La cul­tu­ra del do­no

Per la pre­si­den­te del­la Fon­da­zio­ne Co­mu­ni­tà Sa­ler­ni­ta­na, An­to­nia Au­tuo­ri, ogni in­di­vi­duo può con­tri­bui­re al­la de­ter­mi­na­zio­ne del be­ne co­mu­ne e mi­glio­ra­re la qua­li­tà del­la vi­ta nel pro­prio ter­ri­to­rio

Costozero - - Sommario - Di R. Ve­ne­ran­do, intervista a A. Au­tuo­ri

Pre­si­den­te Au­tuo­ri, qua­li te­mi ri­guar­da­no i pia­ni d'azio­ne del­la Fon­da­zio­ne Co­mu­ni­tà Sa­ler­ni­ta­na? Il no­stro pia­no di azio­ne è pre­sto det­to: la rea­liz­za­zio­ne del­la no­stra mis­sio­ne, che è poi la mis­sio­ne di tut­te le Fon­da­zio­ni di Co­mu­ni­tà: pro­muo­ve­re il do­no fi­na­liz­za­to al­la ri­cer­ca del be­ne col­let­ti­vo, ren­den­do par­te­ci­pi tut­ti i cit­ta­di­ni dei bi­so­gni del­la co­mu­ni­tà. Chiun­que può con­tri­bui­re. Do­nan­do al­la co­mu­ni­tà at­tra­ver­so la Fon­da­zio­ne si può in­ter­ve­ni­re con­cre­ta­men­te sul ter­ri­to­rio so­ste­nen­do pro­get­ti e ini­zia­ti­ve di uti­li­tà so­cia­le. La Fon­da­zio­ne non è una al­ter­na­ti­va al­le or­ga­niz­za­zio­ni che ope­ra­no sul no­stro ter­ri­to­rio, ma è lo stru­men­to che as­so­cia­zio­ni, en­ti e cit­ta­di­ni pos­so­no uti­liz­za­re per ve­de­re con­cre­tiz­za­to il pro­prio so­gno, rea­liz­za­to il pro­prio pro­get­to, sod­di­sfat­to un bi­so­gno, sem­pre in ma­nie­ra con­di­vi­sa. La Fon­da­zio­ne è an­che il luo­go in cui vo­glia­mo spe­ri­men­ta­re la re­spon­sa­bi­li­tà. Sen­za re­spon­sa­bi­li­tà una co­mu­ni­tà non può de­fi­nir­si ta­le. Sen­za re­spon­sa­bi­li­tà non può esi­ste­re il sen­so del­la so­li­da­rie­tà e dif­fi­cil­men­te emer­go­no com­por­ta­men­ti giu­sti, coe­si e so­li­da­li. È dal­la re­spon­sa­bi­li­tà che na­sce il sen­so dell'im­pe­gno ci­vi­co den­tro di noi, quell'im­pe­gno che ci in­du­ce a con­si­de­ra­re il do­no co­me mo­men­to per la de­ter­mi­na­zio­ne del be­ne co­mu­ne e co­me stru­men­to per il mi­glio­ra­men­to del­la qua­li­tà del­la vi­ta nel­la no­stra pro­vin­cia. Ma la Fon­da­zio­ne di Co­mu­ni­tà è an­che uno stru­men­to di fi­lan­tro­pia in­no­va­ti­vo in quan­to pre­ve­de la co­sti­tu­zio­ne di fon­di pa­tri­mo­nia­li. Il do­na­to­re può de­ci­de­re il no­me del fon­do e le sue fi­na­li­tà, il set­to­re di in­ter­ven­to ed even­tual­men­te an­che uno spe­ci­fi­co ter­ri­to­rio su cui in­ci­de­re. In pra­ti­ca una pic­co­la fon­da­zio­ne nel­la fon­da­zio­ne.

Qua­li i pro­get­ti at­tual­men­te in es­se­re e quel­li fu­tu­ri?

