Cre­scen­zo, Ban­ca Sel­la: Per­chè ab­bia­mo scel­to Fe­lix

La star tup pre­mia­ta rap­pre­sen­ta un mo­do nuo­vo di for­ni­re al­le PMI del ter­ri­to­rio stru­men­ti di pa­ga­men­to e di cre­di­to pa­ral­le­li e com­ple­men­ta­ri a quel­li tra­di­zio­na­li

Costozero - - Sommario - In­ter­vi­sta a G. Cre­scen­zo

Co­sa spin­ge Ban­ca Sel­la a de­ci­de­re ve­lo­ce­men­te se so­ste­ne­re o me­no una idea di im­pre­sa? Co­me si può im­ma­gi­na­re la va­lu­ta­zio­ne di una startup è qual­co­sa di ab­ba­stan­za complesso so­prat­tut­to dal pun­to di vi­sta del cre­di­to or­di­na­rio. Ci vuo­le un mo­del­lo di bu­si­ness con­cre­to, in­no­va­ti­vo sì, ma non trop­po, per­ché se si è trop­po avan­ti, la mas­sa non riu­sci­rà a se­guir­ti e quin­di a ge­ne­ra­re uten­ti. Il team de­ve es­se­re ben strut­tu­ra­to, com­pe­ten­te e coe­so. Co­me Grup­po ban­ca­rio ab­bia­mo la for­tu­na di aver in­ve­sti­to già da an­ni in for­ma­zio­ne e strut­tu­re che ci ac­com­pa­gna­no nel re­clu­ta­men­to del­le mi­glio­ri startup e nel­la lo­ro va­lu­ta­zio­ne. In­fat­ti, gra­zie a SEL­LALAB, il no­stro ac­ce­le­ra­to­re di im­pre­sa, riu­scia­mo non so­lo a va­lu­ta­re il pro­get­to im­pren­di­to­ria­le ma an­che a da­re con­si­gli uti­li a mi­glio­ra­re la ca­pa­ci­tà di exe­cu­tion del team e a met­ter­lo in re­la­zio­ne con il no­stro net­work di in­ve­sti­to­ri e im­pren­di­to­ri. A qua­li ti­pi di startup guar­da­te con mag­gio­re at­ten­zio­ne? Il no­stro in­te­res­se è si­cu­ra­men­te orien­ta­to ver­so quel­le idee di bu­si­ness che van­no a ge­sti­re in mo­do in­no­va­ti­vo i ser­vi­zi fi­nan­zia­ri (nel ger­go si par­la di “fin­te­ch”), co­me ad esem­pio nuo­vi si­ste­mi di pa­ga­men­to o stru­men­ti di fi­nan­za al­ter­na­ti­va. Un esem­pio è “Hy­pe”, il no­stro con­to di mo­ne­ta elet­tro­ni­ca che na­sce da una startup ac­ce­le­ra­ta in SEL­LALAB e che ha crea­to una so­lu­zio­ne che per­met­te di tra­sfe­ri­re denaro ai con­tat­ti del­la pro­pria ru­bri­ca, fa­re pa­ga­men­ti con lo smar- tpho­ne in ne­go­zi fi­si­ci, pro­gram­ma­re obiet­ti­vi di ri­spar­mio au­to­ma­ti­ci, ef­fet­tua­re ac­qui­sti su in­ter­net. Hy­pe è so­lo l'ul­ti­mo ca­pi­to­lo di una tra­di­zio­ne che ci ve­de da più di vent'an­ni in­ve­sti­re sull'evo­lu­zio­ne tec­no­lo­gi­ca in am­bi­to fin­te­ch a par­ti­re dai pri­mi si­ste­mi di pa­ga­men­to per l'e-com­mer­ce (lan­cia­ti nel 1998) al tra­sfe­ri­men­to di denaro via smart­pho­ne, fi­no al­la spe­ri­men­ta­zio­ne del­la bloc­k­chain co­me gran­de re­gi­stro con­ta­bi­le glo­ba­le per ogni ti­po di tran­sa­zio­ne. Per­ché la vo­stra scel­ta que­st'an­no è sta­ta di pre­mia­re Fe­lix? Fe­lix rap­pre­sen­ta un mo­do nuo­vo di for­ni­re al­le PMI del ter­ri­to­rio stru­men­ti di pa­ga­men­to e di cre­di­to pa­ral­le­li e com­ple­men­ta­ri a quel­li tra­di­zio­na­li. Un mo­do vir­tuo­so di pen­sa­re l'eco­no­mia lo­ca­le, in­ter­con­nes­sa e col­la­bo­ra­ti­va. Un mo­del­lo quel­lo di Fe­lix che re­pli­ca in Cam­pa­nia quan­to già av­via­to da Sar­dex in Sar­de­gna nel 2009. Que­st'ul­ti­ma ci ha già con­vin­to e, in­sie­me ad al­tri part­ner (In­no­ge­st e Italia ven­tu­re), ci ha spin­to a in­ve­sti­re tre mi­lio­ni di eu­ro nel 2016.

Gen­na­ro Cre­scen­zo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.