Ve­ro Ma­de in Ita­ly? La ga­ran­zia del Si­gil­lo In­for­ma­ti­co

Uno dei si­ste­mi più in­no­va­ti­vi per tu­te­la­re con­su­ma­to­ri e azien­de da con­traf­fa­zio­ni e fro­di è la piat­ta­for­ma che of­fre l a pos­si­bi­li­tà con­cre­ta di ve­ri­fi­ca­re di­ret­ta­men­te la ca­te­na pro­dut­to­re–di­stri­bu­to­re–con­su­ma­to­re con stru­men­ti in­for­ma­ti­ci di uso co­mun

Costozero - - Sommario - Di P. Di Ste­fa­no

Ère­cen­tis­si­ma la no­ti­zia cir­ca l'in­chie­sta av­via­ta dal­la Pro­cu­ra del­la Repubblica di To­ri­no su pre­sun­te plu­ri­me ipo­te­si di “con­traf­fa­zio­ne” dell'olio ex­tra­ver­gi­ne di oli­va ita­lia­no. In ca­si si­mi­li si con­fi­gu­ra il rea­to di fro­de in com­mer­cio, pre­vi­sto dall'art. 515 del co­di­ce pe­na­le, che pu­ni­sce con la re­clu­sio­ne fi­no a due an­ni o con la mul­ta fi­no a eu­ro 2.065 «chiun­que, nell'eser­ci­zio di un'at­ti­vi­tà com­mer­cia­le, ov­ve­ro in uno spac­cio aper­to al pub­bli­co, con­se­gna all'ac­qui­ren­te una co­sa mo­bi­le per un'al­tra, ov­ve­ro una co­sa mo­bi­le, per ori­gi­ne, pro­ve­nien­za, qua­li­tà o quan­ti­tà,

di­ver­sa da quel­la di­chia­ra­ta o pat­tui­ta» . La nor­ma pre­ve­de al­tre­sì la pe­na del­la re­clu­sio­ne fi­no a tre an­ni o del­la mul­ta non in­fe­rio­re a eu­ro 103 se si trat­ta di og­get­ti pre­zio­si, cioè con un va­lo­re su­pe­rio­re de­ter­mi­na­to dal­la lo­ro ra­ri­tà op­pu­re da ra­gio­ni sto­ri­che o ar­ti­sti­che. L'au­to­re di que­sto rea­to può es­se­re chiun­que, pur­ché agi­sca nell'eser­ci­zio di un'at­ti­vi­tà com­mer­cia­le, ov­ve­ro in qual­sia­si luo­go fun­zio­nal­men­te de­sti- na­to al com­mer­cio. Non è ri­chie­sta la qua­li­tà di com­mer­cian­te, per cui an­che il pri­va­to agri­col­to­re o l'ar­ti­gia­no che ven­de i suoi pro­dot­ti di­ret­ta­men­te al con­su­ma­to­re può es­se­re im­pu­ta­to di ta­le rea­to. Que­st'ul­ti­mo può con­cor­re­re con il de­lit­to di ven­di­ta di pro­dot­ti in­du­stria­li con se­gni mendaci (art. 517 c.p.) che si rea­liz­za con la so­la ven­di­ta o mes­sa in cir­co­la­zio­ne del pro­dot­to, in­di­pen­den­te­men­te dal­la con­se­gna, con con­se­guen­te vio­la­zio­ne dell'or­di­ne eco­no­mi­co che de­ve es­se­re ga­ran­ti­to con­tro gli in­gan­ni te­si al con­su­ma­to­re. Se l'in­chie­sta an­das­se a se­gno, il dan­no all'im­ma­gi­ne dell'agroa­li­men­ta­re Ma­de in Ita­ly po­treb­be es­se­re ac­com­pa­gna­to da con­se­guen­ze non tan­to e so­lo di na­tu­ra pe­na­le per co­lo­ro che sa­ran­no ri­te­nu­ti re­spon­sa­bi­li del­le con­dot­te frau­do­len­te, ma an­che e so­prat­tut­to di na­tu­ra eco­no­mi­ca. A ciò po­treb­be ag­giun­ger­si un ve­ro e pro­prio col­po di gra­zia al­la fi­du­cia, già fra­gi­le, del con­su­ma­to­re me­dio

