Tu­ri­smo e ter­ri­to­rio, bi­no­mio per­fet­to che si tin­ge di ro­sa

Il va­lo­re del­le don­ne si esal­ta i n spe­cial mo­do in que­sto am­bi­to in cui l’ap­por to qua­li­ta­ti­vo è par ti­co­lar­men­te im­por tan­te. L’ac­co­glien­za per ec­cel­len­za, in fon­do, è fem­mi­ni­le

Costozero - - Sommario - Di E. De­si­mo­ne

Do­na­re at­ten­zio­ne, crea­re un con­tat­to, ge­ne­ra­re una re­la­zio­ne e fi­de­liz­za­re il clien­te, que­sto vuol di­re fa­re ac­co­glien­za! Chi de­di­ca la pro­pria vi­ta all'ospi­ta­li­tà si ri­ve­de in ognu­na di que­ste azio­ni che di­ven­ta­no par­te in­te­gran­te del pro­prio quo­ti­dia­no, un mo­do per af­fer­ma­re la pro­pria uni­ci­tà e, al con­tem­po, prin­ci­pi es­sen­zia­li per pro­muo­ve­re, svi­lup­pa­re e va­lo­riz­za­re il ter­ri­to­rio. Il fattore uma­no di­ven­ta il pun­to di par­ten­za dell'espe­rien­za tu­ri­sti­ca e la chia­ve di svol­ta per da­re un sapore di­ver­so a quel­la che og­gi non è più una sem­pli­ce va­can­za, ma è di­ven­ta­ta un mo­men­to di cre­sci­ta per­so­na­le. Nel cor­so del viag­gio - di­ve­nu­to sem­pre più sen­so­ria­le - il ter­ri­to­rio lo si toc­ca con ma­no, ri­sco­pren­do sa­po­ri au­ten­ti­ci, con­di­vi­den­do espe­rien­ze e re­la­zio­ni. É per­tan­to im­por­tan­te nel com­par­to tu­ri­sti­co smuo­ve­re gli ani­mi, per­cor­ren­do in­sie­me l'uni­ca stra­da pos­si­bi­le: quel­la del­la con­sa­pe­vo­lez­za. Ogni in­di­vi­duo, nel­la sua quo­ti­dia­ni­tà, de­ve di­ven­ta­re pro­ta­go­ni­sta di un cam­mi­no che por­ta al cam­bia­men­to e al­la ri­na­sci­ta di un ter­ri­to­rio. L'unio­ne di in­ten­ti de­ve es­se­re par­te in­te­gran­te di un per­cor­so con­di­vi­so che ve­de, al­lo stes­so ta­vo­lo di la­vo­ro, le am­mi­ni­stra­zio­ni lo­ca­li, gli ope­ra­to­ri del set­to­re, ma an­che tut­ti i cit­ta­di­ni che si espri­mo­no nell'ot­ti­ca del­le strategie con­di­vi­se, per raf­for­za­re il con­nu­bio tra tu­ri­smo e ter­ri­to­rio. So­lo co­sì è pos­si­bi­le guar­da­re al fu­tu­ro, svi­lup­pan­do azio­ni co­mu­ni di pro­mo­zio­ne e com­mer­cia­liz­za­zio­ne, sol­tan­to co­sì si può va­lo­riz­za­re l'of­fer­ta ren­den­do una de­sti­na­zio­ne ap­pe­ti­bi­le ad oc­chi no­ti e a quel­li dei nuo­vi mer­ca­ti emer­gen­ti. Que­ste con­si­de­ra­zio­ni so­no frut­to del­la mia quo­ti­dia­ni­tà di don­na, ma so­prat­tut­to di ad­det­ta ai la­vo­ri che si de­di­ca al con­fron­to e al­la con­di­vi­sio­ne di espe­rien­ze con gli al­tri ope­ra­to­ri del set­to­re, in cui emer­ge un co­mu­ne de­no­mi­na­to­re: il de­si­de­rio di fa­re e di fa­re be­ne. Mi pia­ce de­fi­ni­re que­sto per­cor­so co­me un viag­gio ad oc­chi aper­ti tra so­gno e real­tà, in cui l'im­pren­di­to­ria sem­pre di più si tin­ge di ro­sa, in cui si per­ce­pi­sce for­te la mar­cia in più di chi ci met­te il cuo­re, di chi con de­ter­mi­na­zio­ne guar­da ol­tre l'osta­co­lo e lo af­fron­ta ogni gior­no con grin­ta e pas­sio­ne, ma an­che con quel toc­co di lun­gi­mi­ran­za e sen­si­bi­li­tà che fa la dif­fe­ren­za. Ed ec­co che il va­lo­re del­le don­ne si esal­ta in par­ti­co­lar mo­do in que­sto set­to­re in cui l'ap­por­to qua­li­ta­ti­vo è mol­to sen­ti­to e in cui si pa­le­sa la ne­ces­si­tà di in­clu­de­re il con­tri­bu­to fem­mi­ni­le an­che nel­la pia­ni­fi­ca­zio­ne tu­ri­sti­ca. Do­po­tut­to l'ac­co­glien­za è una do­te che ap­par­tie­ne al no­stro universo, co­sì co­me l'at­ten­zio­ne ai det­ta­gli e le ca­pa­ci­tà di problem sol­ving. È tem­po al­lo­ra di in­tro­dur­re azio­ni con­cre­te che pos­sa­no mi­glio­ra­re il no­stro quo­ti­dia­no, fa­vo­ren­do la com­pa­ti­bi­li­tà tra la­vo­ro e fa­mi­glia, di­mi­nuen­do le di­su­gua­glian­ze, par­ten­do dal­la con­sa­pe­vo­lez­za sem­pre più dif­fu­sa che quel toc­co di ro­sa è ca­pa­ce di ge­ne­ra­re un gran­de va­lo­re ag­giun­to, quel­lo del cuo­re del­le don­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.