La ca­sa 3.0 è an­che eco­lo­gi­ca

L'Ita­lia che co­strui­sce e cre­sce. Ab­bia­mo chie­sto a Ce­sa­re La­na­ti, pre­si­den­te di Bell Hol­ding , qua­li so­no gli in­gre­dien­ti per far ri­par ti­re il si­ste­ma guar­dan­do an­che all'am­bien­te

Costozero - - Sommario - A cu­ra del­la Re­da­zio­ne

Co­strui­re si­gni­fi­ca mol­to di più che met­te­re un mat­to­ne so­pra l'al­tro: una parola con mol­te sfu­ma­tu­re, che esco­no an­che dal set­to­re in cui lei ope­ra. Qual è il si­gni­fi­ca­to che at­tri­bui­sce a que­sta parola? Un si­gni­fi­ca­to che porta con sé dei con­te­nu­ti strut­tu­ra­li ma an­che fi­na­liz­za­ti a realizzare nuo­ve ini­zia­ti­ve, crea­re po­sti di la­vo­ro oc­cu­pa­zio­ne e, nel ca­so no­stro, a da­re vi­ta a qual­co­sa che, pur es­sen­do già pre­sen­te nel mer­ca­to, non ave­va più un'iden­ti­tà, una fun­zio­ne: è quel­lo che in que­sto mo­men­to il mer­ca­to im­mo­bi­lia­re ha più bi­so­gno ven­ga fat­to. Istin­ti­va­men­te, pe­rò, co­strui­re, per me co­mu­ni­ca “par­ti­re da ze­ro”.

Spie­ghi me­glio il con­cet­to di da­re vi­ta a qual­co­sa che non ha più un'iden­ti­tà.

Co­strui­re pro­get­ti su real­tà esi­sten­ti vuol di­re investire e pen­sa­re su qual­co­sa che era già edi­fi­ca­to, si­gni­fi­ca non sot­trar­re ver­de e spa­zio di cui ab­bia­mo sem­pre me­no di­spo­ni­bi­li­tà. Vuol di­re ri­da­re vi­ta a del­le zo­ne di una cit­tà che di­ver­sa­men­te vi­vreb­be­ro uno sta­to di to­ta­le ab­ban­do­no e de­gra­do. Pen­sia­mo a cer­ti cen­tri di­re­zio­na­li, a cer­te real­tà na­te con uno sco­po e che, assolto il pro­prio fi­ne, poi non ispi­ra­no più una se­con­da vi­ta. La no­stra crea­ti­vi­tà spes­so si con­cen­tra su que­sti pro­get­ti: dia­mo va­lo­re a qual­co­sa che pro­ba­bil­men­te non rap­pre­sen­ta­va­no più, con tut­ta una se­rie di ele­men­ti con­se­guen­ti che so­no di estre­ma attualità: oc­cu­pa­zio­ne, pro­get­to e uti­liz­zo del pro­get­to stes­so. Uti­liz­zo, nel­la mag­gior par­te dei ca­si, che si tra­du­ce in at­ti­vi­tà industriale.

Quan­do de­ci­de di but­tar­si in un pro­get­to qua­li so­no le do­man­de che si po­ne?

Mi chie­do qua­le si la fi­na­li­tà che im­ma­gi­no pos­sa es­se­re rap­pre­sen­ta­ta da quel­lo che ve­do ri­spet­to

a quel­lo che tro­vo. Se il mer­ca­to ri­spet­to a ciò che im­ma­gi­no io po­trà ave­re in­te­res­se a re­ce­pir­lo, e quan­to a pel­le mi sti­mo­la ri­spet­to al­le idee che nor­mal­men­te ho. Una com­po­nen­te di istin­to e cuo­re gio­ca sem­pre il suo ruo­lo.

E in che per­cen­tua­le l'istin­to o la crea­ti­vi­tà in­ci­do­no nel­le sue scel­te ri­spet­to al­la ra­zio­na­li­tà?

La par­ten­za di qua­lun­que pro­get­to ha si­cu­ra­men­te una com­po­nen­te emo­zio­na­le e di istin­to: è chia­ro che nel mon­do del bu­si­ness non si può pre­scin­de­re da quel­la com­po­nen­te ra­zio­na­le e nu­me­ri­ca che pos­sa da­re con­cre­tez­za al pro­get­to stes­so. La sfi­da è sem­pre quel­la di por­ta­re la com­po­nen­te emo­zio­na­le, fa­cen­do an­che va­lu­ta­zio­ni di­ver­se, a coin­ci­de­re con la par­te ra­zio­na­le in mo­do da con­vin­ce­re an­che al­tri ol­tre me.

Si par­la mol­to di bio ar­chi­tet­tu­ra e bio edi­li­zia. Co­sa ne pen­sa?

