Il le­gno, ma­te­ria­le an­ti­co pro­iet­ta­to nel fu­tu­ro

A lun­go di­men­ti­ca­to per i suoi li­mi­ti pre­sta­zio­na­li e con­si­de­ra­to su­pe­ra­to, og­gi ri­na­sce di­ven­tan­do l 'ele­men­to strut­tu­ra­le pre­fe­ri­to per le co­per tu­re di gran­di su­per­fi­ci

Costozero - - Sommario - Di F. Bru­zio

Ecosostenibilità, ener­gia pu­li­ta, bio­e­di­li­zia, so­no pa­ro­le, ne­gli ul­ti­mi an­ni, di­ven­ta­te di uso co­mu­ne, frut­to di un'ope­ro­sa cam­pa­gna di sen­si­bi­liz­za­zio­ne sull'eco­lo­gia e l'uti­liz­zo di ri­sor­se pu­li­te e rin­no­va­bi­li. An­che in edi­li­zia que­sti con­cet­ti, fi­nal­men­te al­la por­ta­ta di tut­ti, do­po es­se­re sta­ti teo­riz­za­ti e mes­si in pra­ti­ca già agli ini­zi de­gli an­ni '70 da al­cu­ni ar­chi­tet­ti - per ci­tar­ne uno, il vien­ne­se Hun­dert­was­ser – of­fro­no l'oc­ca­sio­ne per mi­glio­ra­re la qua­li­tà del com­fort am­bien­ta­le, il ri­spar­mio ener­ge­ti­co, e la mi­nor im­mis­sio­ne di ani­dri­de car­bo­ni­ca nell'am­bien­te. Og­gi si stan­no uti­liz­zan­do ma­te­ria­li al­ter­na­ti­vi per uso strut­tu­ra­le, che ri­spet­ta­no l'am­bien­te e si col­lo­ca­no a pie­no nel ci­clo LCA (acro­ni­mo di Li­fe Cy­cle As­sess­ment), ov­ve­ro nell'in­te­ro ci­clo di vi­ta di un pro­dot­to: dal­la pre-pro­du­zio­ne, pro­du­zio­ne, di­stri­bu­zio­ne, al­la mes­sa in uti­liz­zo, ma­nu­ten­zio­ne, smon­tag­gio e ri­ci­clo. Il le­gno è il ma­te­ria­le che me­glio si pre­sta nel ci­clo LCA ri­spet­to ad al­tri. In pas­sa­to è sta­to uti­liz­za­to per le co­per­tu­re: ca­pria­te e so­lai. Pur­trop­po, pe­rò, con l'an­da­re de­gli an­ni gli spazi di­ve­ni­va­no sem­pre più gran­di, e le tra­vi di le­gno, che al mas­si­mo po­te­va­no su­pe­ra­re lu­ci di 12 me­tri a cau­sa del­la lo­ro na­tu­ra, ven­ne­ro di­men­ti­ca­te a fa­vo­re del­le tra­vi in ghi­sa pri­ma e in ce­men­to ar­ma­to poi, che all'epo­ca ga­ran­ti­va­no co­per­tu­re di lu­ci su­pe­rio­ri a 12 me­tri. In mol­ti stu­dia­ro­no la pos­si­bi­li­tà di rea­liz­za­re tra­vi in le­gno con pre­sta­zio­ni mi­glio­ri: il pri­mo fu Leo­nar­do Da Vin­ci che ideò la so­vrap­po­si­zio­ne di più tron­chi giun­ti tra lo­ro con una la­vo­ra­zio­ne se­ghet­ta­ta e

