Pier Pao­lo Pa­so­li­ni, a qua­rant'an­ni dal­la sua scom­par­sa

Costozero - - Numero 6 / Novembre Dicembre 2015 - Di A. Amen­do­la

Scrit­to­re, re­gi­sta, poe­ta ma an­che atle­ta – ala de­stra – e ti­fo­so di cal­cio, del suo Bo­lo­gna: un omag­gio in­so­li­to e fuo­ri cam­po a un gran­de in­di­men­ti­ca­to del No­ve­cen­to ita­lia­no

Pier Pao­lo Pa­so­li­ni a qua­rant'an­ni dal­la sua scom­par­sa. Si è scrit­to tan­to su­gli ul­ti­mi gior­ni del­lo scrit­to­re e re­gi­sta friu­la­no. Il film di Abel Fer­ra­ra, ad esem­pio, in­da­ga nel pro­fon­do i gior­ni che pre­ce­do­no la fi­ne del gran­de poe­ta, in­si­sten­do sul tes­su­to bio­gra­fi­co, sul­la geo­gra­fia de­gli in­con­tri, sui dia­lo­ghi ami­ca­li e ma­ter­ni. Sen­za tra­la­scia­re una con­ti­nua ri­fles­sio­ne ver­so le sue pro­du­zio­ni ri­ma­ste in­com­piu­te e da­ta­te 1975: il “Teo­por­no­ko­los­sal” con Eduar­do De Fi­lip­po, il ro­man­zo atro­ce­men­te “po­li­ti­co” di “Pe­tro­lio” e il suo film di la­ce­ran­te bel­lez­za “Sa­lò o le 120 giornate di So­do­ma”. E pro­prio de­di­ca­to a que­st'ul­ti­ma ope­ra (vio­len­ta, “in­guar­da­bi­le”, estre­ma e al con­tem­po “ne­ces­sa­ria”) è sta­to l'omag­gio che mol­te cit­tà han­no vo­lu­to pro­por­re il 2 no­vem­bre (da­ta nel­la qua­le nel 1975 ve­ni­va tru­ci­da­to sul li­to­ra­le di Ostia Pier Pao­lo Pa­so­li­ni). Ri­ve­de­re in sa­la e in con­di­vi­sio­ne col­let­ti­va la pel­li­co­la re­stau­ra­ta e in­te­gra­le di “Sa­lò o le 120 giornate di So­do­ma” - gra­zie al­la Ci­ne­te­ca di Bo­lo­gna e da CSC Ci­ne­te­ca Na­zio­na­le, in col­la­bo­ra­zio­ne con Al­ber­to Gri­mal­di - è sta­to un po­ten­te choc che an­co­ra una vol­ta ha ri­do­na­to la gran­dez­za di un ama­to/odia­to Pa­so­li­ni. “Sa­lò” è un po­ten­te “tra­di­men­to” del la­vo­ro let­te­ra­rio iper­bo­li­co e ra­zio­na­li­sta del Mar­che­se de Sa­de “tra­dot­to” in pa­ro­dia, sber­lef­fo e pro­vo­ca­to­ria al­le­go­ria (la Repubblica So­cia­le è un pre­te­sto per nar­ra­re la bru­ta­li­tà as­so­lu­ta del po­te­re, di ogni po­te­re). L'ul­ti­mo film di Pa­so­li­ni è un con­ti­nuo as­sal­to all'in­no­cen­za del­lo sguar­do del­lo spet­ta­to­re. Un film - na­to dal­le let­tu­re di ma­gi­stra­li fran­ce­si qua­li La­can, Bar­thes, Blan­chot, De­leu­ze, Klos­so­w­ki e in­di­ret­ta­men­te Fou­cault - è un ve­ro e pro­prio pre­ci­pi­zio che non am­met­te pie­tà o re­den­zio­ne. La de­pra­va­zio­ne, il sa­di­smo la vio­len­za rei­te­ra­ta, la mor­ti­fi­ca­zio­ne dei cor­pi so­no di un rit­mo cre­scen­te e sem­pre più mas­sa­cra­te. La per­ver­sio­ne del po­te­re è un'in­quie­tan­te pro­spet­ti­va che Pier Pao­lo Pa­so­li­ni la­scia ai po­ste­ri. Ma c'è un al­tro ca­pi­to­lo che ri­guar­da la rea­liz­za­zio­ne di que­sto film. E che non toc­ca i ca­no­ni este­ti­ci o quel­li stret­ta­men­te pro­dut­ti­vi o nar­ra­to­lo­gi­ci. Un ca­pi­to­lo che av­vi­ci­na il vis­su­to e il pri­va­to emo­zio­na­le di Pier Pao­lo Pa­so­li­ni. Os­sia il suo amo­re per il cal­cio. Il 16 mar­zo del 1975 due équi­pe ci­ne­ma­to­gra­fi­che si sfidano in un'ori­gi­na­lis­si­ma par­ti­ta di cal­cio. Scen­do­no in cam­po due squa­dre che nel­lo stes­so pe­rio­do stan­no rea­liz­zan­do due film epo­ca­li. Da un la­to “No­ve­cen­to” (ca­pi­ta­no in pan­chi­na Ber­nar­do Ber­to­luc­ci) e, ap­pun­to, “Sa­lò o le cen­to­ven­ti giornate di So­do­ma” (ca­pi­ta­no e gio­ca­to­re Pier Pao­lo Pa­so­li­ni). La squa­dra di Ber­to­luc­ci vin­ce. Pa­so­li­ni, rab­bio­so, la­scia il cam­po… Una pic­co­la pa­ren­te­si per ri­cor­da­re in mo­do di­ver­so Pier Pao­lo Pa­so­li­ni. Ma si ba­di per lui il cal­cio non era un aspet­to se­con­da­rio. An­zi, il cal­cio era at­to vi­ta­le… sia co­me atle­ta (ala de­stra il cui so­pran­no­me era “stu­kas”) e sia co­me ti­fo­so (la sua Bo­lo­gna). Sen­za di­men­ti­ca­re che Pa­so­li­ni iden­ti­fi­ca­va il cal­cio co­me un ve­ro e pro­prio “lin­guag­gio”. Il cal­cio co­me spa­zio se­gni­co abi­ta­to da pro­sa­to­ri e poe­ti (Maz­zo­la e Ri­ve­ra, su tut­ti). Ol­tre ad es­se­re ul­ti­ma, straor­di­na­ria “rap­pre­sen­ta­zio­ne sa­cra del no­stro tem­po”. A da­re for­za so­stan­zia­le al­la no­stra ri­fles­sio­ne una di­chia­ra­zio­ne del­lo stes­so Pa­so­li­ni. In una lun­ga intervista sul­la “Stam­pa” ri­la­scia­ta ad En­zo Bia­gi al­la do­man­da “Sen­za ci­ne­ma, sen­za scri­ve­re, che co­sa le sa­reb­be pia­ciu­to di­ven­ta­re?” la ri­spo­sta è chia­ra e im­me­dia­ta “Un bra­vo cal­cia­to­re. Do­po la let­te­ra­tu­ra e l'eros, per me il foot­ball è uno dei gran­di pia­ce­ri”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.