Caf­fè Tru­cil­lo, trop­po buo­no per es­se­re so­lo un pre­te­sto

Costozero - - SOMMARIO - di R. Ve­ne­ran­do

Sul­le pri­me gli pe­sa sul­le spal­le la re­spon­sa­bi­li­tà del ri­schio di smar­ri­re la rot­ta dell’azien­da, ma non ac­cor­cia il pas­so. In­si­ste. Il tem­po gli dà ra­gio­ne e il pe­ri­co­lo viene scon­giu­ra­to dall’in­tel­li­gen­za con cui il gio­va­ne Tru­cil­lo si ri­ve­la ca­pa­ce di an­no­da­re le ipo­te­si in­no­va­ti­ve proposte al­la sua squa­dra a nu­me­ro­si ap­pi­gli di­ven­ta­ti an­co­ra si­cu­re. Si­cu­ro, in pri­mo luogo, ie­ri co­me og­gi Mat­teo lo è del suo caf­fè. Chic­chi di pri­mis­si­ma scel­ta pro­ve­nien­ti da tre con­ti­nen­ti - Cen­tro e Sud Ame­ri­ca, Afri­ca e Asia - che gli esper­ti del La­bo­ra­to­rio Con­trol­lo Qua­li­tà in­ter­ni all’azien­da, do­po scru­po­lo­se ana­li­si qua­li­ta­ti­ve e or­ga­no­let­ti­che, ren­do­no sa­pien­ti mi­sce­le (ben 14). di vita e di la­vo­ro: la Caf­fè Mo­ka Sa­ler­no. L’azien­da, già al­lo­ra, non tar­da a im­por­si sul mer­ca­to, gra­zie al­la qua­li­tà del pro­dot­to e al­la rete com­mer­cia­le ben or­ga­niz­za­ta. È agli ini­zi de­gli an­ni No­van­ta, pe­rò, che la tor­re­fa­zio­ne ac­qui­sta so­li­di­tà e mag­gio­re cre­di­to, quan­do Mat­teo - fi­glio di Ce­sa­re - po­co più che ven­ten­ne de­ci­de non so­lo di cam­bia­re in­se­gna, ma sti­le. Con­vin­ce tut­ti che sia giun­to or­mai il tem­po di ab­ban­do­na­re le mo­da­li­tà di­stri­bu­ti­ve che fa­ce­va­no per­no sul­la le­va fi­nan­zia­ria (an­co­ra og­gi mol­to in vo­ga nel set­to­re) per vi­ra­re ver­so una fi­lo­so­fia d’azien­da ia­li­na, ir­re­pren­si­bi­le, in cui gli scam­bi con i pro­pri clien­ti fi­na­li - prin­ci­pal­men­te bar - so­no di­ret­ti ed eti­ci. Mai più in­cen­ti­vi al­let­tan­ti per la sup­ply chain, mai più cir­co­li vi­zio­si con cui le­ga­re a sé la clien­te­la. Mat­teo sa che il suo è un ot­ti­mo caf­fè e che an­co­ra mi­glio­ri pos­so­no es­se­re i servizi pro­fes­sio­na­li da of­fri­re ed è su quel­li, so­lo su quel­li, che de­ci­de di pun­ta­re.De­ter­mi­na­to, ap­pas­sio­na­to e mai sa­zio di co­no­sce­re di più il suo pro­dot­to, Mat­teo da al­lo­ra po­ne os­ser­va­zio­ni sul co­me es­se­re im­pren­di­to­ri del caf­fè sen­za se­gui­re stra­de no­te, sep­pur ap­pa­ren­te­men­te più sem­pli­ci, ma apren­do­ne di nuo­ve. Che sia be­vu­to di buon mat­ti­no o gu­sta­to a fi­ne pa­sto, il caf­fè - nel­la sua bon­tà sem­pli­ce - è un pic­co­lo pia­ce­re uni­ver­sa­le. La be­van­da più ama­ta de­gli ita­lia­ni, ter­za tra le ma­te­rie pri­me più com­mer­cia­liz­za­te del mon­do, è da sem­pre, in­fat­ti, su­bli­ma­zio­ne del­la pau­sa, si­gil­lo di in­con­tri e ri­to an­ti­co che af­fon­da le sue ra­di­ci nel­la ros­sa ter­ra afri­ca­na. Del suo va­lo­re di apo­stro­fo ro­sa tra le parole “gior­no” e “con­vi­via­li­tà”, ne ha fat­to un im­pe­gno ap­pas­sio­na­to la Ce­sa­re Tru­cil­lo spa, tor­re­fa­zio­ne sa­ler­ni­ta­na che viene da lon­ta­no, og­gi mol­to no­ta in Ita­lia e all’este­ro. Ne­gli an­ni Cin­quan­ta Ce­sa­re, coa­diu­va­to dai fra­tel­li Um­ber­to, Mat­teo e Vit­to­rio, è sta­to il pri­mo del­la fa­mi­glia a la­sciar­si se­dur­re dal vi­no d’Ara­bia, tan­to da far­lo di­ven­ta­re il cen­tro di un pro­get­to

An­to­nia Tru­cil­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.