ne di al­me­no il 25% dei cre­di­ti chi­ro­gra­fa­ri, pur­ché sia una pro­po­sta mi­glio­ra­ti­va. Per di più è sta­ta pre­vi­sta un'ipo­te­si di ri­strut­tu­ra­zio­ne dei de­bi­ti, ma l'ac­cor­do de­ve es­se­re con­clu­so con il 75% dei cre­di­to­ri fi­nan­zia­ri, se que­sti rap­pre­sen­ta­no al­me­no la me­tà dell'in­de­bi­ta­men­to. Inol­tre, è sta­ta di­chia­ra­ta de­fi­ni­ti­va­men­te, l'in­com­pa­ti­bi­li­tà tra il cu­ra­to­re e il commissario giu­di­zia­le. In ca­so di dif­fi­col­tà nel­la ri­cer­ca dei be­ni pi­gno­ra­bi­li il cre­di­to­re, de­bi­ta­men­te au­to­riz­za­to, po­trà ri­vol­ger­si di­ret­ta­men­te ai ge­sto­ri del­le banche da­ti come l'Ana­gra­fe Tri­bu­ta­ria, l'Inps o il Pra. É pre­vi­sto un ter­mi­ne pe­ren­to­rio di 1 an­no en­tro cui ef­fet­tua­re ta­li azio­ni. So­no sta­ti in­tro­dot­ti, poi, dei li­mi­ti al­la pi­gno­ra­bi­li­tà di sti­pen­di e pen­sio­ni, con la pos­si­bi­li­tà di ri­chie­de­re la ri­strut­tu­ra­zio­ne del pro­prio de­bi­to, con ra­te più lun­ghe, per la con­ver­sio­ne del pi­gno­ra­men­to. Per quan­to con­cer­ne i pi­gno­ra­men­ti im­mo­bi­lia­ri, so­no sta­ti ri­dot­ti i tem­pi en­tro cui si de­ve de­po­si­ta­re la do­cu­men­ta­zio­ne ipo­ca­ta­sta­le: 60 gior­ni in luo­go dei pre­ce­den­ti 120. Ul­te­rio­re in­no­va­zio­ne è quel­la ine­ren­te la de­ter­mi­na­zio­ne del va­lo­re dell'immobile pi­gno­ra­to, si do­vrà far ri­fe­ri­men­to al va­lo­re di mer­ca­to, al po­sto del­la pre­ce­den­te pre­vi­sio­ne che pre­ve­de­va la mol­ti­pli­ca­zio­ne del­la ren­di­ta ca­ta­sta­le o del red­di­to do­mi­ni­ca­le per un coef­fi­cien­te (art. 15 c.p.c.). An­che per il giu­ra­men­to as­si­stia­mo ad un'ac­ce­le­ra­zio­ne nel­le pro­ce­du­re. Il giu­ra­men­to ver­rà ef­fet­tua­to in can­cel­le­ria, da par­te del con­su­len­te sti­ma­to­re, co­sì come la pre­sen­ta­zio­ne del­le of­fer­te, al fi­ne di ri­dur­re inu­ti­li at­te­se. Per la con­se­gna all'ac­qui­ren­te dell'immobile pi­gno­ra­to, in­ve­ce e

