La Cer­to­sa di San Lo­ren­zo a Pa­du­la, ne­ces­sa­ri re­stau­ri per mi­glio­rar­ne la frui­zio­ne

Il MiBACT ha i nse­ri­to il si­to mo­nu­men­ta­le fra gli inter ven­ti fi­nan­zia­ti con il PON Cul­tu­ra e Svi­lup­po. Pro­get­ta­to dal­la So­prin­ten­den­za e pa­tro­ci­na­to dal Po­lo Mu­sea­le Re­gio­na­le del­la Cam­pa­nia, il re­stau­ro con­tri­bui­rà a raf­for­za­re il ruo­lo dell’ab­ba­zia ne

Costozero - - Sommario - Di G. Vil­la­ni

La Cer­to­sa di San Lo­ren­zo in Pa­du­la è da tut­ti ri­co­no­sciu­ta co­me il mo­nu­men­to più rap­pre­sen­ta­ti­vo del­la pro­vin­cia di Sa­ler­no. Il si­to fa og­gi par­te del Po­lo Mu­sea­le Re­gio­na­le del­la Cam­pa­nia. Nel 1982 fu af­fi­da­to al­la So­prin­ten­den­za per i B.A.A.A.S. di SA e AV e, gra­zie agli in­ter­ven­ti di re­stau­ro e con­ser­va­zio­ne con­dot­ti ne­gli an­ni, è di­ve­nu­to uno dei siti mag­gior­men­te at­trat­ti­vi del­la Cam­pa­nia. Dal 1998 è iscrit­ta nel­la Li­sta del Pa­tri­mo­nio Mon­dia­le dell’Uma­ni­tà dell’UNESCO. Gli ul­ti­mi in­ter­ven­ti di re­stau­ro ri­sal­go­no ad al­cu­ni de­cen­ni fa, per cui al mo­men­to la Cer­to­sa pre­sen­ta al­cu­ne cri­ti­ci­tà, pri­ma fra tut­te la cat­ti­va te­nu­ta dei tet­ti e del­la tra­bea­zio­ne la­pi­dea del Chio­stro

