Pa­lum­bo, GI Salerno: «Un Ma­ster­plan per il Sud da so­lo non ba­sta»

Per il pre­si­den­te dei Gio­va­ni Im­pren­di­to­ri di Con­fin­du­stria Salerno «sen­za pro­get­ti im­pren­di­to­ria­li se­ri e di l un­ga du­ra­ta» la ri­pre­sa sa­rà più com­pli­ca­ta da rag­giun­ge­re

Costozero - - Sommario - Di R. Ve­ne­ran­do, intervista a F. G. Pa­lum­bo

Tren­ta can­de­li­ne per l'ap­pun­ta­men­to 2015 dei Gio­va­ni a Ca­pri:co­me è cam­bia­to ne­gli an­ni il Mo­vi­men­to e co­sa re­sta, in­ve­ce, re­si­sten­te al tem­po? È sta­to un gran­de “Ca­pri” quel­lo di que­st'an­no, con pre­sen­ze re­cord e tan­ti nuo­vi gio­va­ni im­pren­di­to­ri. Il no­stro Mo­vi­men­to, in­fat­ti, sta vi­ven­do una ve­ra e pro­pria fa­se di ri­cam­bio ge­ne­ra­zio­na­le, con mol­ti im­pren­di­to­ri nuo­vi, di pri­ma ge­ne­ra­zio­ne. L'im­por­tan­te com­plean­no poi ha ri­chia­ma­to an­che tan­ti past pre­si­dent e afi­cio­na­dos del Mo­vi­men­to, che no­no­stan­te lo scar­to ana­gra­fi­co han­no mo­stra­to un im­mu­ta­to spi­ri­to di squa­dra e di con­di­vi­sio­ne. Si per­ce­pi­va nell'aria una gran­de vo­glia di vo­ler fa­re qual­co­sa di con­cre­to per il Pae­se.

Sul te­ma“Sud,pa­tri­mo­nio d'Ita­lia”tan­to si è det­to,ma fuor di re­to­ri­ca un im­pren­di­to­re del Mez­zo­gior­no co­sa le­git­ti­ma­men­te ri­ven­di­ca al go­ver­no?

Cre­do non sia il go­ver­no a crea­re la cre­sci­ta del Pae­se, né tan­to­me­no del Mez­zo­gior­no, ma la re­la­zio­ne po­si­ti­va tra isti­tu­zio­ni, ban­che e im­pre­se, tra lo Sta­to e la so­cie­tà. Bi­so­gna ave­re que­sta vi­sio­ne e per­se­guir­la con de­ter­mi­na­zio­ne. Non ser­ve dun­que un Ma­ster­plan per il Mez­zo­gior­no sen­za pro­get­ti im­pren­di­to­ria­li "se­ri" e di lun­ga du­ra­ta. Ri­schie­re­mo al­tri­men­ti so­lo di per­de­re al­tro tem­po, di spre­ca­re al­tre ri­sor­se e di ag­gra­va­re an­cor più la pa­to­lo­gia del­la que­stio­ne me­ri­dio­na­le.

La Svi­mez ha cer­ti­fi­ca­to nel suo ul­ti­mo rap­por­to che,sep­pur an­co­ra fra­gi­le,an­che per il Sud si può par­la­re di ri­pre­sa eco­no­mi­ca.Su qua­li am­bi­ti è fon­da­men­ta­le re­cu­pe­ra­re il gap con il re­sto del Pae­se? Si sen­te“po­si­ti­vo”guar­dan­do al fu­tu­ro?

La po­si­ti­vi­tà di vi­sio­ne è nel dna di un im­pren­di­to­re. Sen­za, que­sto la­vo­ro non si può af­fron­ta­re. Io, poi, so­no un po­si­ti­vo di na­tu­ra e amo ciò che fac­cio per­ciò guar­do sem­pre avan­ti con vi­sio­ne e fi­du­cia. È in­ne­ga­bi­le che il Mez­zo­gior­no d'Ita­lia sia in ri­tar­do ri­spet­to al Nord, ma re­sto con­vin­to che la for­bi­ce pos­sa ri­dur­si per­ché ca­gio­na­ta da fat­to­ri in­di­ret­ti. Al Sud non man­ca­no le ec­cel­len­ze, non man­ca il sa­per fa­re im­pre­sa, nè la vo­glia di cre­der­ci; il Sud è in­die­tro per­ché man­ca­no quel­le con­di­zio­ni ba­si­la­ri di con­te­sto - pre­sen­ti al Nord - che po­treb­be­ro far­ci con­cor­re­re sui mer­ca­ti in con­di­zio­ni di ugua­glian­za con i no­stri com­pe­ti­tor. Nel­lo spe­ci­fi­co mi ri­fe­ri­sco al­le pa­ra­li­si bu­ro­cra­ti­che dei no­stri go­ver­ni lo­ca­li, al­la to­ta­le as­sen­za di in­fra­strut­tu­re, al­la fi­bra ot­ti­ca an­co­ra non com­ple­ta­men­te dif­fu­sa, al co­sto del de­na­ro più al­to e a tut­to ciò che in un Pae­se nor­ma­le do­vreb­be es­se­re con­di­tio si­ne qua non per la ri­pre­sa. È op­por­tu­no quin­di che si pren­da co­scien­za di que­sto. Il Mez­zo­gior­no è pa­tri­mo­nio d'Ita­lia e sen­za sal­va­guar­da­re il Sud l'Ita­lia non avrà mai la sua ri­pre­sa per in­te­ro.

Fran­ce­sco Giu­sep­pe Pa­lum­bo pre­si­den­te Gio­va­ni Im­pren­di­to­ri Con­fin­du­stria Salerno

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.