Ita­lo Cal­vi­no, le le­zio­ni ame­ri­ca­ne e i new me­dia

Con il suo ul­ti­mo la­vo­ro di na­tu­ra sag­gi­sta, pub­bli­ca­to po­stu­mo nel 1985, lo scrit­to­re in­di­ca quel­la che sa­rà la let­te­ra­tu­ra del fu­tu­ro, la­scian­do­ci un do­no pre­zio­so

Costozero - - Sommario - Di A. Amen­do­la

Ita­lo Cal­vi­no la­scia il mon­do (e le let­te­re) con un te­sto che è una pro­fon­da e an­co­ra at­tua­le ri­fles­sio­ne sul­lo sta­tu­to del­la scrit­tu­ra. «Ci so­no co­se che so­lo la let­te­ra­tu­ra può da­re coi suoi mez­zi spe­ci­fi­ci» scri­ve nel­le sue “Le­zio­ni ame­ri­ca­ne” pub­bli­ca­te po­stu­me nel 1985.Si trat­ta di un ci­clo di con­fe­ren­ze da lui te­nu­te all'Uni­ver­si­tà Har­vard, Cam­brid­ge, nel Mas­sa­chu­setts.Le sue so­no straor­di­na­rie le­zio­ni sul­la “poe­try” in­te­sa co­me ogni for­ma di co­mu­ni­ca­zio­ne poe­ti­ca, quin­di an­che let­te­ra­ria,mu­si­ca­le e fi­gu­ra­ti­va, in cui la scel­ta del te­ma da se­gui­re ri­ma­ne as­so­lu­ta­men­te li­be­ra. L'obiet­ti­vo di Cal­vi­no è in­vi­tar­ci a una ri­fles­sio­ne sui va­lo­ri o sul­le qua­li­tà spe­ci­fi­che del­la let­te­ra­tu­ra da con­ser­va­re e ade­gua­re per il mil­len­nio suc­ces­si­vo: il XXI se­co­lo. Cal­vi­no si in­se­ri­sce in una po­ten­te tem­pe­rie cul­tu­ra­le (par­lia­mo de­gli an­ni Ot­tan­ta del No­ve­cen­to) che co­min­cia a por­si una se­rie di pro­ble­mi ine­ren­ti lo svi­lup­po del­le tec­no­lo­gie, l'in­va­sio­ne del­la “com­pu­ter cul­tu­re” e la di­rom­pen­te cre­sci­ta dei nuo­vi me­dia. Cal­vi­no as­si­ste al pri­mo dif­fon­der­si dei com­pu­ter e ai lo­ro pri­mi svi­lup­pi ap­pli­ca­ti­vi in am­bi­to uma­ni­sti­co, ma le idee che por­ta avan­ti nel­le sue “Le­zio­ni ame­ri­ca­ne ”van­no mol­to ol­tre i pro­gres­si che le tec­no­lo­gie dell'in­for­ma­ti­ca ave­va­no fat­to fi­no a quel mo­men­to e lo ren­do­no pre­cur­so­re del­la ri­fles­sio­ne sui nuo­vi me­dia .So­no sei le pa­ro­le chia­ve per av­vi­ci­na­re il nuo­vo mil­len­nio: la leg­ge­rez­za, la ra­pi­di­tà, l'esat­tez­za, la vi­si­bi­li­tà, la mol­te­pli­ci­tà, la coe­ren­za (so­lo ipo­tiz­za­ta). La leg­ge­rez­za co­me va­lo­re con­tro la pe­san­tez­za e all'opa­ci­tà del mon­do.Qui Cal­vi­no rie­vo­ca il mi­to di Per­seo che scon­fig­ge la Me­du­sa e vo­la con i san­da­li ala­ti che lo ren­do­no leg­ge­ro ,e poi Lu­cre­zio e Ovi­dio, Dan­te e Ca­val­can­ti ,D ic­kin­son e Ja­mes, e Leo­par­di can­to­re del­la lu­na. S plen­di­di esem­pi per mo­stra­re co­me tut­ti que­sti scrit­to­ri si sia­no ser­vi­ti del­la leg­ge­rez­za nel­lo sti­le, nel lin­guag­gio, nel­le strut­tu­re per co­mu­ni­ca­re, in­ve­ce, il pe­so, lo spes­so­re, la con­cre­tez­za del­le co­se, dei cor­pi, del­le sen­sa­zio­ni.La se­con­da Le­zio­ne è sul­la ra­pi­di­tà. Par­ten­do dall'as­sun­to che il rac­con­to è un'ope­ra­zio­ne sul­la du­ra­ta, con­trae o di­la­ta il tem­po, Cal­vi­no so­stie­ne che la let­te­ra­tu­ra as­su­ma il ruo­lo di via di co­mu­ni­ca­zio­ne tra ciò che è di­ver­so in quan­to è di­ver­so, esal­tan­do­ne le dif­fe­ren­ze ed evi­tan­do, co­sì, il ri­schio dell'ap­piat­ti­men­to di ogni co­mu­ni­ca­zio­ne in un tes­su­to uni­for­me e omo­ge­neo.La ra­pi­di­tà del­lo sti­le e del pen­sie­ro as­su­me il si­gni­fi­ca­to di agi­li­tà, mo­bi­li­tà, di­sin­vol­tu­ra: un ra­gio­na­men­to ve­lo­ce co­mu­ni­ca qual­co­sa di spe­cia­le pro­prio nel­la pro­pria svel­tez­za, non ne­ces­sa­ria­men­te per­ché è mi­glio­re di un ra­gio­na­men­to pon­de­ra­to.La ter­za è l'esat­tez­za, il prin­ci­pio del­la pun­tua­li­tà, del ri­go­re, del to­no asciutto. La quar­ta trat­ta del­la vi­si­bi­li­tà che si espri­me at­tra­ver­so due pro­ces­si im­ma­gi­na­ti­vi: uno che par­te dal­la parola e ar­ri­va all'im­ma­gi­ne e un al­tro che par­te dall'im­ma­gi­ne e ar­ri­va all'espres­sio­ne ver­ba­le. La quin­ta è la mol­te­pli­ci­tà ed è si­cu­ra­men­te la vo­ce che dav­ve­ro sem­bra an­nun­cia­re i prin­ci­pi del­la scrit­tu­ra con­tem­po­ra­nea.Una scrit­tu­ra che rie­sce ad aprir­si ad ul­te­rio­ri pia­ni di scrit­tu­ra. Mol­ti­pli­can­do­si, am­pli­fi­can­do­si, di­ven­tan­do ter­ri­to­rio in con­ti­nuo mo­vi­men­to. L'ul­ti­ma è la

coe­ren­za. Ma Cal­vi­no non la com­pi­la e ci la­scia sol­tan­to una sug­ge­stio­ne. Cal­vi­no con “Se una not­te d'inverno un viag­gia­to­re” ha ri­vo­lu­zio­na­to la con­ce­zio­ne del ro­man­zo ita­lia­no e in­di­ca quel­la che sa­rà la let­te­ra­tu­ra del fu­tu­ro. In­som­ma, con le “Le­zio­ni ame­ri­ca­ne”C al­vi­no ci la­scia un do­no pre­zio­so e, an­cor og­gi, lu­ci­do via­ti­co per la scrit­tu­ra e le sue in­fi­ni­te li­nee di fu­ga.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.