che è sem­pre più scet­ti­co cir­ca la ga­ran­zia di ori­gi­ne di pro­dot­ti la cui qua­li­tà do­vreb­be es­se­re esen­te da qual­si­vo­glia “mo­di­fi­ca in cor­so d'ope­ra”. Co­me di­fen­de­re al­lo­ra ef­fi­ca­ce­men­te i con­su­ma­to­ri e le fi­lie­re pro­dut­ti­ve di qua­li­tà dai pe­ri­co­li del­la con­traf­fa­zio­ne e del­la fro­de? Uno dei si­ste­mi più in­no­va­ti­vi è rap­pre­sen­ta­to dal cd. Si­ste­ma Si­gil­lo In­for­ma­ti­co (S.I. 2.0), piat­ta­for­ma idea­ta nel 2010 dall'in­ge­gner At­ti­lio Mi­na­fra e da Ar­ti gra­fi­che A. Ros­si S.p.A., con il coin­vol­gi­men­to di sog­get­ti pri­va­ti e isti­tu­zio­na­li di ri­lie­vo na­zio­na­le co­me CNR-IMC, Uni­ver­si­tà Ca' Fo­sca­ri di Ve­ne­zia, IASMA, Fon­da­zio­ne Sa­pien­za In­no­va­zio­ne. Il S.I. 2.0, nell'ot­ti­ca di una tu­te­la sia del con­su­ma­to­re che del pro­dut­to­re, ha fat­to sì che si pas­sas­se dal­la me­ra “de­no­mi­na­zio­ne di ori­gi­ne” ad una ve­ra e pro­pria “cer­ti­fi­ca­zio­ne dell'ori­gi­ne e del­la qua­li­tà” ba­sa­ta su pa­ra­me­tri og­get­ti­vi, qua­li ana­li­si chi­mi­co-fi­si­che avan­za­te, e un Re­po­si­to­ry Isti­tu­zio­na­le, ge­sti­to da un En­te Ter­zo, qua­le ap­pun­to il CNR, il qua­le re­ce­pi­sce i di­sci­pli­na­ri pre­ce­den­te­men­te ap­pro­va­ti dal CT-SI, Co­mi­ta­to Tec­ni­co Si­gil­lo In­for­ma­ti­co e inol­tre ge­sti­sce an­che un ve­ro e pro­prio re­gi­stro no­ta­ri­le de­sti­na­to a rac­co­glie­re le in­for­ma­zio­ni ed even­ti ri­te­nu­ti “ri­le­van­ti” nel­la trac­cia­bi­li­tà, rin­trac­cia­bi­li­tà e ga­ran­zia di ori­gi­ne. Ma aspet­to an­cor più in­no­va­ti­vo del­la piat­ta­for­ma S.I. 2.0 è la pos­si­bi­li­tà con­cre­ta of­fer­ta al con­su­ma­to­re di ve­ri­fi­ca­re di­ret­ta­men­te la ca­te­na pro­dut­to­re-di­stri­bu­to­re-con­su­ma­to­re con stru­men­ti in­for­ma­ti­ci di uso co­mu­ne. In par­ti­co­la­re, la co­per­tu­ra an­ti­fro­de e an­ti­con­traf­fa­zio­ne è da­ta da uno stru­men­to si­cu­ro ed esclu­si­vo: un'eti­chet­ta che vie­ne ap­pli­ca­ta co­me un ade­si­vo sul­la con­fe­zio­ne del pro­dot­to e che è co­sti­tui­ta da un ma­te­ria­le spe­cia­le che ne im­pe­di­sce la riproduzione e la ri­mo­zio­ne. Su ta­le eti­chet­ta è pre­sen­te un Da­ta­ma­trix - un co­di­ce stan­dard or­mai dif­fu­so in mol­te ap­pli­ca­zio­ni – che può es­se­re uti­liz­za­to da un qual­sia­si tool di let­tu­ra di­spo­ni­bi­le