col­le­ga­ti con chio­di e staf­fe in fer­ro; da qui in poi l'in­tui­zio­ne di Leo­nar­do ven­ne ri­pre­sa da va­ri stu­dio­si fi­no a giun­ge­re a Karl He­tzer, nel XX Se­co­lo, che rea­liz­zò il pri­mo pro­to­ti­po di tra­ve in le­gno la­mel­la­re in­col­la­to di abe­te, gra­zie al qua­le è pos­si­bi­le ave­re tra­vi ver­sa­ti­li per su­pe­ra­re gran­di lu­ci e sor­reg­ge­re ca­ri­chi pe­san­ti. Que­ste tra­vi so­no co­sti­tui­te da la­mel­le di le­gno di spes­so­re tra i 23 e i 40 mm di al­tez­za mas­si­ma, di se­zio­ne ret­tan­go­la­re, che ga­ran­ti­sco­no il mas­si­mo del­le pre­sta­zio­ni, eli­mi­nan­do i di­fet­ti pre­sen­ti all'in­ter­no del tron­co di una co­mu­ne pian­ta. È pos­si­bi­le con­fe­ri­re a que­ste tra­vi an­che for­me on­du­la­te per esi­gen­ze este­ti­che. Inol­tre il le­gno la­mel­la­re in­col­la­to pe­sa me­no di 500 kg/mc, quin­di è mol­to più leg­ge­ro se con­fron­ta­to con al­tri ma­te­ria­li di ti­po strut­tu­ra­le qua­li ac­cia­io e cal­ce­struz­zo. Con que­sta in­ven­zio­ne la lu­ce - li­mi­te tan­to te­mu­to - non è più un pro­ble­ma ed è pos­si­bi­le co­pri­re gran­di su­per­fi­ci, co­me già fat­to con la torre dell'Uni­ver­si­tà di Zu­ri­go, 1911, o – per ci­ta­re un esem­pio più mo­der­no e “vi­ci­no” - la cu­po­la del Pa­la­se­le: una co­per­tu­ra in le­gno la­mel­la­re che su­pe­ra gli ot­tan­ta me­tri di lu­ce. Il le­gno, di­men­ti­ca­to per i suoi li­mi­ti pre­sta­zio­na­li e con­si­de­ra­to su­pe­ra- to, co­sì ri­na­sce e di­ven­ta l'ele­men­to strut­tu­ra­le pre­fe­ri­to per le co­per­tu­re di gran­di su­per­fi­ci. L'al­tez­za è un al­tro li­mi­te di­men­sio­na­le, ma gra­zie al­le con­ti­nue ri­cer­che in cam­po in­ge­gne­ri­sti­co è sta­to pos­si­bi­le met­te­re a pun­to nuo­vi col­le­ga­men­ti in ac­cia­io e pan­nel­li di le­gno dal no­me com­mer­cia­le: Cros­slam o X-Lam. Que­sti so­no dei com­pen­sa­ti di ta­vo­le, più o me­no si­mi­li al mul­ti­stra­to dei mo­bi­li, che so­vrap­po­sti gli uni su­gli al­tri insieme al­le col­le crea­no un ele­men­to mo­no­li­ti­co, so­li­do e leg­ge­ro; uti­liz­za­ti insieme ai giu­sti an­co­rag­gi e ac­cor­gi­men­ti ri­sul­ta­no tal­men­te re­si­sten­ti da po­ter rea­liz­za­re edi­fi­ci in mul­ti­pia­no. Uno de­gli stu­di più im­por­tan­ti, in que­sto set­to­re, è sta­to rea­liz­za­to dal CNR-IVALSA con il pro­get­to SO­FIE: un edi­fi­co di 7 pia­ni co­strui­to in X-Lam e sot­to­po­sto ad un si­sma pa­ri a 7.2 gra­di del­la sca­la Ri­ch­ter; l'edi­fi­cio, po­sto più vol­te a que­ste sol­le­ci­ta­zio­ni, ha da­to ri­sul­ta­ti ec­ce­zio­na­li; il suc­ces­so è do­vu­to al­la leg­ge­rez­za dei pan­nel­li di le­gno, va­le a di­re 500 Kg/mc cir­ca (1/5 del ce­men­to ar­ma­to che pe­sa 2500 kg/ mc), e al­la dut­ti­li­tà del­le con­nes­sio­ni in ac­cia­io gra­zie al­le qua­li è sta­to pos­si­bi­le dis­si­pa­re le azio­ni si­smi­che. Una del­la fa­si del pro­get­to SO­FIE è sta­ta quel­la del te­st al