San Va­len­ti­no con­tro

L’uni­co mo­do og­gi per es­se­re al­ter­na­ti­vi è ce­le­brar­le le fe­ste, oc­ca­sio­ni giu­ste per di­mo­stra­re sen­ti­men­ti non co­man­da­ti

Costozero - - Sommario - Di N. San­ti­ni

Lo scri­vo a da­ti rac­col­ti, ba­che­che spia­te, la­men­te­le ri­ce­vu­te, mes­sag­gi a ca­te­na wha­tsap­pa­ti. San Va­len­ti­no, co­me Na­ta­le, co­me il tre­ni­no di Ca­po­dan­no, co­me Ognis­san­ti (cui pre­fe­ri­sco­no Hal­lo­ween), è finito nel mi­ri­no di quel­li che, per par­ti­to pre­so, de­vo­no schie­rar­si con­tro le fe­ste co­man­da­te, an­che se que­sta è tra­di­zio­ne im­por­ta­ta. San Va­len­ti­no scon­ten­ta tut­ti: quel­li che non han­no qual­cu­no da amare, per­ché ce l'han­no col mon­do e l'uma­ni­tà, e quel­li che ma­ga­ri ce l'han­no ma vo­glio trin­ce­rar­si dietro la scusa che se ami qual­cu­no non hai bi­so­gno di un gior­no spe­cia­le per di­mo­strar­lo. E con quel­la scusa non fan­no un tubo né per lo­ro stes­si, né per chi han­no a cuo­re. Non so qua­le san­to sia quel­lo che pro­teg­ge i fur­bet­ti del brac­ci­no, ma si­cu­ro fat­tu­ra più di me. Io fac­cio par­te del team di quel­li che «ogni scusa è buo­na per ce­le­bra­re». Che sia un san­to (non a ca­so mi chia­mo San­ti­ni), che sia una vit­to­ria, un pas­so in avan­ti per la de­mo­cra­zia o un gior­no spe­cia­le ar­chi­tet­ta­to dai ge­ni del mar­ke­ting, pen­so che la vi­ta ci met­ta fin trop­pe trap­po­le per non ri­ta­gliar­ci mo­ti­vi per fe­steg­gia­re sen­za sta­re a far­ci trop­pe do­man­de. Ma tor­nia­mo a San Va­len­ti­no: non vo­le­te ve­der­lo co­me un ob­bli­go? Ve­de­te­lo co­me una scusa: per ve­stir­vi be­ne, per man­gia­re cioccolato sen­za sen­si di col­pa, per usa­re quel­la to­va­glia che ave­te com­pra­to o ere­di­ta­to ma che non an­dreb­be be­ne per il pa­ne quo­ti­dia­no, per apri­re la bot­ti­glia che vi han­no re­ga­la­to..Non va be­ne il 14 per­ché odia­te le da­te ob­bli­ga­to­rie? Fa­te­lo il 15, il 16, il 18. E fa­te­lo con amici, con cu­gi­ni, con la mam­ma, l'im­por­tan­te è non in­ca­ro­gnir­si (co­me di­ce­va mia non­na) ri­man­dan­do l'ap­pun­ta­men­to con l'amo­re al­le con­giun­zio­ni astra­li per­fet­te. Per­ché di per­fet­to, si sa, c'è sol­tan­to la ca­pa­ci­tà di la­men­tar­si quan­do le co­se non van­no. A que­sto pun­to, ve­ra­men­te, ri­cor­dia­mo­ci, che sia il 14 feb­bra­io o il 20 mar­zo, di tro­va­re un gior­no, un week end, un'ora per di­mo­stra­re, a chi vo­glia­mo be­ne, quel­lo che spes­so dia­mo per scon­ta­to ma che scon­ta­to non è.

« Tor­nia­mo a San Va­len­ti­no: non vo­le­te ve­der­lo co­me un ob­bli­go? Ve­de­te­lo co­me una scusa: per ve­stir­vi be­ne, per man­gia­re cioccolato sen­za sen­si di col­pa, per usa­re quel­la to­va­glia che ave­te com­pra­to o ere­di­ta­to ma che non an­dreb­be be­ne per il pa­ne quo­ti­dia­no, per apri­re la bot­ti­glia che vi han­no re­ga­la­to... »

ph/Ch­ri­stian Ciar­del­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.