sem­pre in un'ot­ti­ca di de­fla­zio­ne dei pro­ce­di­men­ti, que­sti po­trà en­tra­re nel lo­ca­le an­che se ha ot­te­nu­to di ver­sa­re a ra­te, pur­ché pre­sen­ti una fi­de­ius­sio­ne a ga­ran­zia del sal­do. La ri­for­ma in­ci­de an­che sul co­di­ce. É sta­ta, in­fat­ti, in­tro­dot­ta la Se­zio­ne I-bis del co­di­ce ci­vi­le, sull'espro­pria­zio­ne di be­ni og­get­to di vin­co­li d'in­di­spo­ni­bi­li­tà o di alie­na­zio­ni a ti­to­lo gra­tui­to. L'art. 2929-bis c.c. in­tro­du­ce una tu­te­la raf­for­za­ta per il cre­di­to­re in ca­so di pi­gno­ra­men­to, gra­zie al­la re­vo­ca­to­ria sem­pli­fi­ca­ta. Una gran­de no­vi­tà, a mio mo­de­sto av­vi­so è quel­la che qua­lo­ra il cre­di­to­re si ri­ten­ga pre­giu­di­ca­to da un at­to frau­do­len­to del pro­prio cre­di­to, po­trà ini­zia­re l'ese­cu­zio­ne for­za­ta in­di­pen­den­te­men­te dall'ot­te­ni­men­to del­la re­vo­ca­to­ria, con cui si chie­de l'inef­fi­ca­cia del trasferimento. Tut­ta­via, per po­ter op­por­re il pi­gno­ra­men­to al de­bi­to­re, il cre­di­to­re de­ve aver tra­scrit­to que­st'ul­ti­mo en­tro un an­no dal­la da­ta di tra­scri­zio­ne dell'at­to di trasferimento del de­bi­to­re. In ca­so con­tra­rio as­si­ste­re­mo al­la per­di­ta di ef­fi­ca­cia de­gli at­ti di ces­sio­ne, di do­na­zio­ne, ov­ve­ro di co­sti­tu­zio­ne di fon­do pa­tri­mo­nia­le, tru­st e vin­co­li in ge­ne­re, che so­no da ri­te­ner­si so­spe­si si­no al ter­mi­ne dell'an­no dal­la lo­ro tra­scri­zio­ne. De­cor­so l'an­no, ad ogni mo­do, il cre­di­to­re avrà pur sem­pre la pos­si­bi­li­tà di agi­re con l'azio­ne re­vo­ca­to­ria ex art. 2901 c.c.. Per le ven­di­te giu­di­zia­rie, con il por­ta­le uni­fi­ca­to in­ter­net, si con­sen­ti­rà a tut­ti gli in­te­res­sa­ti di ac­qui­si­re le in­for­ma­zio­ni re­la­ti­ve al­le ven­di­te giu­di­zia­rie nell'am­bi­to di un'uni­ca area web ge­sti­ta dal Mi­ni­ste­ro del­la Giu­sti­zia, su ba­se na­zio­na­le. Pre­vi­sti co­sti an­che in ca­po al cre­di­to­re per la pub­bli­ca­zio­ne sul por­ta­le del­le ven­di­te pub­bli­che de­gli at­ti ese­cu­ti­vi ri­guar­dan­ti be­ni im­mo­bi­li o mo­bi­li re­gi­stra­ti: il cre­di­to­re do­vrà ver­sa­re 100 eu­ro per cia­scun at­to ese­cu­ti­vo. La pub­bli­ci­tà sul por­ta­le è ob­bli­ga­to­ria tan­to che il de­cre­to pre­ve­de che, ove que­sta non ven­ga ef­fet­tua­ta nel ter­mi­ne sta­bi­li­to dal giu­di­ce, que­st'ul­ti­mo do­vrà di­chia­ra­re con or­di­nan­za l'estin­zio­ne del pro­ces­so ese­cu­ti­vo. Il por­ta­le del­le ven­di­te pub­bli­che do­vrà, poi, in­via­re all'indirizzo di po­sta elet­tro­ni­ca dell'in­te­res­sa­to che ne ab­bia fat­to ri­chie­sta e che si sia re­gi­stra­to, un av­vi­so con­te­nen­te le in­for­ma­zio­ni re­la­ti­ve al­le ven­di­te di cui è sta­ta ef­fet­tua­ta la pub­bli­ci­tà. Con l'in­tro­du­zio­ne del PCT (pro­ces­so te­le­ma­ti­co) vie­ne at­tri­bui­to va­lo­re le­ga­le al de­po­si­to con mo­da­li­tà te­le­ma­ti­ca dei li­bel­li in­tro­dut­ti­vi dei pro­ce­di­men­ti di co­gni­zio­ne e di vo­lon­ta­ria giu­ri­sdi­zio­ne, quan­do ef­fet­tua­ta­ti dai di­fen­so­ri o dai di­pen­den­ti pub­bli­ci. Una ul­te­rio­re no­vi­tà è sta­ta quel­la dell'ag­giun­ta al se­con­do com­ma dell'art. 480 c.p.c., un nuo­vo pe­rio­do che in­tro­du­ce l'one­re per il cre­di­to­re di av­ver­ti­re il de­bi­to­re del­la pos­si­bi­li­tà di por­re ri­me­dio al­la si­tua­zio­ne di so­vrain­de­bi­ta­men­to, con­clu­den­do – me­dian­te l'au­si­lio di un or­ga­ni­smo di me­dia­zio­ne o di un pro­fes­sio­ni­sta no­mi­na­to dal Giu­di­ce – un ac­cor­do di com­po­si­zio­ne del­la cri­si o pro­po­nen­do agli stes­si un pia­no del con­su­ma­to­re.

Per le ven­di­te giu­di­zia­rie, con il por­ta­le uni­fi­ca­to in­ter­net, si con­sen­ti­rà a tut­ti gli in­te­res­sa­ti di ac­qui­si­re le in­for­ma­zio­ni

nell'am­bi­to di un'uni­ca area web ge­sti­ta dal Mi­ni­ste­ro del­la Giu­sti­zia, su ba­se na­zio­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.