Rior­ga­niz­za­zio­ne azien­da­le, la di­stri­bu­zio­ne dell'ora­rio può sal­va­re dal li­cen­zia­men­to

Lo sta­tus di la­vo­ra­tri­ci part ti­me può in ta­lu­ni ca­si, co­me quel­lo in com­men­to, es­se­re di osta­co­lo al man­te­ni­men­to del po­sto di la­vo­ro

Costozero - - Sommario - di M. Am­bron

Con la sen­ten­za n.18409 del 20/9/2016, la Cor­te Su­pre­ma di Cas­sa­zio­ne ha af­fer­ma­to il prin­ci­pio che- in ca­so di rior­ga­niz­za­zio­ne azien­da­le- la scel­ta del­la la­vo­ra­tri­ce ba­sa­ta sul­la di­ver­sa di­stri­bu­zio­ne dell'ora­rio di la­vo­ro ri­spet­to ad al­tra la­vo­ra­tri­ce full ti­me, può es­se­re va­li­do mo­ti­vo di ri­so­lu­zio­ne con­trat­tua­le. L'azien­da in que­stio­ne, in­fat­ti, tro­van­do­si in dif­fi­col­tà fi­nan­zia­rie de­ci­se di rior­ga­niz­za­re l'uf­fi­cio di se­gre­te­ria di Roma, ri­du­cen­do ad una le due uni­tà che vi la­vo­ra­va­no, l'una a part ti­me, l'al­tra full ti­me. Fal­li­ti i ten­ta­ti­vi ge­stio­na­li per una so­lu­zio­ne bo­na­ria, l'azien­da li­cen­ziò la la­vo­ra­tri­ce se­gre­ta­ria part-ti­me per giu­sti­fi­ca­to mo­ti­vo og­get­ti­vo, in quan­to in ba­se al­la rior­ga­niz­za­zio­ne in at­to il ser­vi­zio di se­gre­te­ria po­te­va es­se­re svol­to da una uni­tà ad ora­rio com­ple­to. Di con­se­guen­za la se­gre­ta­ria full ti­me man­ten­ne il po­sto di la­vo­ro, a di­sca­pi­to del­la col­le­ga part ti­me. Que­st'ul­ti­ma im­pu­gnò il li­cen­zia­men­to in­ti­ma­to­le per giu­sti­fi­ca­to mo­ti­vo og­get­ti­vo, in quan­to a suo di­re era pre­te­stuo­so, le­ga­to so­lo ad in­cre­men­to di pro­fit­to del­la So­cie­tà e in ra­gio­ne del suo ora­rio a tem­po par­zia­le, pe­ral­tro tu­te­la­to dal­le nor­ma­ti­ve vi­gen­ti, non ri­spet­to­so di cri­te­ri di mag­gio­re an­zia­ni­tà e ca­ri­co fa­mi­lia­re. La do­man­da di rein­te­gra nel po­sto di la­vo­ro fu ri­get­ta­ta sia in pri­mo gra­do, sia in Cor­te diAp­pel­lo, ri­te­nen­do co­sì cor­ret­te le de­ci­sio­ni azien­da­li nel­la scel­ta fat­ta in buo­na fe­de e cor­ret­tez­za. D' al­tra par­te gli or­ga­ni giu­di­can­ti era­no con­sa­pe­vo­li che il con­trol­lo giu­ri­sdi­zio­na­le ha dei li­mi­ti in­va­li­ca­bi­li pre­vi­sti dall'art. 41 del­la Co­sti­tu­zio­ne che ga­ran­ti­sce l'au­to­no­mia e in­sin­da­ca­bi­li­tà nel me­ri­to del­le scel­te im­pren­di­to­ria­li. Nel ca­so di spe­cie han­no rav­vi­sa­to, at­tra­ver­so la istrut­to­ria e la do­cu­men­ta­zio­ne pro­dot­ta, il ge­nui­no ed ef­fet­ti­vo cam­bia­men­to or­ga­niz­za­ti­vo di na­tu­ra strut­tu­ra­le. La Cas­sa­zio­ne con­fer­ma le sen­ten­ze di pri­mo e se­con­do gra­do e re­spin­ge di con­se­guen­za i due mo­ti­vi che so­no a ba­se

del ri­cor­so per cas­sa­zio­ne. Il pri­mo “vio­la­zio­ne de­gli art. 3 leg­ge 604/1966 de­gli art. del c.c. n. 1175 e 1375 per ine­si­sten­za del giu­sti­fi­ca­to mo­ti­vo og­get­ti­vo, er­ro­nea­men­te in­di­vi­dua­to in una me­ra ri­du­zio­ne dei co­sti, in fun­zio­ne di un in­cre­men­to di pro­fit­to con sop­pres­sio­ne non già del po­sto di la­vo­ro, ma del la­vo­ra­to­re

tout court” non sus­si­ste se­con­do la S.C. per­ché già nei giu­di­zi pre­ce­den­ti è sta­ta ac­cer­ta­ta la ef­fet­ti­vi­tà del cam­bia­men­to or­ga­niz­za­ti­vo e ta­le scel­ta è de­ci­sa au­to­no­ma­men­te dall'im­pren­di­to­re, che ha di­mo­stra­to la ge­nui­ni­tà, buo­na fe­de e cor­ret­tez­za.An­che il se­con­do mo­ti­vo non è sta­to ap­prez­za­to dal­la S.C. in quan­to si ba­sa­va sul­la inos­ser­van­za di cri­te­ri di scel­ta e sul­la fun­gi­bi­li­tà del­le man­sio­ni del­le due se­gre­ta­rie. La Cor­te ha ri­cor­da­to an­co­ra l'art. 41 del­la Co­sti­tu­zio­ne, pre­ci­san­do inol­tre che il cri­te­rio di scel­ta azien­da­le fu stret­ta­men­te con­nes­so all'ora­rio di la­vo­ro del­le due se­gre­ta­rie, le cui pre­sta­zio­ni pro­prio per que­sto non era­no fun­gi­bi­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.