fuo­co, bril­lan­te­men­te su­pe­ra­to, in cui un edi­fi­co in le­gno è sta­to da­to al­le fiam­me per ses­san­ta mi­nu­ti sen­za col­las­sa­re. L'edi­fi­cio in le­gno mul­ti­pia­no at­tual­men­te più al­to – 9 pia­ni - si tro­va in Ita­lia, a Mi­la­no. È pe­rò la Py­ra­mi­den­ko­gel in Ca­rin­zia, Au­stria, ad ave­re il pri­ma­to di edi­fi­cio in le­gno più al­to del mon­do: al­ta qua­si 100 me­tri è sta­ta inau­gu­ra­ta nel giu­gno del 2011. Sce­glie­re il le­gno nel­le co­stru­zio­ni ha van­tag­gi pra­ti­ci, eco­no­mi­ci ed eco­lo­gi­ci: si ri­du­co­no i tem­pi di co­stru­zio­ne; si evi­ta­no di­fet­ti di can­tie­re; si pro­get­ta con più fa­ci­li­tà; il tra­spor­to di com­po­nen­ti in le­gno o a ba­se di le­gno, da­ta la leg­ge­rez­za del ma­te­ria­le, in­ci­de me­no sul co­sto del car­bu­ran­te ne­ces­sa­rio ai mez­zi e di con­se­guen­za c'è una più bas­sa emis­sio­ne di ani­dri­de car­bo­ni­ca in at­mo­sfe­ra, di­ver­sa­men­te da­gli ele­men­ti in ac­cia­io o ce­men­to ar­ma­to che con il lo­ro pe­so ri­chie­do­no mag­gio­re di­spen­dio di ener­gia. Pro­dur­re una tra­ve in le­gno la­mel­la­re, inol­tre, ri­chie­de me­no sfor­zi di pro­du­zio­ne e ri­sor­se a dif­fe­ren­za del­le tra­vi in ac­cia­io e cal­ce­struz­zo ar­ma­to per le qua­li oc­cor­ro­no pro­ces­si pro­dut­ti­vi più di­spen­dio­si, a co­min­cia­re da quel­la elet­tri­ca, ce­men­ti­fi­ci e ca­ve. Que­st'ul­ti­me ten­do­no ad esau­rir­si la­scian­do enor­mi e vi­sto­si squar­ci sui fian­chi del­le mon­ta­gne per sem­pre, men­tre con i bo­schi e fo­re­ste so­ste­ni­bi­li gli al­be­ri ven­go­no ri­pian­ta­ti. La pian­ta ta­glia­ta, in­fi­ne, con­ser­va al suo in­ter­no an­co­ra l'ani­dri­de car­bo­ni­ca as­si­mi­la­ta nell'aria non espel­len­do­la. Nel ci­clo LCA la pian­ta vie­ne ta­glia­ta e su­bi­to so­sti­tui­ta con una nuo­va, vie­ne la­vo­ra­ta, mes­sa in pro­du­zio­ne e al­la fi­ne del suo ci­clo di vi­ta smon­ta­ta e por­ta­ta in ap­po­si­te aree di re­cu­pe­ro. Il pe­ri­co­lo di­sbo­sca­men­to è scon­giu­ra­to in quan­to que­sto le­gno è sem­pre a mar­chio FSC o PEFC, pro­ve­nien­te da fo­re­ste so­ste­ni­bi­li. I tem­pi di cre­sci­ta per i pri­mi ven­ti­cin­que an­ni di vi­ta so­no di un me­tro all'an­no, ed è que­sto uno dei mo­ti­vi per cui si pre­fe­ri­sce l'abe­te ri­spet­to ad al­tre spe­cie, aven­do a di­spo­si­zio­ne una ri­sor­sa rin­no­va­bi­le sen­za in­tac­ca­re bo­schi o fo­re­ste pro­tet­te. È sta­to rea­liz­za­to an­che un cer­ti­fi­ca­to che si ap­pli­ca so­lo al­le ope­re rea­liz­za­te con le strut­tu­re in le­gno e che ga­ran­ti­sce al con­su­ma­to­re la qua­li­tà e la ge­nui­ni­tà di que­ste ope­re; l'edi­fi­cio cer­ti­fi­ca­to aumenta il pro­prio va­lo­re e ras­si­cu­ra l'uten­te sul­la sua va­li­di­tà e so­li­di­tà.

Mu­se / Par­ti­co­la­re co­per­tu­ra atrio

Le Al­be­re / edi­li­zia re­si­den­zia­le la­to cor­so del la­vo­ro e del­la scien­za-est

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.