SCHERILLO, CLE: L’IDEA È L’IN­VE­STI­MEN­TO!

La presidente del Grup­po Ser vi­zi di Con­fin­du­stria Ba­ri e BAT ri­mar­ca l’im­por tan­za di sa­per leg­ge­re i ter­ri­to­ri e di sta­re al pas­so con le e vo­lu­zio­ni nor­ma­ti­ve: Pre­sta­re at­ten­zio­ne a tali con­te­sti rap­pre­sen­ta per CLE un pre­sup­po­sto fon­da­men­ta­le per ge­ne

Costozero - - Sezione Imprese - II Posto -

Pre­sen­tia­mo il pro­get­to: chi so­no og­gi i de­sti­na­ta­ri, le ap­pli­ca­zio­ni e i mer­ca­ti? Na­ta nel 1987, CLE è una real­tà nell'ICT a li­vel­lo na­zio­na­le. Nel cor­so di que­sti an­ni, nu­me­ro­se so­no sta­te le tra­sfor­ma­zio­ni in or­di­ne al­la re­spon­sa­bi­li­tà che gli En­ti Lo­ca­li han­no del go­ver­no del ter­ri­to­rio. La no­stra azien­da si è sem­pre oc­cu­pa­ta del­la pro­du­zio­ne di pro­dot­ti e ser­vi­zi spe­cia­li­sti­ci in am­bi­to IT e, per­tan­to, ha vo­lu­to da­re un con­tri­bu­to for­te al­la rea­liz­za­zio­ne di stru­men­ti che ac­com­pa­gni­no gli En­ti in que­sta fa­se di mu­ta­men­to so­stan­zia­le del­le re­spon­sa­bi­li­tà. In que­sta cor­ni­ce è na­to Re­set­ta­mi. La sua na­sci­ta coin­ci­de dun­que con un bi­so­gno ri­le­van­te di “pro­gram­ma­zio­ne” e di “di­se­gno dei pro­ces­si” al qua­le Re­set­ta­mi ha po­tu­to ri­spon­de­re in ma­nie­ra ade­gua­ta, tan­to da es­se­re sta­ta adot­ta­ta da nu­me­ro­si Am­bi­ti So­cia­li di Zo­na per la ge­stio­ne in­te­gra­ta dei per­cor­si so­cio-sa­ni­ta­ri. L'espe­rien­za ha por­ta­to CLE ad in­ve­sti­re mol­to sul­lo svi­lup­po del­la piat­ta­for­ma, tan­to da far­la di­ve­ni­re una “Suite” che com­pren­de nu­me­ro­si pro­dot­ti, del­la me­de­si­ma fa­mi­glia, rivolta al sod­di­sfa­ci­men­to dei bi­so­gni dei Co­mu­ni, del­le ASL e del­le Coo­pe­ra­ti­ve So­cia­li. Quan­to è du­ra­ta la fa­se di pro­get­ta­zio­ne e preparazione del pia­no di mar­ke­ting? I pri­mi me­si di “crea­zio­ne” del por­ta­le so­no ser­vi­ti ad in­di­vi­dua­re le ne­ces­si­tà de­ri­van­ti dal­lo svi­lup­po nor­ma­ti­vo af­fe­ren­te al wel­fa­re so­cio-sa­ni­ta­rio. Ciò ha ga­ran­ti­to la pos­si­bi­li­tà di di­se­gna­re pro­dot­ti in gra­do di sod­di­sfa­re im­me­dia­ta­men­te le ri­chie­ste di in­for­ma­tiz­za­zio­ne dei pro­ces­si pro­pri de­gli Am­bi­ti So­cia­li di Zo­na ai qua­li si è sta­ti in gra­do, nel gi­ro di un so­lo an­no, di for­ni­re il pri­mo stru­men­to de­no­mi­na­to “Re­set­ta­mi AM­BI­TO”. L'at­ti­vi­tà di ri­cer­ca ha poi pro­dot­to evo­lu­zio­ni che, ad og­gi, ri­spon­do­no ai bi­so­gni di una pla­tea di clien­ti che si è al­lar­ga­ta al­le ASL e quin­di ai Di­stret­ti So­cio-Sa­ni­ta­ri, ai sin­go­li Co­mu­ni e al­le Coo­pe­ra­ti­ve so­cia­li. A ta­le at­ti­vi­tà di pro­get­ta­zio­ne con­ti­nua è sta­ta af­fian­ca­ta un'at­ti­vi­tà di mar­ke­ting che se­gue le li­nee di