In que­sti an­ni so­no sta­ti so­ste­nu­ti nu­me­ro­si pro­get­ti di uti­li­tà so­cia­le pro­mos­si da or­ga­niz­za­zio­ni ed en­ti di ter­zo set­to­re del ter­ri­to­rio. So­no sta­ti ac­qui­sta­ti de­fi­bril­la­to­ri nel ter­ri­to­rio del Ci­len­to, pro­mos­si pro­get­ti di sup­por­to sco­la­sti­co nel­la Val­le dell'Ir­no, ac­qui­sta­ti pul­mi­ni nell'Agro No­ce­ri­no-Sar­ne­se, re­stau­ra­ti i bu­sti ar­gen­tei del Duo­mo di Salerno e nu­me­ro­se al­tre ini­zia­ti­ve, do­na­te at­trez­za­tu­re per au­men­ta­re la so­ste­ni­bi­li­tà di as­so­cia­zio­ni e coo­pe­ra­ti­ve so­cia­li (im­pian­tan­do la­bo­ra­to­ri di sar­to­ria e di ce­ra­mi­ca,

La Fon­da­zio­ne di Co­mu­ni­tà è an­che uno stru­men­to di fi­lan­tro­pia in­no­va­ti­vo in quan­to pre­ve­de la co­sti­tu­zio­ne di fon­di pa­tri­mo­nia­li. Il do­na­to­re può de­ci­de­re il no­me del fon­do e le sue fi­na­li­tà, il set­to­re di in­ter­ven­to ed even­tual­men­te an­che uno spe­ci­fi­co ter­ri­to­rio su cui in­ci­de­re. In pra­ti­ca una pic­co­la fon­da­zio­ne nel­la fon­da­zio­ne

in­stal­lan­do pol­lai e av­vian­do api­col­tu­re). Que­sto è sta­to re­so pos­si­bi­le gra­zie all'im­pe­gno di nu­me­ro­si do­na­to­ri che han­no per­mes­so di con­cre­tiz­za­re una im­por­tan­te at­ti­vi­tà di ero­ga­zio­ne. Tut­te le ini­zia­ti­ve te­sti­mo­nia­no la ca­pa­ci­tà del­la Fon­da­zio­ne di fa­re re­te svi­lup­pan­do una mag­gio­re con­sa­pe­vo­lez­za dei bi­so­gni del ter­ri­to­rio che ci ha con­sen­ti­to e spe­ria­mo ci con­sen­ti­rà in fu­tu­ro di af­fron­ta­re si­tua­zio­ni sem­pre più com­ples­se e im­pe­gna­ti­ve. Tra que­ste ini­zia­ti­ve ce n'è una in par­ti­co­la­re che rap­pre­sen­ta, per lo sfor­zo e l'im­pe­gno pro­fu­so, l'ele­men­to che met­te in lu­ce la straor­di­na­ria ca­pa­ci­tà di fa­re squa­dra, co­mu­ni­tà: la rea­liz­za­zio­ne del Cen­tro Diur­no e Re­si­den­zia­le “Una Spe­ran­za” de­di­ca­to al­le per­so­ne non au­to­suf­fi­cien­ti del Val­lo di Dia­no, che af­fian­ca al­la strut­tu­ra re­si­den­zia­le e ria­bi­li­ta­ti­va an­che la­bo­ra­to­ri e un oli­ve­to per ren­de­re lo­ro pos­si­bi­le una con­cre­ta par­te­ci­pa­zio­ne al­la vi­ta at­ti­va. Un pro­get­to - che rac­chiu­de in sé il ve­ro spi­ri­to che con­trad­di­stin­gue l'ope­ra­to di una Fon­da­zio­ne di Co­mu­ni­tà - per­ché le don­ne e gli uo­mi­ni di quel ter­ri­to­rio che han­no re­so fi­nal­men­te pos­si­bi­le la rea­liz­za­zio­ne di que­sta im­por­tan­te ope­ra han­no di­mo­stra­to che quan­do si agi­sce co­me una ve­ra co­mu­ni­tà i ri­sul­ta­ti ar­ri­va­no. La Fon­da­zio­ne, pe­rò, non tra­la­scia la ri­cer­ca. Si sta svi­lup­pan­do in­fat­ti un in­te­res­san­tis­si­mo pro­get­to, “Far­ma­gour­met”, fi­nan­zia­to dal fon­do del­la BCC di Fi­scia­no che co­niu­ga il be­nes­se­re fi­si­co ai pro­dot­ti del no­stro ter­ri­to­rio. Per l'ini­zio del 2016 sa­rà pub­bli­ca­ta la ri­cer­ca ot­te­nu­ta dall'ana­li­si di un cam­pio­ne di po­po­la­zio­ne. La mia per­so­na­le spe­ran­za, ma an­che tut­to il mio im­pe­gno e l'im­pe­gno del con­si­glio che mi ac­com­pa­gna, è che la Fon­da­zio­ne, gra­zie al­le sol­le­ci­ta­zio­ni di nuo­vi pro­get­ti che ven­go­no dal ter­ri­to­rio, rie­sca a co­mu­ni­ca­re il mes­sag­gio che ognu­no di noi può sen­tir­si par­te­ci­pe di una nuo­va co­mu­ni­tà. Ci pia­ce­reb­be es­se­re l'in­ter­lo­cu­to­re di chiun­que ab­bia una pro­po­sta per mi­glio­ra­re la pro­pria co­mu­ni­tà o che si fac­cia por­ta­to­re di bi­so­gni. Per rea­liz­za­re tut­to que­sto ab­bia­mo bi­so­gno che l'idea del do­no, non so­lo in ter­mi­ni di de­na­ro ma an­che di com­pe­ten­ze, re­la­zio­ni e ri­sor­se, si dif­fon­da il più pos­si­bi­le. È in que­sto mo­do che la no­stra Fon­da­zio­ne può ren­de­re con­cre­ta l'idea di nuo­vo wel­fa­re di co­mu­ni­tà.