gra­tui­ta­men­te per smart­pho­ne, o da una webcam. Una vol­ta let­to, que­sto co­di­ce per­met­te di vi­sua­liz­za­re la “sto­ria” in ter­mi­ni di trac­cia­bi­li­tà del pro­dot­to. È pre­sen­te an­che una dop­pia strin­ga nu­me­ri­ca di 14+14 ca­rat­te­ri che con­sen­te di re­pe­ri­re, tra­mi­te l'ap­po­si­ta fun­zio­na­li­tà mes­sa a di­spo­si­zio­ne dai ca­na­li di con­sul­ta­zio­ne del­la piat­ta­for­ma, gli stes­si da­ti for­ni­ti tra­mi­te il Da­ta­ma­trix. Non esi­sto­no due eti­chet­te ugua­li, ov­ve­ro la pro­du­zio­ne, di fat­to, è mil­le­si­ma­ta. La piat­ta­for­ma S.I. 2.0, si ba­di be­ne, ga­ran­ti­sce l'au­ten­ti­ca­zio­ne dell'ori­gi­ne di un pro­dot­to pro­ve­nien­te da fi­lie­re pro­dut­ti­ve non so­lo ali­men­ta­ri, ma an­che ar­ti­gia­na­li, in­du­stria­li, ad al­to va­lo­re ag­giun­to e ar­ti­sti­che. Re­cen­te­men­te S.I. 2.0 Ita­lia – la so­cie­tà de­ten­tri­ce dell'ap­pli­ca­ti­vo - ha sot­to­scrit­to con Con­fim­pre­se Nord Ove­st un ac­cor­do di col­la­bo­ra­zio­ne per uti­liz­za­re S.I. 2.0 nei fu­tu­ri 22 Par­chi di Ec­cel­len­ze ita­lia­ne co­me stru­men­to per cer­ti­fi­ca­re l'ori­gi­ne di tut­ti i pro­dot­ti ven­du­ti all'in­ter­no di es­si. Il Si­gil­lo In­for­ma­ti­co è ri­chie­sto per ga­ran­ti­re l'ac­qui­ren­te ci­ne­se dal­la con­traf­fa­zio­ne e dal fal­so Ma­de in Ita­ly. Il pri­mo di que­sti Par­chi al­le­sti­to ad Hang­z­hou, con 87.000 mq di su­per­fi­ce com­mer­cia­le e 100.000 vi­si­ta­to­ri pre­vi­sti al gior­no, sa­rà inau­gu­ra­to il pros­si­mo 18 di­cem­bre. Non c'è dub­bio che un si­ste­ma in­no­va­ti­vo co­me S.I. 2.0 po­treb­be rap­pre­sen­ta­re l'ef­fi­ca­ce stru­men­to per tu­te­la­re sia il con­su­ma­to­re nel suo ac­qui­sto si­cu­ro, tra­spa­ren­te e ga­ran­ti­to, sia le fi­lie­re pro­dut­ti­ve ita­lia­ne di qua­li­tà che di con­se­guen­za po­tran­no “con­qui­sta­re” con la lo­ro af­fi­da­bi­li­tà i mer­ca­ti este­ri emer­gen­ti.

Tut­te le in­for­ma­zio­ni, com­pre­se le im­pre­se ade­ren­ti e i Pro­get­ti all'at­ti­vo, so­no re­pe­ri­bi­li sul si­to www.si­gil­lo.in­fo.

La piat­ta­for­ma S.I. 2.0 ga­ran­ti­sce l'au­ten­ti­ca­zio­ne dell'ori­gi­ne di un pro­dot­to pro­ve­nien­te da fi­lie­re pro­dut­ti­ve non so­lo ali­men­ta­ri, ma an­che ar­ti­gia­na­li, in­du­stria­li, ad al­to va­lo­re ag­giun­to e ar­ti­sti­che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.