Usa­re sen­si­bi­li­tà nei con­fron­ti dell'am­bien­te e pre­pa­rar­si a vi­ve­re una vi­ta a mi­su­ra di eco­lo­gia an­che tra le pa­re­ti do­me­sti­che, o nei luo­ghi di la­vo­ro, og­gi si può, gra­zie all'im­pie­go di ma­te­ria­li che of­fro­no un im­pat­to am­bien­ta­le mi­ni­mo e fa­vo­ri­sco­no il ri­spar­mio ener­ge­ti­co. Di­men­ti­ca­te pe­rò strut­tu­re in­con­si­sten­ti, co­lo­ri tri­sti e for­me im­pro­ba­bi­li. De­si­gn, vi­ta­li­tà e crea­ti­vi­tà nel pro­get­ta­re re­sta­no in­va­ria­ti: sce­glie­re di af­fi­dar­si a ma­te­ria­li eco-friend­ly è sem­pli­ce­men­te un nuo­vo ca­pi­to­lo nell'edi­li­zia che stia­mo os­ser­van­do per an­da­re in una di­re­zio­ne di be­nes­se­re an­che quan­do si pro­get­ta e co­strui­sce un'abi­ta­zio­ne. Tra i ma­te­ria­li da co­stru­zio­ne più dif­fu­si in bioe- di­li­zia, è pos­si­bi­le tro­va­re il le­gno che van­ta nu­me­ro­se qua­li­tà ed inol­tre è tra i ma­te­ria­li rin­no­va­bi­li, ri­ci­cla­bi­li e bio­de­gra­da­bi­li. Ha in­fat­ti ot­ti­me ca­rat­te­ri­sti­ca di iso­la­men­to ter­mi­co, acu­sti­co, ela­sti­ci­tà, fles­si­bi­li­tà, re­si­sten­za al­le sol­le­ci­ta­zio­ni ter­mi­che e mec­ca­ni­che, re­si­sten­za all'usu­ra. Ot­ti­mo sia per la co­stru­zio­ne che per crea­re ri­ve­sti­men­ti in­ter­ni ed ester­ni. Al­tro ma­te­ria­le in­te­res­san­te è il su­ghe­ro, che si tro­va sot­to for­ma di pan­nel­li o di tru­cio­li che ven­go­no ag­giun­ti nel­la com­po­si­zio­ne di al­tri pro­dot­ti, come la pit­tu­ra ter­mi­ca tra­spi­ran­te in su­ghe­ro. É rin­no­va­bi­le, poi­ché una vol­ta pre­le­va­to, si ri­ge­ne­ra na­tu­ral­men­te, an­che in tem­pi ab­ba­stan­za ra­pi­di. Buo­no per­ché iso­lan­te. Al­tra ca­rat­te­ri­sti­che im­por­tan­te è che il su­ghe­ro è un ma­te­ria­le im­pu­tre­sci­bi­le, os­sia non sog­get­to a pu­tre­fa­zio­ne: rie­sce a con­ser­va­re nel tem­po la sua con­si­sten­za, ol­tre che, idro­re­pel­len­te, atos­si­co, tra­spi­ran­te, inin­fiam­ma­bi­le, anallergico, e capace di re­si­ste­re all'azio­ne de­gli in­set­ti e dei ro­di­to­ri. La cel­lu­lo­sa, in­ve­ce, si ot­tie­ne dal riciclo e dal­la tra­sfor­ma­zio­ne del­la car­ta. Di for­te com­po­nen­te na­tu­ra­le, ha ot­ti­me ca­pa­ci­tà coi­ben­tan­ti: vie­ne uti­liz­za­ta come iso­lan­te sia acu­sti­co, sia ter­mi­co. Non con­tie­ne so­stan­ze tos­si­che ed è nuo­va­men­te ri­ci­cla­bi­le. Idea­le per: pa­vi­men­ti, tet­ti e come ma­te­ria­le di riem­pi­men­to. Am­bien­ti che da un la­to ri­chie­do­no sem­pre più per­for­man­ce tec­no­lo­gi­che ma che vor­reb­be­ro riav­vi­ci­nar­ci al­la na­tu­ra... In fon­do sia­mo uo­mi­ni, non mac­chi­ne. Ogni tan­to fa­reb­be be­ne ri­cor­dar­lo.

Usa­re sen­si­bi­li­tà nei con­fron­ti dell'am­bien­te e pre­pa­rar­si a vi­ve­re una vi­ta a mi­su­ra di eco­lo­gia an­che tra le pa­re­ti do­me­sti­che, o nei luo­ghi di la­vo­ro, og­gi si può, gra­zie all'im­pie­go di ma­te­ria­li che of­fro­no un

im­pat­to am­bien­ta­le mi­ni­mo e fa­vo­ri­sco­no il ri­spar­mio ener­ge­ti­co

Ce­sa­re La­na­ti, è pre­si­den­te di Bell Hol­ding, im­pre­sa che si oc­cu­pa di realizzare im­mo­bi­li nel set­to­re

industriale di­re­zio­na­le e com­mer­cia­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.