Lei è una don­na di “as­so­cia­zio­ne”. Da sem­pre. Che va­lo­re dà all'as­so­cia­zio­ni­smo? Cre­de sia pos­si­bi­le co­niu­ga­re insieme tu­te­la di in­te­res­si col­let­ti­vi con ra­gio­ni eti­che?

È ve­ro so­no una don­na di as­so­cia­zio­ne. Per me la­vo­ra­re in si­ner­gia e con­di­vi­de­re le espe­rienz,e con­fron­tar­si e pro­va­re a ve­de­re le co­se da pun­ti di vi­sta di­ver­si so­no fat­to­ri im­por­tan­tis­si­mi che spes­so so­lo tra­mi­te la par­te­ci­pa­zio­ne at­ti­va al­la vi­ta as­so­cia­ti­va, lo sta­re insieme, si rie­sco­no a con­cre­tiz­za­re. Per me par­te­ci­pa­re al­la vi­ta as­so­cia­ti­va di Con­fin­du­stria, pri­ma con il Grup­po Gio­va­ni, poi col­la­bo­ran­do con il Co­mi­ta­to Fem­mi­ni­le Plu­ra­le e par­te­ci­pan­do al­la Giun­ta, ha si­gni­fi­ca­to do­po più di un de­cen­nio di as­sen­za da Salerno ri­pren­de­re i con­tat­ti con la mia cit­tà, la sua real­tà pro­dut­ti­va e non so­lo. Par­te­ci­po an­che ad al­tre as­so­cia­zio­ni, per esem­pio “I Cen­te­na­ri”, l'as­so­cia­zio­ne del­le azien­de fa­mi­lia­ri sto­ri­che cam­pa­ne, e an­che que­sta espe­rien­za mi ha per­mes­so di ap­pro­fon­di­re te­ma­ti­che e co­no­sce­re per­so­ne che al­tri­men­ti non avrei avu­to mo­do di in­con­tra­re e che han­no si­gni­fi­ca­to mol­to per me. L'as­so­cia­zio­ne cui pe­rò for­se so­no più le­ga­ta è la Stel­la Ma­ris, che è una as­so­cia­zio­ne di vo­lon­ta­ria­to che dà as­si­sten­za ai ma­rit­ti­mi che tran­si­ta­no dal no­stro por­to. Ed è dan­do una ma­no a al­le per­so­ne in difficoltà che ho ca­pi­to che aiu­ta­re chi ha bi­so­gno ser­ve so­prat­tut­to a noi stes­si, per sen­tir­ci in qual­che mo­do uti­li, sen­za con­di­zio­na­men­ti o ob­bli­ghi. Nel­le as­so­cia­zio­ni ve­re la tu­te­la dell'in­te­res­se col­let­ti­vo non può pre­scin­de­re da una con­sa­pe­vo­le e ap­pro­fon­di­ta ana­li­si del con­te­sto e da una va­lu­ta­zio­ne at­ten­ta del­le pro­spet­ti­ve; e pro­prio per que­sto la par­te­ci­pa­zio­ne al­la vi­ta as­so­cia­ti­va di­ven­ta di per sé un va­lo­re, in un mon­do che spin­ge ver­so va­lu­ta­zio­ni egoi­sti­che ed ego­cen­tri­che in tan­tis­si­mi set­to­ri.

An­to­nia Au­tuo­ri pre­si­den­te Fon­da­zio­ne Co­mu­ni­tà Sa­ler­ni­ta­na

www.fon­da­zio­ne­co­mu­ni­ta­sa­ler­ni­ta­na.it

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.