svi­lup­po del­la “Suite Re­set­ta­mi” e che ne an­ti­ci­pa­no/ evi­den­zia­no le ul­te­rio­ri po­ten­zia­li­tà evo­lu­ti­ve. L’idea vi è sem­bra­ta da su­bi­to spen­di­bi­le sul mer­ca­to? Co­me già an­ti­ci­pa­to, Re­set­ta­mi na­sce sul­la scor­ta di un bi­so­gno dif­fu­so do­vu­to al­lo svi­lup­po di una nor­ma­ti­va che ha pre­vi­sto la pro­gram­ma­zio­ne dei ser­vi­zi sui sin­go­li ter­ri­to­ri. A CLE, non so­lo è sem­bra­ta un'idea spen­di­bi­le, ma ha rap­pre­sen­ta­to la “ram­pa di lan­cio” per la pre­di­spo­si­zio­ne di una se­rie di stru­men­ti in gra­do an­che di an­ti­ci­pa­re il mer­ca­to, qua­li­fi­can­do ul­te­rior­men­te le pro­po­ste di in­ter­ven­to e ade­guan­do i pro­ces­si stan­dard ed evo­lu­ti­vi dei sin­go­li En­ti clien­ti. La lo­gi­ca nel­la qua­le CLE si è mos­sa du­ran­te tut­ti gli an­ni del­la sua at­ti­vi­tà è sta­ta quel­la di of­fri­re com­pe­ten­za, af­fi­da­bi­li­tà e pun­tua­li­tà nel­la ri­so­lu­zio­ne dei pro­ble­mi, in una pro­spet­ti­va di con­ti­nuo mi­glio­ra­men­to dei ser­vi­zi ai pro­pri clien­ti. Si è sem­pre scel­to di la­vo­ra­re af­fian­can­do i clien­ti nei lo­ro pro­ces­si di cam­bia­men­to at­tra­ver­so so­lu­zio­ni IT in­no­va­ti­ve e ri­spon­den­ti al rag­giun­gi­men­to dei lo­ro obiet­ti­vi. Per­ché un pro­get­to va­da in por­to quan­to con­ta l’idea e quan­to gli in­ve­sti­men­ti? Pen­sia­mo che l'in­ve­sti­men­to deb­ba par­ti­re da una idea vin­cen­te. Ne­gli an­ni ab­bia­mo com­pre­so che l'idea vin­cen­te è, di suo, il pro­dot­to di un in­ve­sti­men­to; è la ca­pa­ci­tà di sa­per leg­ge­re i ter­ri­to­ri, i bi­so­gni dei clien­ti, l'ana­li­si del­le tra­sfor­ma­zio­ni nor­ma­ti­ve. Pre­sta­re at­ten­zio­ne a tali con­te­sti rap­pre­sen­ta per CLE un im­por­tan­te in­ve­sti­men­to ca­pa­ce di ge­ne­ra­re idee vin­cen­ti sul­le qua­li, a lo­ro vol­ta, in­ve­sti­re per svi­lup­pa­re e mi­glio­ra­re i ser­vi­zi/pro­dot­ti. L'idea è l'in­ve­sti­men­to! L'in­ve­sti­men­to è lo stru­men­to ca­pa­ce di mi­glio­ra­re l'idea af­fin­ché pro­du­ca red­di­to per l'azien­da e ser­vi­zi “esclu­si­vi” per i clien­ti.

Ma­ria­ro­sa­ria Scherillo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.