Gran­de con va­ri epi­so­di di espul­sio­ne di fram­men­ti la­pi­dei. Ciò ha ri­chie­sto il tran­sen­na­men­to del­lo stes­so Chio­stro Gran­de che, quin­di, è sta­to li­mi­ta­to nel­la frui­zio­ne. Dai ri­lie­vi ef­fet­tua­ti in lo­co si ri­tie­ne op­por­tu­no pro­ce­de­re al re­stau­ro del­lo Sca­lo­ne Mo­nu­men­ta­le in quan- to lo stes­so pre­sen­ta dan­ni do­vu­ti al­la fre­quen­ta­zio­ne di vo­la­ti­li i cui escre­men­ti pro­vo­ca­no se­ri dan­ni ai ma­te­ria­li la­pi­dei. Ol­tre al re­stau­ro del pa­vi­men­to del co­ro del­la Chie­sa e del­la pa­vi­men­ta­zio­ne in bat­tu­to del­la sa­gre­stia, si ri­tie­ne ne­ces­sa­rio il re­stau­ro de­gli in­fis­si li­gnei del­la fac­cia­ta prin­ci­pa­le e l'ade­gua­men­to de­gli im­pian­ti di si­cu­rez­za in tut­to il complesso mo­nu­men­ta­le. Al fi­ne di in­cre­men­ta­re gli spa­zi frui­bi­li, è fon­da­men­ta­le, inol­tre, ri­pri­sti­na­re il per­cor­so in­gres­so - an­ti­can­ti­na - can­ti­na - cu­ci­na. No­no­stan­te gli alti li­vel­li di fre­quen­ta­zio­ne ri­le­va­ti ne­gli ul­ti­mi an­ni, la Cer­to­sa di San Lo­ren­zo pre­sen­ta pro­ble­mi re­la­ti­vi al­la sua com­ple­ta frui­zio­ne. Ciò è de­ter­mi­na­to dal­la con­ti­nua ri­du­zio­ne de­gli ad­det­ti al­la vi­gi­lan­za e all'as­sen­za nel complesso mo­nu­men­ta­le di at­ti­vi­tà te­se al mi­glio­ra­men­to del­la frui­zio­ne, co­me ad esem­pio la pre­sen­za di au­le di­dat­ti­che mul­ti­me­dia­li, o di spa­zi de­sti­na­ti all'in­fan­zia, che pos­so­no con­tri­bui­re a mi­glio­ra­re la co­no­scen­za del si­to da par­te non so­lo dei vi­si­ta­to­ri, ma an­che dei na­vi­ga­to­ri in in­ter­net (por­ta­le web, pre­di­spo­si­zio­ne di fi­le mul­ti­me­dia­li, ecc.). Per ade­gua­re il mo­nu­men­to agli stan­dard di frui­zio­ne è pre­vi­sto il com­ple­ta­men­to del pia­no per il su­pe­ra­men­to del­le bar­rie­re ar­chi­tet­to­ni­che che, al mo­men­to, non è as­si­cu­ra­to in tut­ti gli spa­zi del­la Cer­to­sa. Le cri­ti­ci­tà fin qui evi­den­zia­te, se col­ma­te, pos­so­no con­tri­bui­re al mi­glio­ra­men­to de­gli stan­dard di frui­zio­ne del­la Cer­to­sa di San Lo­ren­zo in Pa­du­la in ter­mi­ni cul­tu­ra­li e di in­cre­men­to del nu­me­ro di vi­si­ta­to­ri. Per ta­le mo­ti­vo il MiBACT ha in­se­ri­to la Cer­to­sa di San Lo­ren­zo fra gli in­ter­ven­ti fi­nan­zia­ti con il PON Cul­tu­ra e Svi­lup­po. L'in­ter­ven­to, pro­get­ta­to dal­la So­prin­ten­den­za e pa­tro­ci­na­to dal Po­lo Mu­sea­le Re­gio­na­le del­la Cam­pa­nia, con­tri­bui­rà a raf­for­za­re il ruo­lo del­la Cer­to­sa di San Lo­ren­zo nel pa­no­ra­ma cul­tu­ra­le del Val­lo di Dia­no co­sì co­me era ai tem­pi del suo mas­si­mo splen­do­re. Fra gli spa­zi pre­clu­si al­la frui­zio-

ne vi è la pas­seg­gia­ta co­per­ta dei mo­na­ci nel­la qua­le so­no, al­lo sta­to, al­le­sti­te due espo­si­zio­ni di un cer­to ri­lie­vo qua­li La Cer­to­sa Ri­tro­va­ta (espo­si­zio­ne di be­ni ed ele­men­ti af­fe­ren­ti mo­men­ti di­ver­si del­la vi­ta nel­la Cer­to­sa) e Dov’è la Pa­tria

No­stra (che trat­ta l'ar­go­men­to del­la Cer­to­sa di Pa­du­la uti­liz­za­ta du­ran­te la Gran­de Guer­ra co­me cam­po di pri­gio­nia del­la c.d. Le­gio­ne Ce

co­slo­vac­ca). Al­tri spa­zi no­te­vo­li da met­te­re senz'al­tro in frui­zio­ne so­no le cel­le dei mo­na­ci; que­ste già dal 2002-2003 so­no sta­te al­le­sti­te con in­stal­la­zio­ni di ar­ti­sti con­tem­po­ra­nei. Il pro­get­to re­dat­to nell'am­bi­to del PON Cul­tu­ra e Svi­lup­po pre­ve­de an­che at­ti­vi­tà legate al­la iscri­zio­ne nel­la Li­sta del Pa­tri­mo­nio

Mon­dia­le dell’Uma­ni­tà sem­pre che si rie­sca a in­te­ra­gi­re con al­tri siti e ad at­ti­va­re pro­ces­si di­na­mi­ci di va­lo­riz­za­zio­ne di que­gli ele­men­ti che fu­ro­no al­la ba­se del ri­co­no­sci­men­to dell'Eccezionale Va­lo­re

