Bon ton 3.0, ne­ces­sa­rio un up­gra­de di re­go­le e co­stu­mi

Po­sto che le buo­ne ma­nie­re è sem­pre be­ne co­no­scer­le e pra­ti­car­le, nel 2015, quan­do la mo­da or­mai pro­po­ne mi­se un tem­po inim­ma­gi­na­bi­li, al­za­re il na­so per una scar­pet­ta è fuo­ri tem­po

Costozero - - Sommario - Di N. San­ti­ni

In ge­ne­re pre­fe­ri­sco non ri­far­mi trop­po al­le ci­ta­zio­ni de­gli al­tri, ma nes­su­no me­glio di Con­fu­cio sa­preb­be giu­sti­fi­ca­re ciò che mi pas­sa per la te­sta ul­ti­ma­men­te: "chi non cam­bia mai idea o è il più gran­de dei sag­gi o è il più scioc­co fra gli stol­ti". Con il ri­schio di non ap­par­te­ne­re al­la pri­ma schie­ra, ul­ti­ma­men­te sto ri­leg­gen­do cer­te re­go­le ba­se dell'eti­chet­ta, che han­no con­tri­bui­to in mo­do es­sen­zia­le al­la mia for­ma­zio­ne, per ca­pi­re che esi­sto­no mo­men­ti, luo­ghi e mo­ti­va­zio­ni, tal­vol­ta, per i qua­li for­se sa­reb­be il ca­so di ri­scri­ver­le, gui­da­ti dal buon sen­so a mo­men­ta­neo sca­pi­to del bon ton. Da Ta­le­ba­no del­le buo­ne ma­nie­re, av­vez­zo a ri­spet­ta­re cer­te re­go­le non sem­pre in­ter­ro­gan­do­mi sulla lo­ro uti­li­tà ma pas­san­do a con­sue­tu­di­ne mol­to di ciò che era sta­to de­ci­so da al­tri in al­tre epo­che, fac­cio par­te di quan­ti fi­no a po­co tem­po fa re­pu­ta­va­no in­con­ce­pi­bi­le, ad esem­pio, con­su­ma­re un buon piat­to di pa­sta­sciut­ta in un piat­to fon­do. Il bon ton, in­fat­ti, lo ri­ser­va so­lo al­le mi­ne­stre, e i più bac­chet­to­ni, a do­man­da di­ret­ta, ti ri­spon­do­no che si chia­ma pa­sta­sciut­ta e quin­di si dif­fe­ren­za da qual­sia­si zup­pa o mi­ne­stra in bro­do an­che per il piat­to che si sce­glie per con­su­mar­la. Non san­no co­sa si per­do­no. Per me ci so­no vo­lu­ti qua­si qua­rant'an­ni (pren­de­te no­ta per­ché non so quan­to sarò di­spo­sto a con­fer­ma­re una da­to ana­gra­fi­co si­mi­le, ndr) per ren­der­mi con­to che sta­vo ri­nun­cian­do a uno dei pia­ce­ri del­la vi­ta. Gli ami­ci cam­pa­ni mi fan­no pre­sen­te che un piat­to di pa­sta e pa­ta­te è in­con­ce­pi­bi­le in un piat­to pia­no. “Whi­le in Na­ples do what nea­po­li­tans do” po­treb­be es­se­re una ri­spo­sta di co­mo­do, ma la so­la e uni­ca co­sa che ho pen­sa­to di ri­tor­no a Mi­la­no, è che per me il tem­po del­la pa­sta­sciut­ta nel piat­to pia­no è fi­ni­to. Il su­go è più go­di­bi­le, la vi­sta più gra­de­vo­le...la scar­pet­ta più fa­ci­le. E qui toc­co un al­tro ta­sto do­len­te per­ché so che a qual­cu­no an­drà il tè di tra­ver­so. La scar­pet­ta me­ri­ta un di­scor­so a par­te. In un Pae­se come il no­stro, che a tut­ti gli ef­fet­ti è in­ter­na­zio­na­le in qual­sia­si an­go­lo ci si rifugi, dove in cit­tà come Mi­la­no i da­ti ri­por­ta­no che un ma­tri­mo­nio su 3 è mi­sto, non vo­glia­mo ac­co­glie­re il buo­no che ar­ri­va dal­le cul­tu­re afri­ca­ne o me­dio­rien­ta­li dove pa­ne e suoi si­mi­li non so­no al­tro che stru­men­ti per rac­co­glie­re, as­sa­po­ra­re e go­der­ci un su­go? Chia­ro è che pu­li­re il fon­do di un piat­to so­sti­tuen­do­ci al­la la­va­sto­vi­glie non è mai giu­sti­fi­ca­to nem­me­no dal­la fa­me più tre­men­da, ve­ro è che per fa­re la scar­pet­ta i go­mi­ti pos­so­no co­mo­da­men­te ri­ma­ne­re al lo­ro po­sto sen­za svo­laz­za­re e scom­por­re la fi­gu­ra, ma è an­che ve­ro che ve­der ri­par­ti­re un piat­to ver­so la cu­ci­na la­scian­do­ci quel tot di su­ghet­to che con un boc­co­ne di pa­ne è la chiu­su­ra idea­le di una pie­tan­za, se da un la­to è bon ton, dall'al­tro è, a pa­rer mio, pec­ca­to mor­ta­le. As­sag­gia­re per cre­de­re. Po­sto che le re­go­le è sem­pre be­ne co­no­scer­le, an­che per­ché la tra­sgres­sio­ne è più sim­pa­ti­ca dell'igno­ran­za, nel 2015 quan­do la mo­da pro­po­ne scar­pe di pel­le mar­ro­ni a tut­te le ore del gior­no e, giu­sta­men­te, nes­su­no si scom­po­ne, quan­do i piat­ti di de­si­gn di­ven­ta­no qua­dra­ti, ret­tan­go­la­ri, e ad­di­rit­tu­ra co­ni­ci, al­za­re il na­so per una scar­pet­ta non si­gni­fi­ca es­se­re af­fe­zio­na­ti ai bei tem­pi, ma, sem­pli­ce­men­te, non es­se­re al pas­so coi tem­pi.

ph/Ch­ri­stian Ciar­del­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.