Uni­ver­sa­le del si­to. É im­por­tan­te non tra­scu­ra­re ciò che si sta rea­liz­zan­do at­tual­men­te con al­tre fon­ti fi­nan­zia­rie e che ten­de al­la rea­liz­za­zio­ne, fra l'al­tro, di una sor­ta di “ve­tri­na del ter­ri­to­rio” nel­la qua­le sa­rà pos­si­bi­le ave­re un qua­dro com­ple­to dell'in­te­ro ter­ri­to­rio di ri­fe­ri­men­to del­la Cer­to­sa di Pa­du­la al fi­ne di ri-co­strui­re un mo­del­lo di svi­lup­po so­ste­ni­bi­le co­sì co­me era nei mo­men­ti di mas­si­mo splen­do­re del­la Cer­to­sa, quan­do cioè l'in­te­ro ter­ri­to­rio di Pa­du­la vi­ve­va in stret­ta re­la­zio­ne con l'in­se­dia­men­to re­li­gio­so. A quei tem­pi tut­ta l'at­ti­vi­tà del Val­lo di Dia­no era re­la­zio­na­ta al­la pre­sen­za dei Cer­to­si­ni (sar­ti, cal­zo­lai, cuo­chi, lat­tai, con­ta­di­ni, ecc. tut­ti ope­ra­va­no in un am­bi­to le­ga­to al­la lo­ro pre­sen­za). Quan­to fin qui espo­sto di­mo­stra che stu­dia­re o in­ter­ve­ni­re su un mo­nu­men­to por­ta sem­pre nuo­ve co­no­scen­ze del­la sua sto­ria; per que­sto mo­ti­vo la So­prin­ten­den­za aveva ac­col­to di buon gra­do l'in­ter­ven­to pro­po­sto qual­che an­no fa dal Co­mu­ne di Pa­du­la e te­so al re­cu­pe­ro del Via­le di San Bru­no­ne e al re­cu­pe­ro dell'an­ti­co pia­no di cam­pa­gna cir­co­stan­te il mo­nu- men­to pri­ma del­le al­lu­vio­ni che nel tem­po, ne han­no mo­di­fi­ca­to le quo­te. L'in­ter­ven­to ha avu­to una va­len­za so­prat­tut­to ar­cheo­lo­gi­ca at­te­so che, sia lun­go il via­le di San Bru­no­ne sia nel­la zo­na an­ti­stan­te l'in­gres­so, gli sca­vi ar­cheo­lo­gi­ci han­no mes­so in lu­ce, ol­tre che al­cu­ne strut­tu­re edi­li­zie pre­sen­ti lun­go il via­le di San Bru­no­ne, an­che l'an­ti­co pon­te la­pi­deo che su­pe­ra­va il tor­ren­te si­tua­to a po­che de­ci­ne di me­tri dall'in­gres­so del­la Cer­to­sa. Il re­cu­pe­ro del trac­cia­to ren­de leg­gi­bi­li an­che i “ten­ta­ti­vi” dei mo­na­ci di pre­ser­va­re l'in­gres­so del mo­nu­men­to dal­le eson­da­zio­ni del cor­so d'ac­qua. L'elen­co de­gli in­ter­ven­ti qui ri­cor­da­ti tro­ve­rà spazio in un pia­no di va­lo­riz­za­zio­ne del mo­nu­men­to vi­sto nel­la sua in­te­rez­za (con­si­de­ra­to che il mo­nu­men­to, ol­tre che di pro­prie­tà sta­ta­le, è an­che pro­prie­tà del Co­mu­ne di Pa­du­la) che com­por­te­rà un ul­te­rio­re mi­glio­ra­men­to dei rap­por­ti isti­tu­zio­na­li fra gli or­ga­ni pe­ri­fe­ri­ci del MiBACT e lo stes­so Co­mu­ne di Pa­du­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.